FINANZE - NEWS http://www.finanze.net NEWS it info@finanze.net info@finanze.net FINANZE RSS Feed Generator Bio-On, Nessun Tasso di Crescita Giustifica Questi Prezzi Seicentoventi volte gli utili le quotazioni di questa azienda che vale più di un miliardo sulla borsa italiana e fa pochi milioni di utile. Neanche Netflix è arrivata a simili eccessi. Certo il settore è interessante e l'azienda (che insieme a Juventus è il migLior titolo del listino, l'arrivo di Ronaldo ha raddoppiato il valore in borsa) ha tecnologie proprietarie ma questi multipli sarebbero giustificabili se si pensasse con ragionevole approssimazione ch nel 2019 il fatturato decuplichi (non sarebbe possibile neanche per limiti alla capacità produttiva). Ogni tanto arrivano questi missili sul mercato italiano, nei primi anni di questo decennio in particolare nelle biotecnologie.   http://www.finanze.net/news-Bio_On_Nessun_Tasso_di_Crescita_Giustifica_Questi_Prezzi-5400.html Tue, 13 Nov 2018 09:16:00 GMT Italia e Gran Bretagna, Due Passaggi Importanti Ci sbaglieremo ma la sensazione, a giudicare dal contenuto di quello che Barnier oggi invierebbe alla Gan Bretagna è ch davvero si faccia di tutto per non farne niente o almeno per convincere i Britannici ad un secondo referendum. In Italia dopo il teatrino di ieri sugli incontri cui non avrebbe partecipato Tria,  è probabile non si capisca molto dalla risposta che il ministro dell'Economia invierà oggi a Bruxelles: se dunque le due parti hanno concordato una soluzione di facciata che consenta al governo di dire che le cose si fanno ma poi sul piano dei conti non avvengono (chi va in pensione a quota 100 subirebbe un taglio sino al 30% della pensione, come per il reddito di cittadinanza sembra misura concepita perché vi possano aderire in pochissimi).  Ci sembra lo scenario più probabile, il che non risolve anzi aggrava la mancanza di sostegno agli investimenti (tagli importanti a Industria 4.0, probabilmente la cosa migliore dell'era Renzi), ma consentirebbe alle borse e  soprattutto ai tassi sul debito di prendere una pausa da questa pressione. Il rischio di una posizione di compromesso è che venga presentata come una vittoria dall'esecutivo e che quindi la corda si tenda ancora di pù scatenando, se ve ne è ancora bisogno, nazionalismi estremi. Lo scenario migliore per l'economia, anche se più traumatico sul piano politico, sarebbe invece quello in cui l'Italia viene sottoposta a una procedura, sul debito (non sul deficit), pluriennale, che prevede revisioni trimestrali per un periodo esteso. Verrebbe certo rifiutat sdegnosamente dal governo ma a quel punto il tema della permanenza dell'Italia nell'euro sarebbe da risolvere, e la crisi politica inevitabile. Inoltre con l'ennesimo salvataggio di una banca ieri, è abbastanza evidente che i soldi del prestito subordinato che viene forzatamente assimilato a capitale le banche che hanno "volontariamente"  buttato dalla finestra trecentocinquanta mlioni non li rivedranno facilmente, mettersi a contestare la procedura di infazione vorrebbe dire una crisi di liquidità per banche ben più grandi (Banco-Bpm ad esempuo o MPS in cui lo stato non puà buttare altri soldi dei contribuenti perché si è impegnato ad uscirne entro il 2021.) Se i politici non ci arrivano da soli perché più interessati ai voti che al bene del paese, una disciplina imposta dall'esterno potrebbe essere la unica soluzione per gradualmente liberare risorse verso gli investimenti produttivi. La gestione della crisi greca da parte delle autorità di Bruxelles non è stata certo edificante ma lì si trattava di correggere errori passati, qui i danni sono in corso e possono solo aumentare altrimenti.  http://www.finanze.net/news-Italia_e_Gran_Bretagna_Due_Passaggi_Importanti-5399.html Tue, 13 Nov 2018 08:36:00 GMT Carige, Questo Governo Come Tutti Quelli Prima I metodi sono sempre gli stessi, i soldi per l'aumento non ci sono allora si emette una obbligazione, sottoscritta "volontariamente" da tutte le banche attraverso il Fondo di Garanzia (che di per sè non ha un euro) che viene considerata a patrimonio perché dovrebbe essere rimborsata a breve e sostituita da un aumento di capitale che non si sa bene chi sottoscriverebbe https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-11-11/carige-nuovo-aumento-capitale-e-bond-finanziato-banche-italiane-194807.shtml?uuid=AEKaW5eG. il mercato, a giudicare da dove è arrivato l'euro dollaro stamane, ha cessato di credere che l'Italia stia bluffando. Speriamo invece che dietro i numeri che comunque saranno presentati a Bruxelles per salvare la faccia si nasconda lo stralcio definitivo delle misure più insensate e dolorose. Se così non sarà l'Italia potrà decidere di non pagare la sanzione di Bruxelles ma dopo Carige il filotto di banche che avranno bisogno immdiato di contributi "volontari" si estenderà ad alcune medo grndi, anche tra quelle che hanno appena passato gli stress test (basati su risultati del 2017). E i tassi sul debito pubblco saliranno in qul caso ancora molto. http://www.finanze.net/news-Carige_Questo_Governo_Come_Tutti_Quelli_Prima-5398.html Mon, 12 Nov 2018 08:37:00 GMT Legge di Bilancio, Brexit, i Mercati Immaginano Siano Bluff Nessuno capisce più se le discussioni sono serie o solo montature, la stessa apparente diatriba sui confini irlandesi rasenta l'assurdo https://www.independent.co.uk/news/uk/politics/brexit-talks-uk-economy-eu-theresa-may-deal-latest-european-commission-a8624911.html La risposta di Tria alle nuove stime di crescita provenienti dalla Commissione è talmente priva di significato da far pensare che dietro i sipari vi sia un accordo, per lo stralcio definitivo di reddito di cittadinanza e flat tax anche per un prevedibile futuro. Qualche dubbio è lecito, nel 2020 le stime di crescita per la Gran Bretagna, in caso di Brexit sono addirittura inferiori a quelle per l'Italia, sembra che Bruxelles faccia di tutto per convincere le sue controparti londinesi a  lasciare perdere. Da qui a martedì su entrambi i paesi, vi saranno elementi di migLiore comprensione. Sino ad allora investire in Europa è davvero impossbile, mentre dopo la riunione Fed di ieri, dove niente di nuovo è stato detto ma  mercati l'hanno interpretatata negativamente, le opportunità non mancano. http://www.finanze.net/news-Legge_di_Bilancio_Brexit_i_Mercati_Immaginano_Siano_Bluff-5397.html Fri, 9 Nov 2018 08:03:00 GMT Brexit. Oggi Dovrebbe Capirsi se E' un Bluff Affidata ad un avvocato londinese  di grido la trattativa che pare dovrebbe vedere oggi una svolta. Continuiamo a ritenere una soluzione improbabile, ragione per cui abbiamo  chuso nei giorni scorsi le posizioni in sterlina. http://www.finanze.net/news-Brexit_Oggi_Dovrebbe_Capirsi_se_E_un_Bluff-5396.html Thu, 8 Nov 2018 10:49:00 GMT Trump, Più una Vittoria che una Sconfitta Stamattina larga parte della stampa finanziaria si affretta a decretare che i risultati di stallo, dove gli iter legisltativi vengono rimbalzati da una all'altra Camera (di nuovo controllate da due parti diverse) sono buoni per la borsa, come a dire in sotanza che la finanza vota per l'antipolitica. Non sono moltissime le cose che Trump ha messo in piedi e che richiedono l'approvazione di entrambe le camere; in più i Repubblicani ora non hanno davvero grandi alternative se non stringersi intorno a Trump che al Senato ha maturato un indubbio successo. I più moderati sedevano alla Camera bassa i più fedeli a Trump. al Senato, sono ancora più forti. Non crediamo cambi molto alla fine per le borse, a meno che la Fed ora si senta più libera di agire in autonomia. Questo è probabilmente l'evento più importante dei prossimi dieci giorni.     http://www.finanze.net/news-Trump_Pi_una_Vittoria_che_una_Sconfitta-5395.html Wed, 7 Nov 2018 07:44:00 GMT Mercati, Mai Tanti Eventi Cosi' Concentrati in Pochi Giorni Apparentemnte Tria oppone un altro rifiuto categorico a cambiamenti sulla manovra. Che sia vero o meno non potrebbe fare altrimenti che sostenerlo in pubblico, perché l governo perderebbe la faccia in caso contrario. Siamo come indicavamo nella ultima newsletter più propensi a credere che lo stralcio di controriforma Fornero e reddito di cittadinanza dalla Legge di Bilancio consentano di trovare un accordo con la Ue, che però dovrà imporre che queste misure siano eventualmenTe discusse per disegno Legge, in modo da dare alla Commissione Europea il tempo di reagire. La decisone della Fed di giovedì non è indipendente dal risultato elettorale di questa tornata. Prendere posizioni che non siano allo scoperto su alcuni titoli tecnologici o sul mercato dei cambi questa settimana non ha molto senso.     http://www.finanze.net/news-Mercati_Mai_Tanti_Eventi_Cosi_Concentrati_in_Pochi_Giorni-5394.html Tue, 6 Nov 2018 08:25:00 GMT Stati Uniti, Attendere i Risultati Cosa succeda se i Repubblicani manterrranno o meno il controllo delle due Camere nelle elezioni di domani davvero è ignoto, la borsa spesso reagice agli eventi politici con reazoni opposte a quelle logicamente prevedibili. La corsa dei mercati della settimana passata è stata violenta, oggi verosimilmente borse dimesse e davvero invece che scommettere su questo o quel risultato attenderemmo mercoledì o giovedì prossimo prima di effettuare acquisti sulla borsa americana. Una cosa ci sembra probabile, nel caso i Democratci riconquistino una delle due Camere: un rimbalzo del settore tech, pure ancora enromemente sopravvalutato; tanti di quelli che si siedono in Parlamento hanno fatto i soldi come consiglieri nei principali gruppi (Google in particolare). Probabilmente il primo effetto sarebbe quello di allentare la morsa su aziende come Amazon il cui modello di business è legato a una serie di privilegi che l'amministrazione americana sta in parte smontando. L'altro effetto possibile sarebbe un rimbalzo dei grupp che hanno resistito alla richesta pressante dell'amministrazione di riportare negli Stati Uniti gli stabilimenti produttivi, in particolare General Electric.  http://www.finanze.net/news-Stati_Uniti_Attendere_i_Risultati-5393.html Mon, 5 Nov 2018 07:07:00 GMT Sterlina, Chiudiamo Posizioni Obbligazionarie Grosso balzo della sterlina, almeno contro euro dopo le varie speculazioni su un imminente accordo per i confini irlandesi. Continuamo ad avere la forte sensazione che entrambe le parti vogliano prolungare il più a lungo possibile questo stallo. Rimaniamo con molto poco al portafoglio obblgazionario, ma davvero non vediamomolto da fare.  http://www.finanze.net/news-Sterlina_Chiudiamo_Posizioni_Obbligazionarie-5392.html Fri, 2 Nov 2018 10:37:00 GMT Guerra Commerciale, Fine della Sceneggiata Stamane le testae riportano notizia del dilogo "molto costruttivo" intervenuto tra i leader delle più grandi economie che parla di un accordo molto vicino. Trump sa che le piccole attività commerciali dipendono in modo decisivo dalle importazioni con la Cina ed è evidentemente preoccupato per l'esto delleelezioni di metà mandato.  La borsa cinese rimane la più interessante in assoluto, nonostante i forti rialzi di questa settimana. Effetto positivo di trascinamento dovrebbe seguire sulla borsa coreana, per entrambe ampie selezioni di titoli  tutti quotati a New York, ai nostri servizi. http://www.finanze.net/news-Guerra_Commerciale_Fine_della_Sceneggiata-5391.html Fri, 2 Nov 2018 08:07:00 GMT Legge di Bilancio, Buone Notizie Per la Borsa, nel Paese di Pulcinella La manovra è decisamente la peggiore della storia repubblicana ma almeno, trucchetto sembra escogitato da Giorgetti, l'effettiva spesa per i due capitoli non è immediata ma vincolata a disegni legge l'anno venturo che veosimilmente non potranno essere (eventualmente) prima della seconda metà dell'anno (dopo le elezioni europee), quando sarà chiaro che le previsioni di crescita sono irrealizzabili. SI chiamerà Investitalia https://www.milanofinanza.it/news/manovra-nasce-investitalia-201810311904577149 ma ironicamente taglierà gli invstimenti di quattro volte in più d quanto tagli la spesa. Ironicamente nè esce una manovra restrittiva, che tra l'altro non prevede tagli alle pensioni d'oro (o si perderebbe un'ala della destra in Parlamento) anch'esso eventualmente affidato a un provvedimento collegato. Buona notizia per la borsa, pessima per l'economia italiana: purtroppo oramai borsa e economia reale seguono binari differenti (la prima quello delle notizie sui "social", la seconda quello dell'arrangiarsi a tirare fine mese) come è stato in America per anni e forse non sarà più ora che i giganti della tecnologia sono sotto scacco. Grande assente ancora una volta Matterella: se quei capitoli comportassero effettivamente spesa, la manovra sarebbe anticostituzionale perché non consentirebbe in alcun modo il raggiungimento del pareggio di bilancio, neanche nel 2021. Se è una presa in giro, come davvero sembra, non avrebbe dovuto firmarla. http://www.finanze.net/news-Legge_di_Bilancio_Buone_Notizie_Per_la_Borsa_nel_Paese_di_Pulcinella-5390.html Thu, 1 Nov 2018 08:49:00 GMT Prima Grande Occasione di Acquisto Sulle Borse (da Anni) Rientreranno nella manovra sembra, entrambi, ma la effettiva decisione di spesa sarà affidata ad un decreto legge che sarà ventualmente licenziato non prima di giugno dell'anno venturo: quando se i numeri di crescita dovessero essere inferiori alle aspettative, potrebbero essere ancora rimandati.  Pare da quello che riporta la stampa che sia una pensata di Giorgetti per salvare la faccia al governo ma effettivamente non spendere quei soldi, che contano quasi un punto di deficit: così la manovra diventerebbe digeribile per la Commissione Europea. Dopo la seconda lettera della Commissione Europea e i dati di crescita economica diffusi ieri neanche il più ardito funanmbolo potrebbe ancora previsioni di crescita dell'1,5% per l'anno venturo. In un momento di oggettiva difficoltà esce la notizia ad alto impatto elettorale dei ristori a risparmiatori delle banche https://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-10-30/manovra-i-risparmiatori-crack-bancari-ristori-30percento-titolo-acconto--163801.shtml?uuid=AEPFDFYG: qui il giornalista non ha fatto i conti perchè con una dotazione di cinquecento milioni, a trecentomila risparmiatori andrebbero millesettecento euro a testa. Se si unisce il fallimento sui piani di salvataggio Alitalia, il  potere contrattule in Europa è decisamnte limitato. Gradualmente l'talia non sarà più percepita come una minaccia per i mercati fnanziari e questo, insieme ad un inevitabile punto di incontro tra l'amministrazione americana e i Cinesi sulle politiche commercali, crea a nostro parere la prima grande occasione di acquisto sulle borse mondiali da molti anni. Gli andamenti dei mercati da anni non rispettano i fondamentali ma ora, dopo la recente caduta di larga parte dei titoli della tecnlogia (Netflx, Nvidia, Facebook e crediamo tra poco di nuovo Tesla) crediamo la gente tornerà a guardare  bilanci.  In Italia vanno comunque evitate le banche sino a che i tassi rimangono a questi livelli.   http://www.finanze.net/news-Prima_Grande_Occasione_di_Acquisto_Sulle_Borse_da_Anni_-5389.html Wed, 31 Oct 2018 07:33:00 GMT Curva dei Tassi Americani, Mai così Piatta dal 2007 Nel 2007 la curvaa era addirittura invertita  http://www.worldgovernmentbonds.com/spread/united-states-10-years-vs-united-states-2-years/ qui la situazione è davvero paradossale perché sono i tassi a breve ad essere saliti ancora di più di quelli a lunga. E' difficile dunque dire che il mercato obbligazionario (che ha sempre l'occhio più lungo di quello azionario, per il semplice fatto che da lì transita il debito degli stati) prevede recessione, perché i tassi a lunga non sono certo bassi. Sembra piuttosto che indichi aspettativa  di rialzo a breve dell'inflazione, che derivano dalle tariffe imposte da Trump. I prezzi di alcuni beni sono più alti in media del dieci per cento, tenendo conto di tarffe del 20% e dello yuan che si è svalutato di circa iil dieci: è il peggior tipo di inflazione perché non deriva da un aumento della domanda quindi non stimola alcun consumo agguntivo, anzi. Gli invstitori sembrano piuttosto voler forzare la mano a Trumo sulle tarffe, su cui se continua ad insistere la borsa non ha grande possibilità di ripresa. Se vi si aggiunge un dollaro troppo forte, che all'amministrazione dà estremamente fastidio (insieme alla borsa che scende),ci aspetteremmo subito dopo le elezioni della prossima settimana una forte caduta dei rendimenti a breve e, auspicabilmente, una pesante discesa del dollaro.   http://www.finanze.net/news-Curva_dei_Tassi_Americani_Mai_cos_Piatta_dal_2007-5388.html Tue, 30 Oct 2018 11:47:00 GMT Ue, Passo Indietro con Londra sulle Istituzioni Finanziarie Ieri la Ue chiede nuovamente accesso ai sistemi di compensazione a Londra: trasferire l'amministrazione di transazioni finanziarie che valgono centinaia dimiliardi di dollari in area euro non è banale e in un momento in cui diverse banche dell'area euro sono in crisi di liquidità, qusto prossimo fine settimana laverifica sui requisiti di capitale si preferisce tornare a un sstema dove la Banca d'Inghilterra gode di una capacità di intervento più immediata. Il tutto nell'ipotesi sempre più probabile che non venga raggiunto un accordo sulla "Brexit", ammesso che qualcuno lo voglia. Con il graduale abbandono della Merkel dalla politica (molto dignitoso e con piena assunzione di responsabilità) il potere negoziale di Bruxelles è decisamente fiaccato. Sterlina d nuovo ai minimi e quotazioni stracciate su alcuni valori creano davvero ottime opportunità di acquisto in Gran Bretgana, primo paese a considerare una tassazione significativa sui giganti della tecnologia.     http://www.finanze.net/news-Ue_Passo_Indietro_con_Londra_sulle_Istituzioni_Finanziarie-5387.html Tue, 30 Oct 2018 06:56:00 GMT Borsa Italiana, Ora Qualche Occasione In una Europa davvero senza punti di riferimento, ieri le regionali in Germania suggeriscono che i successi dei Verdi potrebbero spingere un rimpasto di governo a breve, la stampa internazionale tende a sottolineare l'isolamento del governo italiano sui programmi di spesa https://www.channelnewsasia.com/news/business/euro-zone-to-discuss-italy-budget--despite-rome-s-objection---sources-10868728, mentre nei giorni scorsi Repubblica titolava di un apparente piano del Tesoro di posporre la decisione di spesa sui due capitol più importanti all'anno venturo. A maggio ci sono elezioni importanti dunque riteniamo probabile che le discussioni tra Europa e Italia si prolungheranno, senza che davvero vengano aggravati i conti pubblici, per lungo tempo, come sta succedendo con la Brexit. Forse qualche intervento sull'Italia ora si può fare, lasciando perdere banche e assicurazioni. http://www.finanze.net/news-Borsa_Italiana_Ora_Qualche_Occasione-5386.html Mon, 29 Oct 2018 08:06:00 GMT Stati Uniti, Primi Segnali di Rallentamento, Se Non di Recessione Spesso i banchieri centrali sarebbe meglio se stessero zitti se non hanno niente da dire, come è stato ieri il caso di Draghi e di Clarida, vice di Powell alla Fed. Clarida ieri ha mandato il dollaro sotto 1,14 contro euro dicendo che una politica di rialzi graduali è appropriata ma che i tassi saliranno più del previsto se l'economia sarà forte e meno del previsto se l'economia sarà debole; in pratica non ha detto nulla. Draghi ha fatto lo stesso dicendo che la crescita c'è in area euro ma un po' meno del previsto, lasciando aperte sostanzialmente tutte le porte (soprattutto a se stesso, scommetteremmo su un prossimo incarico privato, molto ben remunerato). Segni di chiaro rallentamento arrivano in America dai dati sui nuovi permessi abitativi https://www.calculatedriskblog.com/2018/10/housing-and-recessions.html, storicamente l'indicatore anticipativo per eccellenza dei cicli economici, e ieri sera dai risultati dei grandi dell'high tech, in particolare di Amazon. La larga parte delle recessioni a livello mondiale è iniziata perché la banca centrale americana alzava troppo velocemente i tassi, tutti i bancheri centrali sono ossessionati dall'eccessiva inflazione di cui non si vede traccia alcuna da trent'anni, ovvero da quando la popolazione ha iniziato a invecchiare sensibilmente. Qui l'economia è sembrata molto forte nei mesi scorsi ma forse per l'effetto delle misure di Trump, che come in tutti gli altri momenti della storia in cui si è virati verso il protezionismo, danno una spinta iniziale che poi viene più che compensata da una caduta successiva. Da parte loro i Cinesi portano lo yuan al lvello minimo contro dollaro da dieci anni, a compensare le tariffe imposte dall'amministrazione americana. L'Europa a questo punto sconta lo scenario più nero proveniente dall'Italia, oggi il secondo giudizio delle agenzie di rating. Ieri Salvini, forse convinto che il denaro si possa fabbricare, afferma che il governo italiano è pronto a sostenere gli aumenti di capital delle banche,  dimenticando o  più probabilmente non sapendo che sono soggette a supervisione europea da parte della Bce e alle regole sugli aiuti di stato. Oggi speriamo in qualche segnale di ragionevolezza prima del giudizio di S&P,  se si vuole evitare il peggio. http://www.finanze.net/news-Stati_Uniti_Primi_Segnali_di_Rallentamento_Se_Non_di_Recessione-5385.html Fri, 26 Oct 2018 08:55:00 GMT Bce, Quali Opzioni In questi giorni riceviamo alcuni post di lettori che sostengono che siccome l'Italia è il quarto contribuente netto al bilancio della UE dovrebbe avere libertà sulla manovra. Non è così per i patti di stabilità cui l'Italia ha aderito e l nostro paese è contribuente netto soprattutto perché Monti nel 2011 decise di essere tra coloro che salvavano le banche spagnole e portoghesi invece che preoccuparsi delle proprie. Draghi parla sempre più di politiche monetarie che di supervisione ma i livelli a cui tratta MPS, e l'imminente secondo giudizio sull'Italia di una agenzia, domani S&P, non può non preoccupare la BCE. Tria ammette ieri sera che questo livello di tassi non è sostenibile per le banche; solo qualche mese fa banche, anche molto ben gestite, come Ifis, offrivano vincolati a un anno e mezzo al due per cento, oggi il loro costo di finanziamento probabilmente si avvicina se non supera questi lvelli. Non pare sia ascoltato dall'esecutivo, ieri sera la reazione scomposta e volgare di Casalino, che se non fossimo nell'era dei social più che al Grande Fratello non potrebbe parlare. Conclusione, Draghi dovrà lasciare aperta la porta per un eventuale estensione del QE, ma dovrà anche difendere il suo operato, dicendo che comunque le economie dell'area euro mostrano solide basi: tra poco avrà un nuovo incarico, quasi certamente privato e non è pensabile che si prenda rischi particolari. Si soffermerà ancora sulla necessità di politiche fiscali pù stringenti da parte degli stati membri e darà indicazioni sui piani di reinvestimento, verosimilmente concentrati sulle scadenze più brevi ora che la curva dei tassi si sta irripidendo. Questo vorrebbe anche dire che la scadenza media del debito italiano tenderà ad accorciarsi sotto i sette anni di cui parla ieri Tria piuttosto velocemente, mentrei il Tesoro cerca dia llungare le scadenze. Nella sezione delle domande dalla stampa arriverà probabilmente un quesito sui requisiti paatrimoniali delle banche, in verifica a breve, che verosimilmente Draghi passerà al suo secondo. Lì a parte qualche rassicurazione del caso dovrebbe emergere la ncessità di alcuni sitituti di ricapitalizzarsi a breve.       http://www.finanze.net/news-Bce_Quali_Opzioni-5384.html Thu, 25 Oct 2018 08:16:00 GMT Borse, il Peggio E' Probabilmente alle Spalle Ce la sta mettendo tutta l'esecutivo per farsi e fare all'Italia il più male possibile, con un atteggiamento di cui ci sfugge il senso. Venerdì prossimo arriva il giudizio di un'altra agenzia di rating: se in due portano il gudizio un livello sopra "spazzatura" l'ondata di vendite sui titoli di stato ricomincia; entro il fine settimana dovrebbe dunque speriamo arrivare qualche segnale di ragionevolezza: molto difficile che l'esecutivo possa rinnegare le manovre con cui ha vinto la campagna elettorale, anche se nei giorni scorsi indiscrezioni giravano sul fatto che la riforma Fornero non fosse poi una riforma ma una mera finestra aperta per il 2019. L'urgenza più grossa, ma che probabilmente sarà ignorata è quella di sistemare la posizione delle banche in difficoltà, in particolare il MPS ora che la BCE è in procinto di ricalcolare i coefficenti di capitale. Siamo convinti  come già scrivevamo che sarà più probabilmente la Bce a dare la sveglia al governo italiano, anche perché il successore di Draghi arroverà con tutta probabilità da un'area a forte stabilità finanziria (Finlandia o Germania). La reazione ieri in Germania su Bayer alla multa inflitta a Monsanto è eccessiva, perché già la cosa era nota e se leggiamo bene il parere dell'Antitrust europeo Bayer farebbe ancra in tempo ad uscire dalla transazione con Monsanto e dovrebbe farlo di corsa. In America le recenti correzioni sono legate alla crescente consapevlezza che la politica dei dazi aumenta i prezzi alla produzione, perché le produzioni cinesi non possono essere sostituite, quantomeno nel breve tempo (e probabilmente mai, un'operaio cinese continua a gadagnare un quarto di uno amercano il resto è robotizzazione, dove i Cinesi sono più avanti degli mericani). Prima o poi questa farsa deve finire, diremmo dopo le elezioni di metà mandato, il sei novembre. Crediamo dunque a breve assisteremo a un rimbalzo generalizzato perché le cause di queste cadute sono lì da mesi solo che nessuno le voleva davvero guardare.   http://www.finanze.net/news-Borse_il_Peggio_E_Probabilmente_alle_Spalle-5383.html Wed, 24 Oct 2018 09:21:00 GMT Legge di Bilancio, Verso Più Mite Consiglio Non banale salvare la faccia per un governo che ha provato a fare la voce grossa e che se ricevesse una seconda bocciatura da S&P venerdì assisterebbe ad una ondata di vendita in massa sul debito pubblco. Quindi ci aspetteremmo oggi che arrivi una bocciatura sulla manovra da Bruxelles unita però a parole di conforto su un dialogo in corso tra Ue e Italia. Il peggio per la borsa italiana è probabilmente alle spalle, con le pesanti aperture di stamane. http://www.finanze.net/news-Legge_di_Bilancio_Verso_Pi_Mite_Consiglio-5382.html Tue, 23 Oct 2018 09:09:00 GMT Magneti, Gran Colpo per FCA Cifra alta qulla pagata dal fondo KKR per Magneti ma è vero che nelle aziende non quotate, FCA aveva provato a quotare Magneti senza successo, gli stranieri comprano a multipli molto più bassiche in altri pasi, che pù che compensano l'alto cofficiente di tassazone, le incertezze giuridiche e politiche del paese. Anche su tagli più piccoli l'Italia è piena di aziende di grande valore ma se si decide di vendere all'estero vuol dre che il sistema Italia non è in grado di aggregare.       http://www.finanze.net/news-Magneti_Gran_Colpo_per_FCA-5381.html Mon, 22 Oct 2018 06:26:00 GMT Italia, Qualcosa Deve Succedere, A Breve La lettera di Bruxelles a Tria (che se la dovrà vedere da solo) non entra nel merito, come è prassi, delle varie misure contenute nel decreto fiscale  ma chiede charimenti sul perché tanti moniti siano stati ignorati. Quali che siano le modifiche che verranno introdotte nel fine settimana, probabilmente sullo scudo fiscale, nessun cambamento può riportare dentro parametri accettabili a livello comunitario questo documento.  La sensazione è che la situazione sia sfuggita di mano anche a quelli che passano più da strateghi, in particolare Salvini, convinti di un potere negoziale che non hanno. Se Tria, che ieri alla conferenza stampa con Moscovici sembrava uno scolaro punito, uscirà lunedì con le solite rassicurazioni del caso, arriverà la bocciatura definitiva del decreto. Voci grosse non se ne possono più fare perché nel frattempo MPS, a meno di un euro e settanta, necessita di ricapitalizzazione immediata e tutte le misure contenute nel decreto legge sulle banche (giusto intervenire sulle banche ma dal lato dell'attivo di bilancio, non del passivo) non fanno che rendere ancora più grave la situazione prospettica dell'istituto. Come sempre in Italia i cadaveri legati al carrozzone statale li si salva con i soldi o dei contribuenti o dei risparmiatori, si vocifera infatti di un intervento di BancoPosta, che raccoglie risparmio postale e  dovrebbe investire in cose relativamente prudenti. Chi si preoccupa della stabilità della propria banca e sposta il suo conto corrente su BancoPosta, ci pensi due volte: i bail-in saranno evitati in tutti i modi e di aumenti di capitale sul pubblico non se ne possono fare più. Usare il risparmio postale per salvare porcherie è una delle poche frontiere possibili, sempre che non si capisca che salvare i moribondi forse porta voti, ma continua a drenare risorse dall'economia produttiva, di cui alla politica in fondo non importa proprio nulla: Alitalia è già costata dieci miliardi nei vari interventi e Mps solo sull'ultima operazione ne sta già costando cinque al Tesoro. oltre alle decine costate direttamente ai risparmiatori. Per Ilva il conto sta già a du emilirdi, senza un progetto.     http://www.finanze.net/news-Italia_Qualcosa_Deve_Succedere_A_Breve-5380.html Fri, 19 Oct 2018 08:40:00 GMT Auto Elettrica, Condanna per l'Industria, con Più Inquinamento https://auto.economictimes.indiatimes.com/news/passenger-vehicle/cars/new-research-punctures-electric-cars-greenhouse-gas-claims/66269118; distruzione delle riserve di terre rare, problemi di smaltimento sulle batterie, nel ciclo completo l'auto elettrica inquina di più del diesel che invece viene additato come la causa di tutti i mali. Inoltre l'industria europea non è pronta, anche se fosse una buona idea (e non lo è, bisogna semplcemente usare meno l'automobile), come mostrano i dati diastrosi di immatricolazione soprattutto di FCA (passa in questi giorni uno spot che incentiva l'acquisto di diesel, segno che la società è molto indietro). Su questa partita si giocano le negoziazioni Europa Stati Uniti, che con i vari incentivi a Tesla  e ora a General Motors cercano modi per riportare l'industria automobilistica a casa. O quello che ne rimarrà, quando sarà acclarato che il progetto di Tesla è fallimentare.   http://www.finanze.net/news-Auto_Elettrica_Condanna_per_l_Industria_con_Pi_Inquinamento-5379.html Thu, 18 Oct 2018 09:07:00 GMT Scudo Fiscale, una Mossa da Prima Repubblica La mossa di un ragazzino ieri sera quella di Di Maio che prova a sostenere chee il testo inviato al Quirinale (che dice di non averlo ricevuto, anche Mattarella una posizione chiara non la prende mai) contiene delle variazioni rispetto a quanto concordato in consiglio dei ministri. Lui era in viaggio dunque qualcuno si sarà accertato che la bozza inviata (o non inviata) fosse conforme a quanto deciso. Tutti naturalmente ignari quindi la responsabilità come la scorsa settimana sui fondi alla Croce Rossa sarà addebitata a Tria, che se avesse un pò di dignità si dovrebbe davvero dimettere. Le aggiunte sull'ennesimo scudo ai capitali esteri erano già nella bozza e poichè le coperture non ci sono si cercano miliardi qua e là. Così si cercano inoltre di guadagnare giorni se non settimane, da oggi le visite della Merkel e poi di Moscovici in Italia, per riscrivere probabilmente parte del decreto  ed evitare bocciature secche. Che pena.     http://www.finanze.net/news-Scudo_Fiscale_una_Mossa_da_Prima_Repubblica-5378.html Thu, 18 Oct 2018 08:03:00 GMT Brexit, Ora non Si Fa Davvero Più Al di là delle diatribe di facciata è probabile che sia Barner che la May propendano per un infiinito trascinamento del processo sino a che la gente si dimenticherà di avere votato. Allla Gran Bretagna costa meno continuare a dare otto/dieci miliardi a Bruxells piuttosto che trovare un accordo su una liquidazione anticipata; la Ue (mai così debole, ora anche attaccata dal segretario del commercio estero americano sul mancato preteso rispetto degli accordi informali sul commercio trattati a agosto) la liquidazione che ha chiesto, cento milardi di euro, non la incasserà mai. Sterlina subito punita ed è probabile che così sarà anche sul listino. Ora almeno è probabile che di Brexit si smetterà di sentir parlare, perché il mercato inglese possa trovare un nuovo equilibrio. Per ora solo confusione.  http://www.finanze.net/news-Brexit_Ora_non_Si_Fa_Davvero_Pi_-5377.html Thu, 18 Oct 2018 07:46:00 GMT Probabile Forte Corsa sui Listini (non sull'Italia) E'bastato che Juncker ieri desse una versione più prudente della reazione alla manovra italiana perché il listino innescasse un rialzo che riteniamo però abbia forte probabiltà di rigirarsi nelle prossime sedute. Le misure sulle banche hannol'effetto di ritardare la pulizia dei bilanci: le banche faranno ancora meno credito e spingeranno ancora di più sul risparmio gestito ele plizze assicurative addebitando costi ancora maggiori a clientela sempre più ignr. Bisognava intervenire su questo fronte non su quello della tassazione delle banche. Qusta tassazione aggiuntiva condanna il Monte dei Paschi a una ricaptalizzazione immediata, anche se si cercherà di non parlarne. Crediamo invece, come da una decina di giorni, ch assisteremo a forti rialzi sulla borsa americana e sui titoli asiatici quotati a New York: ieri sera arrivano i dati dei nuovi sottoscrittori di Netflix, numeri con cui queste società giocano come par loro, a trascinare di nuovo verso l'alto il setttore tecnologico. D nuovo si creano buone opportunità per vendere allo scoperto alcuni dei titoli (Netflix soprattutto, ma la larga parte delle pittaforme non lo consentono). Nel comparto industriale ottimo valore, nei nostri portafogli America, Mondiale ed Emergenti. http://www.finanze.net/news-Probabile_Forte_Corsa_sui_Listini_non_sull_Italia_-5376.html Wed, 17 Oct 2018 08:13:00 GMT Monte Paschi, Dove la Bce Può Fermare Questo Folle Decreto Fiscale Una offesa innanzitutto all'intelligenza il decreto fiscale votato ieri: accedono al condono, di pace fiscale non è il caso di parlare, non tutti, ma solo quelli che hanno presentato le dichiarazioni. E' chiaro che chi non le ha presentate non ha ricevuto cartelle, dunque tutti quelli che sono conosciuti al fisco sino ad un certo importo accedono. I contribuenti sanno che è praticamente impossibile contestare le cartelle, prima si paga e poi si contesta dunque giuste o sbagliate che siano accederanno in massa al condono: con una mano ti do con l'altra ti levo. Gli evasori totali continuano a rimanere tali. Non vi sono spinte interne, sembrava Tria potesse offrirne una dopo il confronto su Alitalia ma ieri è rientrato nei ranghi, che possono fermare questa ondata di fanatismo, è solo dall'esterno che possono arrivare degli stop. Bruxelles non avrà troppa voglia di arrivare a toni minacciosi, se si lascia la trattativa alla politica andiamo avanti mesi. Ma il Tesoro ha quasi azzerato il suo "investimento" in MPS (che fine ha fatto Morelli?) e se tra i tanti cadaveri si salva Alitalia è lecito supporre che il governo decida di "salvare l'occupazione" anche a MPS. Per farlo bisogna ributtare dentro altri cinque miliardi (che non basteranno, la banca non ha dismesso il suo portafoglio di sofferenze, lo ha solo conferito a un veicolo che partecipa http://www.gonews.it/2018/05/10/mps-completa-cartolarizzazione-241-miliardi/) e chiederli a quelli che prima sono stati diluiti poi hanno subito la conversione forzosa poi hanno di nuovo perso ancora l'ottanta per cento sulle azioni convertite è impensabile. Solo la Bce, nel richiedere una ricapitalizzazione immediata può fermare il processo: e qui non si potrà dare la colpa all'Europa di Juncker, che pure molte colpe ha. Il rifiuto di ricapitalzzare l'istituto porterebbe il rendimento dei titoli di stato a livelli molto pù alti degli attuali e per quante colpe si possano attribuire al governo precedente sulla vicenda MPS, non si potrebbe evitare parte delle responsabilità. Altro per fermare questa incoscienza non crediamo ci sia, così l'Italia si avvia verso il commissariamento. Si può certo decidere di prendere le sanzioni in nome di una fantomatica crescita del 4% ma i debiti sono in euro e quelli vanno rimborsati.     http://www.finanze.net/news-Monte_Paschi_Dove_la_Bce_Pu_Fermare_Questo_Folle_Decreto_Fiscale-5375.html Tue, 16 Oct 2018 07:57:00 GMT Voto Tdesco, la Germania Non Appoggerà Mai Più Governi Autarchici Baviera che si sposta decisamente lontano da posizioni estreme con un grande successo dei Verdi, che non hanno mai combinato niente ma almeno non hanno mai combnato danni. Questa è una settimana critica di negoziazioni pr l'Italia che dalle sue stesse commissioni di bilancio non trova la proposta di legge di bilancio credibile. L'idea crediamo sia quella di prolungare a lungo la negoziazione, sino a portarsi a ridosso delle prossime elezioni della Commissione, il prossimo maggio. Certo fronti autarchici di peso (non ci piace parlare di populismo, quest movimenti sono innazitutto ignoranti in materia economica, credendo di poter fare da soli in una Europa che conta sempre meno, sprattutto se frammentata) non ne mancano, in Austria, in Ungheria, in Italia. Ma se la Germania si sposta a sinistra, non hanno alcuna probabilità di influenzare i giochi politici. Crediamo, di nuovo si tratti di una grande occasione di acquisto sulla borsa americana e sui valori cinesi e coreani quotati a New York. La borsa italiana è senz'altro da evitare questa settimana, se il decreto fiscale passa vi è spazio per una caduta di almeno un altro dieci per cento e per tassi che vanno verso il quattro per cento sul decennale. http://www.finanze.net/news-Voto_Tdesco_la_Germania_Non_Appogger_Mai_Pi_Governi_Autarchici-5374.html Mon, 15 Oct 2018 07:47:00 GMT Def, Rinviato il Pareggio di bilancio Passa in Parlamento l'approvazione per l rinvio del pareggio di bilancio e tutto fa supporre che il Def verrà approvato a maggioranza, posto che i grillini per regolamento non possono cambare bandIera e i leghisti sono assoultamente convinti della manovra. Tria con dignità dovrebbe dimettersi, ieri non era in aula alle discussioni che riguardano più di ogni altro il suo ministero a prescindere da quello che gli dicono i suoi capi o dal timore di rimanere per strada. Ier la Bce indica la strada del commissariamento, mai toni del genere sull'Italia segno che la situazione ora è davvero seria, https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-10-11/manovra-bce-italia-non-potra-essere-aiutata-fuori-un-piano-salvataggio-ue-212246.shtml?uuid=AEGOJiLG; la unica ragione possibile per portare avanti questa follia (ieri si parla anche di un' improbabile fusione FS Alitalia) è che gli esponenti di governo, come d'altra parte sembra essere il caso, siano convinti di tirare in là la discussione per si mesi sino al rinnovo della Commissione Europea, che evidentemente pensano di poter controllare nella sua prossima composizione. I tempi non sono però così lunghi e di fattori che possono portare al commissariamento ve ne sono almeno i due indicati più sopra: su Carige anch le agenzie di rating, che arrivano sempre quando le cose sono già successe, indicano ora rischio fallimento e persino gli analisti italiani isegnalano che se la banca non piazza duecento milioni di obbligazioni subito, che andrebbero certamente in pancia ad altre banche, chiude i battenti. I tassi che offrono di nuovo sui depositi banche tradizionalmente solide come Ifis fa pensare ch le banche facciano fatica ad approvvigionarsi.       http://www.finanze.net/news-Def_Rinviato_il_Pareggio_di_bilancio-5373.html Fri, 12 Oct 2018 07:42:00 GMT Azioni, Prima Occasione di Acquisto da Molti Anni Ora arriveranno dalla Fed segnali di minorI pressionI su tassi, dopo che eri sera sono stati bastonati da Trump che dopo la nomina di Kavanaugh alla Corte Suprema sembra più che mai in controllo. La discesa su alcune aziende con grandi fondamentali è impressionante mentre nonostante i cali recenti titoli come Tsla, Nvidia, Netflx Google rimangono estremamente sopravvalutati. Crediamo la confusione duri da ora sino al sei novembre, tempo in cui verrà reso noto se i Repubblicani mantengono il controllo delle due camere; poi crediamo in un forte rimbalzo da lì a fne anno, quantomeno sulla borsa americana. Sempre lontani da quella italiana, dove siamo in completa assenza di una strategia economica credibile, ma ancora più grave, nella competa ssenza di uomini in grado solo lontanamente di concepirla. http://www.finanze.net/news-Azioni_Prima_Occasione_di_Acquisto_da_Molti_Anni-5372.html Thu, 11 Oct 2018 08:02:00 GMT Carige, il Sindacato E' Bollito Mi è difficle immaginare come si possa neanche lontanamente pensare di mantenere i livelli occupazionali in un banca il cui prezzo in borsa quota al terzo decimale dopo lo zero ma che ha più probabilmente valore negativo. E soprattutto come si possano creare posti di lavoro se, vale per Alitalia, per Ilva, per la ex lLcchini, si cerca a tutti i costi di tenere in vita malati terminali per paura di perdere voti.  E il sindacato di perdere la sua base la cui età media si alza sempre di più ,nessun giovane è tutelato dal sindacato. Anche qui la politica si inventerà una soluzione di facciata, come in Ilva dove si parla di assunzioni di oltre dieci mila person, che semplicemente vengono licenziate da una parte e riassunte dall'altra. E' uno dei segni che la politica non è cambiata: gli altri due, cose fatte e rifatte nel passato fallimetare delle politiche economiche italiane, l'idea dii finanziare i buchi con misure straordinarie (la rottamazione ora sembra estesa a cinquecentomila euro) e con l'incentivazione fiscale all'acquisto dei Btp, che è una mera partita di giro.     http://www.finanze.net/news-Carige_il_Sindacato_E_Bollito-5371.html Wed, 10 Oct 2018 10:41:00 GMT Guerra Valutaria, le Armi Spuntate degli Stati Uniti Questa è una di due ragioni per cui ci aspettiamo una forte svalutazione del dolaro: i Cinesi lo yuan lo stanno svalutando in risposta alle minacce americane sui dazi e se, come è necessario agli Americani, si esce con una soluzione che fa fare bella fgura a Trumo ma nella sostanza non cambia nulla, lo Yuan s rafforzerà molto e il dollaro si indebolirà molto contro tutto. L'altra ragione attiene alla situazione del debito interno espresso in dollari di molte economie emergenti, ieri il Pakistan l'ultimo di una srie a chiedere l'intervento del FMI, cui gl Americani hanno promesso più risorse, ma solo perché non hanno alternative. Passati i timori per le esternazioni incoscienti dei nostri vice premier, che non otterranno nulla in Europa se non una crisi di governo se continuano su questa strada, la via del dollaro è decisamente al ribasso.   http://www.finanze.net/news-Guerra_Valutaria_le_Armi_Spuntate_degli_Stati_Uniti-5370.html Wed, 10 Oct 2018 08:06:00 GMT Tesla, Facebook, ora Google, per Faang Finalmente Arrivano le Verifiche Tocca ora a Google, che chiude il suo social network Google+ per problemi sull'utiilzzo dei dati. Il modello delle aziende valutate più sul potenziale sviluppo  che sui numeri reali è sempre più in crisi e porterà, in alcuni settori sta già succedendo timidamente, ad una rivalutazione in borsa delle aziende che i numeri li hanno già fatti. L'azienda che valuta più lontano dalla realtà ora è Netflix, che ogni anno fa circa il doppio di debiti rispetto agli incassi. Il debito della società è valutato da tempo a spazzatura, ma il titolo quota ancora a prezzi da delirio: come Tesla per finanziare i debiti deve provare a tenere alti i prezzi di borsa per ogni tanto vendere un pezzo dell'azienda a qualche pollo. L'uscita della scorsa settimna sulla Sec, che favorirebbe i venditori allo scoperto, tstimonia come Musk abbia terrore di un prezzo di borsa che scende, perché decreterebbe sicuro fallimento dell'azienda.         http://www.finanze.net/news-Tesla_Facebook_ora_Google_per_Faang_Finalmente_Arrivano_le_Verifiche-5369.html Tue, 9 Oct 2018 07:30:00 GMT Come Provare a Proteggersi, sull'Italia Vendere con delle perdite è una delle decisioni di investimento più difficile che si possa prendere ma da qui in poi va tenuto presente che qualsiasi ulteriore copertura, il def andrà avanti così se non salta il governo perché a questo punto non si possono rimangiare tutto quanto detto, per quanto irresponsabile, viene dalle tasche dei contribuenti. Tra le coperture attese vi è una ipotesi di riduzione nella deducibilità degli interessii passivi dalle banche: questo renderebbe la borsa ancora più pesante, perché le banche pesano molto sul listino. Sulla rottamazione delle cartelle, nel fine settimana scorso si possono trovare molte previsioni sui giornali, di tutti i colori politici, che stimano il gettito totale diminuirà perché quello corrente sarà senz'altro minore, dati gli impegni cui dovranno fare fronte "i rottamati". Anche continuando a massacrare i contribuenti coperture aggiuntive sono molto difficili da trovare. Ripetiamo, la prima cosa di cui liberarsi sono le polizze assicurative a gestione finanziaria, si trovano molti articoli e newsletter in cui si spiega perché. A seguire tutti i valori del comparto finanziario, a partire da banche e assicurazioni e tutte le società molto indebitate, si veda cosa sta succedendo su Astaldi. Certamente aziende come Brembo, Biesse, Diasorin sono buon valore, ma la probabilità in questo contesto che continuino a rimanerlo senza salire è elevata: qui però almeno si sa che prima o poi i propri soldi li si rivede. Il risparmio postale non è un'alternativa perché la posta coi vostri soldi investe prevalentemente in polizze assicurative. Fin tanto che questo governo permane, una recente intervista Di Maio, forse in un lapsus ha fatto intendere che il no della Commissione Europea era quasi benvenuto, probabilmente per sollecitare ancora, se ve ne è bisogno, gli istinti autarchici di una parte sempre più rilevante dell'elettorato; poiché questa commissione a maggio scadrà sembra non si preoccupano troppo del diniego europeo, forse contando su una prossima commissione con forti rappresentanze dei paesi più vicini alle posizioni italiane come Ungheria e Austria: l'Italia  così si avvicina sempre più alla Grecia di dieci anni fa. Rimanere investiti in Italia con questo scenario è una roulette russa.         http://www.finanze.net/news-Come_Provare_a_Proteggersi_sull_Italia-5368.html Mon, 8 Oct 2018 08:55:00 GMT Giornata Decisiva per la Direzione del Dollaro Oggi si vedrà se la politica di dazi ha ffetto positivo sul deficit commerciale (in caso contrario effetto negativo sul dollaro, rimaniamo convinti che solo una divisa più debole può migliorare la bilancia commericiale americana, almeno per i prossimi due anni) e se la occupazione,come previsto continua a migliorare. Dal lato europeo non è più l'Italia il fuoco ma l'inizio di una tendenza al rialzo sul rendimento de bund decennali, apparentemente i dat di crescita, almeno quelli tedeschi lo giustificano, forse anche a colmare la differenza abissale con i rendimenti raggiunti sul bund. Sarà una giornata di volatilità ma rimaniamo convinti, soprattutto se i tassi sul bund iniziano a salire, che la tendenza sia per un dollaro in forte indebolimento. http://www.finanze.net/news-Giornata_Decisiva_per_la_Direzione_del_Dollaro-5367.html Fri, 5 Oct 2018 08:27:00 GMT Usa, Tassi al 3,2%, Mai Tanta Differenza con la Germania Ieri dati sull'inidce dei servizi, non è chiaro perché proprio quelli, spingono il decennale americano al 3,2% ma soprattutto innesscano aspettative di un quarto aumento nei tassi quest'anno e di tre ulteriori aumenti l'anno venturo. Il dollaro in serata ha una ulteriore accelerazione che rteniamo del tutto insostenibile. Oggi vedremo se esce qualche dato sul denominatore dell'equazione deficit/Pl in Italia, sino ad ora il governo ha rifiutato di dare i dati di Pil tendenziale. Una quadra così non si trova e l'euro rimane sotto pressione sintanto che non si esce con un piano credibile. Ma le aspettative sono troppo ottimistiche negli Stati Uniti e a questo punto troppo pessimistiche sull'esito della soluzione italiana. Nessuno andrà alla rottura anche s viè chi specula su un piano della Lega di far saltare l banco e rcompattare un governo di centrodestra. http://www.finanze.net/news-Usa_Tassi_al_3_2_Mai_Tanta_Differenza_con_la_Germania-5366.html Thu, 4 Oct 2018 07:10:00 GMT Italia, Probabile Sollievo Sino ai Testi Definitivi Ognuno dice la sua e Cnte, non sapendo bene come, davvero la cultura economica dell'uomo è insufficiente, sostiene che verranno presentate delle cifre a Bruxelles che mostrino una decrescita del rapporto di indebitamento. Sospettiamo fortemente che questo avverrà con la presentazione di cifre fantasmagoriche sulla crescita del Pil previsionale, ed è probabile che un pezzo di queste panzane la Ue le dia per buone, nessuno vuole uno scontro frontale. L'esito, la crescita non verrà mai, probablmente ci si troverà con la UE su una cifra di deficit intorno al 2,2%, i tassi rimarranno elevati e nel giro di un po di anni il debito sarà dIventato insostenibile. Ma tant'è ai mercati finanziari  e alla politica  interessa piùl la prima pagina dei giornali del vero andamento dell'economia http://www.finanze.net/news-Italia_Probabile_Sollievo_Sino_ai_Testi_Definitivi-5365.html Wed, 3 Oct 2018 08:02:00 GMT Solo i Risparmiatori Possono Far Ragionare Questo Esecutivo Siamo tornati allo spead di qualche mes fa e se non si fa marcia indietro completa sul Def, ma succede solo se il governo cade e non si vede come, a meno di una fuoruscita di massa di parlamentari (quelli dei Cinque Stelle però non possono per regolamento andare da un'altra parte, possono solo rimettere il loro incarico da parlamentari e quelli della Lega sono belli convinti) altrimenti  anche se non si torna ai tassi del 2011, il debito è fuori controllo al tre per cento sul decennale.Il debito scende quando il costo del servizo del debto unito al defcit è inferiore alla crescita del Pil. A questo livelli bisognerebbe che l'Italia crescesse tra il quattro e il cinque per cento e già le previsioni di Savona al tre per cento sono pura fantasia, peché questa è una manovra depressiva. Se la gente in massa smettesse di comprare polizze assicurative i tassi schizzerebbero a livelli 2011 per qualche tempo e questo obbligherebbe questo gruppo di superficali a rimangiarsi una bozza di legge di stabilità stupida e irresponsabile. Altro non cìè. http://www.finanze.net/news-Solo_i_Risparmiatori_Possono_Far_Ragionare_Questo_Esecutivo-5364.html Tue, 2 Oct 2018 13:30:00 GMT Aumento di Gas e e Elettricità, Almeno Cinque Milardi Siamo al solito gioco, quello che qualsiasi governo fa, gli ottanta euro sono un buon esempio, cioè di dare con una mano e togliere con l'altra. I rincari pesano ugualmente sui poveri e sui ricchi dunque anche sui ricettori potenzial del reddito di dignità. Sui quaranta miliardi di finanziaria, nelle intenzioni del governo, ventisette vengono da maggior debito, tredici da maggiori entrate. Cinque arrivano, seppure indirettamente da qui, gl altri otto verranno dalla "pace fiscale". Poi siccome la UE non accetterà ventisette milairdi (diciamo che ne accetti quindici) di maggior debito si intensificerà la caccia all'untore, tra le Partite Iva per reperire ulteriori soldi. L'epoca del renzismo è stata per molti versi disastrosa e demagogica, ma questo è in assoluto il peggior programma di governo, sul piano economico, del dopoguerra. http://www.finanze.net/news-Aumento_di_Gas_e_e_Elettricit_Almeno_Cinque_Milardi-5363.html Mon, 1 Oct 2018 08:18:00 GMT Deficit al 2,4%, Fiato all'Irresponsabilità Sui primi venti miliardi lo stato negozierebbe con Bruxelles (impossibile con il nostro livello di stock di debito su Pil) tra l'altro sulla base di un rapporto calcolato su un Pil tendenziale, appena rialzato nelle previsioni da Istat, sempre meno al servizio dei numeri e sempre più della politica (solo due giorni dopo le stime al rialzo di Istat al 1,6% sono arrivate le stime al ribasso di Confcommercio al 1,1%, almeno uno dei due non sa fare dunque i calcoli oppure li trucca). Sugli altri venti miliardi, caccia all'untore, generalmente le Partite Iva che sicuramente riceveranno montagne di cartelle sulla base degl spesometri, procedue demenziali impossibili da compilare costruite alternativamente o da incompetenti o per indurre volutamente in errore. La cosa più tragica è che però questo atteggiamento irresponsabile cui ha provato a opporsi Tria, che francamente non capiamo perché rimanga al suo posto, speriamo per non trasmettere all'esterno il senso di totale sfascio, scatena il plauso degli elettori perché evoca un orgoglio nazionale malrisposto, cui la politica fece già ricorso nel Ventennio invocando una impossibile autarchia.     http://www.finanze.net/news-Deficit_al_2_4_Fiato_all_Irresponsabilit_-5362.html Fri, 28 Sep 2018 08:32:00 GMT Corte Suprema Americana, Politica Mai Così in Basso Una donna che accusa di stupro, trentasei anni dopo, il candidato nominato alla vicepresidenza della Corte Suprema, a suo tempo accusatore di Clinton nel caso di Monica Lewinsky e le due parti che in aula che giurano una il contrario dell'altra. Certo il periodo in cui cade questo dibattito in aula, forse il più disgustoso della storia di queste sarabande mediatiche è sospetto: una mancata elezione di Kavanaugh porterebbe con ogni probabilità i Democratici a guadagnare terreno in vista delle elezioni di metà mandato. Se la donna dice la verità certo è sacrosanto che lo faccia, ma perché non lo abbia fatto prima, comunque Kavanaugh è una figura pubblica da molto, qualche sosptto lo crea. Il dollaro si è rafforzato ieri, segno che i cambisti pensano che se i Democratici ritornassero a pesare sulla scena politica, abbandonerebbero le poltiche dei dazi e dunque favorirebbero la rivalutazione della divisa americana. Se questa cosa finirà invece con la nomina di Kavanaugh, probabile forte indebolimento del dollaro e scarse possibilità per i Democratici di riconquistare una delle due Camere a novembre.   http://www.finanze.net/news-Corte_Suprema_Americana_Politica_Mai_Cos_in_Basso-5361.html Fri, 28 Sep 2018 07:11:00 GMT Legge di Bilancio, Verso un Pessimo Epilogo Hanno sicuramente impatto positivo sugli elettori, per oltre il sessanta per cento trascinati in questo autarchsmo di altri tempi, gli strill dei due vice premier sulla sovranità dell'Italia ma i paragoni con la Francia, per quanto la politica di Macron in campo economico stia dando pessimi risultati, sono del tutto impropri: il rapporto tra stock di debto e Pil in Francia è di circa trentacinque punti percentuali più basso che in Italia e non richia la traiettoria esplosiva del nostro https://tradingeconomics.com/france/government-debt-to-gdp. C'è probabilmente calcolo politico ma estrema ignoranza: l'italia non può che trovare opposizione in ambito UE a una finanzaria scellerata: il governo può vincere il consenso degli elettori soprattutto in caso di rifiuto di Bruxelles ma sta portando l'Italia su una strada di non ritorno. Nel programma economico di governo vi erano alcuni elementi difendibili ma il modo in cui la manovra economica si sta declinando la rende la peggiore dai lontani anni settanta, quando i tassi viaggiavano a due cifre. http://www.finanze.net/news-Legge_di_Bilancio_Verso_un_Pessimo_Epilogo-5360.html Thu, 27 Sep 2018 08:35:00 GMT Europa, Gioco Pericoloso sul Petrolio Il Folgio titola intelligentemente  https://www.ilfoglio.it/economia/2018/09/25/news/leuropa-vuole-finanziare-liran-scontrandosi-con-un-risoluto-trump-215576/ stamane su un possibile sostegno dell'Europa all'Itan nella corsa del petrolio, al massimo da quattro anni. Trump si schiera evidentemente dall'altra parte perché il deficit commerciale americano dipende largamente dalle importazioni di petrolio. L'America, con l'avvento dello "shale oil" (promosso silenziosamente da Obama nei suoi mandati) sarebbe sì autotosufficiente sul piano energetico ma cresce la consapevolezza delle devastazioni ambentali che le tecniche di estrazione per frattura da scisto o "frackng" implicano. Noi dalla Russia impartiamo e davanti ad una Legge di Stabilità fragile che si fonda sulle fantasie ignoranti dell'esecutivo manca solo un aumento permanente delle fonti energetiche.   http://www.finanze.net/news-Europa_Gioco_Pericoloso_sul_Petrolio-5359.html Wed, 26 Sep 2018 08:51:00 GMT Tassi Americani, Domani un Altro Rialzo Come al solito la reazione sui cambi dipenderà dal linguaggio utilizzato da Powell: senz'altro i dati economici sono buoni e migliori delle attese della Fed ma ci immagineremmo che venga fatto un forte richiamo alle poltiche sui dazi dell'amministrazione americana, enfatizzando il suo potenziale recessvo. Se così sarà possiamo vedere il dollaro a breve a 1,2 contro euro http://www.finanze.net/news-Tassi_Americani_Domani_un_Altro_Rialzo-5358.html Tue, 25 Sep 2018 06:39:00 GMT Oro, un investimento Defunto, Forse per Sempre Sarebbe il più grande gruppo del settore ed è probabilmente l'unico modo di sopravvivere: ambienti iperinflazionsitici, con la progressiva robotizzazione del lavoro non ne vedremo più e la quantità di moneta in circolazione, dopo i vari interventi delle banche centralì è un multiplo infinito del valore delle rserve auree: qulche nostalgico ogni tanto propone di reintrodurre la convertibilità dell'oro ma in un mondo con questa massa monetaria è completamente impraticabile. Sul piano degli scenari, l'oro sale se si avverano qulle due condizioni sopra citate: la probabilità che accada in futuro è quasi nulla. http://www.finanze.net/news-Oro_un_investimento_Defunto_Forse_per_Sempre-5357.html Mon, 24 Sep 2018 04:59:00 GMT Euro Dollaro, Lo Scenario è Cambiato e la Bce Non Conta Più Nulla Prima voci su un eventuale accordo tra Gran Bretagna e UE sui termini della Brexit (la nostra sensazione è che entrambe le parti continueranno a fare melina per compiacere gli elettori ma nello stesso tempo non fare assolutamente nulla), poi i dati sulla fiducia americana a spingere le borse e curiosamente indebolire il dollaro. La verità è che inizia a prendere piede la sensazione che tutta qusta cosa sui dazi sia irrealizzabile (un po' come in italia sono irrealzzabli le misure del governo): se gli Stati Uniti non possono imporre dazi in settori strategici allora provano a indebolire l dollaro per favorire le esportazoni. Dall'altra parte dell'oceano, con un Draghi già con la testa al prossimo lucrativo incarico, probabilmnte privato (la Lagarde ha già declinato interesse per cariche in ambito istituzionale europeo, può guadagnare di più in un qualche banca d'investimento) la Bce subisce sistematicamente la capacità degl Americani di indirizzare i cambi.  La probabilità di vedere il dollaro sopra 1,2 contro euro è alta e aumenterà ad ottobre con la riduzione nel programma di acquisto titoli di stato. E con i tassi italiani destinati tornare verso il tre per cento, finita questa tornata concilitoria di Tria, sempre più isolato. La "pace fiscale" avrà effetto depressivo sulla crescita del Pil: il fisco quando il Tesoro non sa cosa fare manda cartella un pò a tutti e il cttadino non ha grande possibilità di difendersi.   http://www.finanze.net/news-Euro_Dollaro_Lo_Scenario_Cambiato_e_la_Bce_Non_Conta_Pi_Nulla-5356.html Fri, 21 Sep 2018 08:11:00 GMT Carige, i Conti Non Tornano Pochi giorni fa uscita la notizia che le sofferenze bancarie nette in carico al sistema sarebbero oramai ridotte a quaranta mliardi, nessuno si preoccupa di notare la differenza tra cartolarizzazione ed effettiva cessione. A luglio dell'anno scorso Carige aveva annunciato di aver cartolarizzato poco meno di un mliardo di sofferenze, poi però ricomprate dallo stesso gruppo al 33% del valore https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-07-07/carige-cede-npl-938-milioni-063747.shtml?uuid=AExEXWtB Chi avrebbe potuto comprare queste sofferenze dal veicolo di cartolarizzazione sopra il 33% (i prezzi veri sul mercato sono per meno della metà) non è dato di sapere e probabilmente la vendita non è andata a buon fine http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2016/10/31/news/carige_la_bce_detta_i_tempi_per_le_sofferenze-151056345/ Attenzione dunque quando leggete che una banca ha "ceduto" sofferenze: spesso sono carolarizzate e ricomprate dall'istituto a un prezzo gonfiato; non trovano quindi poi facilmente compratori       http://www.finanze.net/news-Carige_i_Conti_Non_Tornano-5355.html Thu, 20 Sep 2018 09:33:00 GMT Tesla, L'inchiesta Formale Cambia il Volto della Borsa Americana Il titolo perde molto poco in borsa ieri rispetto alla portata della notizia, segno che vi sono molti interessi a che la società rimanga l'icona che è diventata: non a caso ieri Musk ha annunciato una missione di SpaceX che porterebbe nel 2023 sette uomini sulla luna, sei dei quali artisti in cerca di ispirazione; com sempre quando arrivano brutte notizie l'attenzione viene indirizzata altrove. Lo stesso Trump con cui fino a qualche mese fa Musk stringeva rapporti stretti è interessato a che la nave non affondi: il rilancio promesso dell'industria automobilistica americana deve passare da qualche testimonial. Siamo pertanto dell'idea che l'investigazione verrà presto messa a tacere ma i problemi finanziari e di sviluppo di Tesla rimangono. Ci sembra sia giunto il momento dunque di una forte rotazione del mercato, fuori dai tioli tecnologici e in valori con buoni fondamentali, tanto penalizzati nel corso degli ultimi mesi.  http://www.finanze.net/news-Tesla_L_inchiesta_Formale_Cambia_il_Volto_della_Borsa_Americana-5354.html Wed, 19 Sep 2018 04:50:00 GMT Dazi Usa-Cina, Nuovi Aumenti, Anzi Forse No I nuovi dazi che partirebbero dal 24 di settembre nei confronti della Cina riguarderebbero circa duecento mliardi di merci  (escludendo però i prodotti elettronici, segno che Trump è sotto scacco dalle grandi lobby dei gruppi tecnologici) con percentual ridotte per dare modo ai Cinesi di trovare un accordo. Lo scenario di un non accordo vedrebbe  i dazi estesi a tutti i cinquecento miliardi di merci importate ogni anno dalla Cina e al venticinque per cento; uno scenario che precipiterebbe gl Stati Uniti in una stuazione di stagflazione e che evidentemente non è percorribile. Possiamo senz'altro sbaglarci ma siamo propensi a credere che nel G20 di questo prossimo fine settimana si raggiunga un accordo che eviti l'avvio dell'ulteriore programma di dazi e ponga le basi per un forte rialzo delle borse da qui alle elezioni di metà mandato in America. Se così fosse, è probabile che accadrebbe in uno scenario di tassi americani e dollaro al ribasso. La prma reazione sul mercato dei cambi sembra confermare questo scenario http://www.finanze.net/news-Dazi_Usa_Cina_Nuovi_Aumenti_Anzi_Forse_No-5353.html Tue, 18 Sep 2018 06:21:00 GMT Unilever, Deutsche Bank, la Bce Preme per il Trasferimento Sembrava che finalmente la strada per una accordo fosse spianata, ma prima i Labursti si oppongono a Brexit poi arrivano le pressioni della Bce su Deutsche Bank per spostare la sede. Dove la Bce non arriva sono gli azionisti industriali, nel caso di Unilever olandesi, a spingere nella medesima direzione; il prcesso non è evidente perché nelle società industriali vi è forte la presenza di investitori finanziri, in questo caso Aviva, compagnia di assicurazione britannica che si oppone al progetto. Il risultato, altri probabili mesi di confusione: è una questione di soldi e non di prinicipi e le due parti spingono ognuna nella propria direzione. http://www.finanze.net/news-Unilever_Deutsche_Bank_la_Bce_Preme_per_il_Trasferimento-5352.html Mon, 17 Sep 2018 08:36:00 GMT Turchia, il Rialzo Non Basta Rialzo di seicento punti base che non basta a portare la lira turca sotto al livello ritenuto critico da molti analisti per consentire alle banche turche di ripagare i loro debiti in dollari. Oltre a motivi fondamntali ieri si èmassistito ad uno scontro, che molti analaisti hanno ritenuto falso, tra Erdogan e la banca centrale. Da una parte Erdogan ansioso di dimostrare che non si è in dittatura  dall'altra parte l banchiere centrale, suo parente, che escludendo un intervento del Fondo Monetario ha fatto il minimo sindacale ma il massimo che Erdogan gli concedeva. A qusto punto è facile che la Turchia piombi n una pesante recessione che renderà la retorica del dittatore turco ancora più infiammata. I rendimenti sembrano interessanti ma se il dollaro non si svaluta moltissimo oi tassi non scendono in America, e ci sembra improbabile, i tassi devono salire ancora molto per non vedere un uleriore tonfo della divisa. http://www.finanze.net/news-Turchia_il_Rialzo_Non_Basta-5351.html Fri, 14 Sep 2018 07:31:00 GMT