FINANZE - NEWS http://www.finanze.net NEWS it info@finanze.net info@finanze.net FINANZE RSS Feed Generator High Tech Usa, probabile stagione di aumenti di capitale Tra più venti e più trenta per cento per entrambe i titoli in una settimana o o poco più con la complicità degli analisti, ieri da Goldman giudizi entusiastici su Netflix. La spiegazione più logica è che le due aziende stiano per piazzare azioni sul mercato per finanziarsi e che come al soltio su queste operazioni le banche di investimento si mettano in tasca un sacco di soldi: ora che Trump ha rilassato le regole sul Dodd-Frank è più facile vendere titoli ai clienti e far la operazione opposta con il conto proprio della banca. Prima o poi assisteremo a un crollo definitivo, entrambe i modelli di sviluppo non sono sostenibili, ma siamo in un mondo dove oramai la informazione viene canalizzata da pochi vettori; e la gente crede a quello che legge.   http://www.finanze.net/news-High_Tech_Usa_probabile_stagione_di_aumenti_di_capitale-5269.html Thu, 14 Jun 2018 09:06:00 GMT Tassi, la Lotta tra i "Poveri" Consegna la Bce ai Falchi Dollaro che si indebolisce, anche se ora i tassi sembra saliranno quattro volte negli Stati Uniti e attenzIOnE che si sposta in Europa. Da programmi gli acquisti di titoii di stato la Bce dovrebbe concluderli a settembre. Se oggi fosse confermato, l'euro tornerebbe velocemente sopra 1,2 contro dollaro e probabilmente in modo stabile. Prodi ieri diceva che astutamente il governo italiano cerca di mantenere l'attenzione degli elettori su temi che risvegliano gli "orgogli nazionli" ma che non hanno impatto economico: così prima o poi la gente si dimentica della Fornero, del reddito di cittadinanza e della flat tax: e del fatto che tra un mese l'Ilva chiude se non si trova un accordo con Arcelor. I soldi del sequestro Riva sono finiti a pagare i creditori e di piano dI riconversione non si è neanche iniziato a parlare nel concreto. Istigare nazionalsmi può senz'altro distogliere l'attenzione dai veri problemi, ma in termini economici è un autogol clamoroso (anche per i Francesi). La Germania sembra dalla parte dell'Italia nella disputa ma in realtà vuole solo evitare che la Turchia ci mandi i migranti che dietro compenso di tre miliardi pagabile entro il 2018, dovrebbe tenersi, in prevalenza provenienti dalla Siria. Con forti difficoltà a controllare i confini soprattutto se l'Italia chiude i porti.       http://www.finanze.net/news-Tassi_la_Lotta_tra_i_Poveri_Consegna_la_Bce_ai_Falchi-5268.html Thu, 14 Jun 2018 08:28:00 GMT Dollaro, Tutte le Condizioni per un Nuovo Indebolimneto E' quasi certo oggi l'aumento dei tassi in Amwerica ma la curva dei tassi a lungo, intorno al decennale, sembra stablizzarsi sotto il tre per cento. La forza del dollaro ha messo sotto grossa pressione tutte le divise emergenti e se dovesse proseguire creerebbe potenziali condizioni di insolvenza su più di un mercato, dopo l'Argentina. In Italia, Tria sembra un ministro del precedente gverno, d'altra parte non vi è nessun spazio all'Economia per fare qualcosa di diverso, se non promuovere un taglio della spesa pubblica. L'area euro sempre più divisa, al di là della scelta sulla nave degli immigrati davvero i Francesi non hanno titolo per parlare, aumenta l'attrattività dell'euro, perché riporta la politica economica saldamente in mano tedesca. Domani la Bce sarà invece con ogni probablità meno aggressiva di quanto temuto, perché appunto rientra completamente il rischio che l'Italia prenda direzioni centrifughe. Ma qualche segnale, a tre mesi dalla fine ipotizzata per il programma di acquisto titoli di stato dovrà darlo: e non è per abbattere solo i rendimenti dei tioli italiani che può agire. http://www.finanze.net/news-Dollaro_Tutte_le_Condizioni_per_un_Nuovo_Indebolimneto-5266.html Wed, 13 Jun 2018 08:21:00 GMT Migranti, Politica del Governo Involontariamente ad Aumentarli, non Diminuirli Nella legge di bilancio dell'anno scorso si ipotizzava un costo per i migranti di circa cinque miliardi http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-04-17/migranti-def-2017-costi-fino-46-mld-salvini-denunceremo-governo-204702.shtml?uuid=AEtTRj6. L'anno scorso ne sono arrivati centomila mentre nella prima parte dell'anno ne sono arrivati diciassette mila, un calo di circa il settanta per cento. Il precedente governo ha avuto buoni, fuori dal deficit strutturale, cinque miliardi dall'Unione europea. A  seconda da chi fa le stime, il numero di migranti irregoalri in Italia si pone intorno a cinquecentomila http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-02-05/migranti-54-milioni-residenti-e-500mila-irregolari-detenuto-tre-e-straniero-150359.shtml?uuid= Secondo le stime del governo precedente dunque ogni clandestino  (non quelli arrivati nell'anno quelli stanziali) costerebbe circa mille euro al mese, cioè più di quanto si ipotizzi per il reddito di cittadinanza. La cifra è chiaramente di fantasia e ha consentito all'Italia di giocare con le precedenti finanziarie. Chiudendo i porti, il governo dovrà presentare un legge di bilancio senza questa voce di costo gonfiata, anche perché il numero di nuovi arrivi è enormemente sceso. Ma siccome oggi va a coprire altri ammanchi, bisognerà trovare altri due o tre miliardi di spesa strutturale a compensare. A meno che l'Italia non apra come fa la Turchia, a farsi pagare per fermare ai confini nord i clandestini sbarcati in Italia. Al di fuori di ogni considerazione di tipo umanitario, la questione è simile a quella dei provvedimenti in materia economica. Certo che l'Europa deve fare di più però noi dobbiamo dare qualcosa in cambio. Quei due o tre miliardi che devono immediatamente sparire dalla legge di bilancio non risultano in analoghi tagli di spesa. In assenza di questi tagli di migranti, con le politiche di Salvini, ne avremo di più, non di meno.       http://www.finanze.net/news-Migranti_Politica_del_Governo_Involontariamente_ad_Aumentarli_non_Diminuirli-5264.html Tue, 12 Jun 2018 05:46:00 GMT Forse Qualcosa Muove per il Meglio Cottarelli l'esperienza d bruciarsi l'ha già fatta da commissario sotto il governo Renzi e probabilmente fa fatica a mettere insieme una squadra di tecnici che il giorno dopo sa di essere a casa. Può darsi che sia reso disponibile a fare da garante per un governo politico con toni più smorzati sull'Europa. Sarebbe davvero una grande notizia  http://www.finanze.net/news-Forse_Qualcosa_Muove_per_il_Meglio-5253.html Tue, 29 May 2018 22:06:00 GMT Ue, In Arrivo Nuovi Fondi Per l'Italia (A Certe Condizioni) https://www.neweurope.eu/article/eu-structural-funds-shift-east-south/ non è difficile vedere questa mossa come un supporto all'Italia, anche per il ruolo di guardiano dell'Europa sull'immigrazione. La Ue non stanzia nuovi fondi bensì li sottrae ai pesi dell'Europa dell'Est dove l'Ungheria di Orban ha svolto una massiccia poltica anti immigrazione. Con un pò di buon senso da tutte le parti e mettendo da parte gli estremismi, ci sarebbe spazio per una riduzione strutturale dei trasferimenti dall'Italia alla Ue, se accompagnata a una riduzione dellla spesa. Ma ci vorrebbe evidentemente un governo poltico. http://www.finanze.net/news-Ue_In_Arrivo_Nuovi_Fondi_Per_l_Italia_A_Certe_Condizioni_-5252.html Tue, 29 May 2018 07:21:00 GMT Un Governo Non Tanto Tecnico Saranno pure professori https://www.corriere.it/cronache/cards/governo-cottarelli-professori-prefetti-ritorno-tecnici-ministeri/elisabetta-belloni_principale.shtml , tra l'altro non si capisce come tutti questi professori possano abbandonare dalla mattina alla sera i propri impegni professionali, ma basta scorgere i profili riportati dal Corriere per concludere che si tratta di un governo del PD. E' molto difficile capire quale sia stato il calcolo di Mattarella, se ve ne è uno: il governo non può ottenere la fiducia a meno di azioni collettive di voltafaccia, non si sa bene da parte di chi. E consegna almeno fino a ottobre l paese a una espressione PD per quella che viene definita gstione ordinaria ma che ordinaria non è. Vi sono le scadenze europee di giugno in cui l'Italia dovrebbe presentare piani di aggustamento che è difficile considerare ordinaria amministrazione. Forse Mattarella ha pensato che Cottarelli abbia con la Bce un rapporto più forte di Gentiloni e possa dunque ottenere più concessioni e che questo verosimilmente levi pressione sui titoli di stato. Potrà poi forse occuparsi del dossier MPS dove è impossibile che lo stato riconsegni la banca, che ieri fa nuovi minimi in borsa, ai privati, cosa a cui lo stato si è impegnato (il passaggio del contratto di governo Lega Cinque Stelle su MPS levava ogni ipocrisia alla vicenda, decretando la permanenza di MPS in ambito pubblico e l'allontanamento del costosissimo management). Ma certo non sono scelte da gestione ordinaria. L'altra parte della medaglia è invece che con questa mossa il Presidente della Repubblica ribalta di fatto l'esito delle elezioni. Le conseguenze, sul piano dell'ordine sociale possono essere crediamo molto significatve.   http://www.finanze.net/news-Un_Governo_Non_Tanto_Tecnico-5251.html Tue, 29 May 2018 06:26:00 GMT SPQR, Sono Pazzi Questi Romani Si vede che pr i professori la gloria è molto importante; dunque se non ottiene la fiducia Cottarelli comunque ce lo teniamo sino a dopo agosto (ottobre, i parlmentari fanno qualche mese di ferie)  per la gestione ordinaria che poteva fare Gentiloni; se ottiene la fiducia che può solo voler dire che dalla Lega ne escono un pò per seguire Berlusconi (dal Movimento con il loro regolamento non si può) elezioni a gennaio. Ammesso che la fiducia sia possibile, vorrebbe dire che si mette in campo un programma di taglio della spesa drastico con cui poi fare concessioni ai cittadini. Ma se fosse così perché cambiare a gennaio? Sembra quasi che Mattarella, oggi criticato anche da Onida che da come lo ricordo in Bocconi due cose di Costituzionale le capisce, speri che nel frattempo gli Italiani cambino idea. i    http://www.finanze.net/news-SPQR_Sono_Pazzi_Questi_Romani-5250.html Mon, 28 May 2018 14:23:00 GMT Governo, Serve un Blocco Sui Temi, non Sui Nomi La Madia aveva copiato la tesi, Giannino si era inventato un master, la Fedeli non era laureata. Adesso su Conte si abbattono le tempeste, peraltro prevedibili dove ora il peccato classico della politica diventa peccato mortale. Ma se l'attenzione si concentra sui nomi, suo o di Savona, si perde di vista il fatto che il programma è irrealizzabile e allora sì la crisi finanziaria può essere profonda. Su questo si dovrebbe concentrare l'attenzione di Mattarella. La Lega si impunta sul nome di Savona ma se il contratto di governo è un contratto ci sono almeno dieci possbili sostituti, magari un po' più giovani: il sospetto che dall'iinizio si volesse bruciare l'alleanza del formando governo è decisamente lecito. http://www.finanze.net/news-Governo_Serve_un_Blocco_Sui_Temi_non_Sui_Nomi-5243.html Wed, 23 May 2018 09:36:00 GMT I Programmi Economici, Non i Mercati Dovrebbero Essere Discussi  Chissà se quanto si legge sulla stampa sia vero, ma se le preoccupazioni di Mattarella sono la figura del presidente del consiglio e le reazioni dei mercati finanziari, dalla Borsa Italiana bisogna stare lontani e per molto.    In questi giorni la borsa italiana mostra segni di relativa forza se si guarda a quello che succede sui titoli di stato. I due settori su cui il programma del formando governo inciderebbe più pesantamente sono quello delle banche (la magistratura dovrebbe autorizzare provvedimenti volta a volta sul singolo debitore per il recupero dei credti in sofferenza) e dei servizi di pubblica utilità, che vedrebbero maggior controllo dei prezzi. Con l'eccezione del gruppo Fiat Chrysler, su cui gli analisti si spendono ieri sulla ennesima alleanza "strategica" che verrebbe annunciata il primo giugno, il lstino italiana è banche e servizi di pubblica utilità.  Se il contratto di governo fosse attuato il listino scenderebbe dunque molto, ma queste sono tra le cose migliori che il contratto prevede. Da molto tempo riteniamo che interventi di miglioramento sull'economia rale mplichino necessariamente crolli di borsa. E non è aspettando due giorni per vedere "come reagiscono i mercati" che cambia la sostanza, quei punti del contratto di governo inciderebbero in modo permanente sui due settori prinicipali del listino: e giustamente. Quello di cui bisognerebbe invece preoccuparsi sono le coperture e in questo senso sembra quasi che le dichiarazioni d Salvini siano volte a far saltare il tentativo di formazione del governo. Bruxelles ha tutti i difetti del mondo ma uscire da impegni che l'Italia ha preso di sua iniziativa non è una passeggiata. Non è possibile infatti che Bruxelles rinunci oggi ai trasferimenti dall'Italia, perchè già quelli della Gran Bretagna sono a rischio e a breve. Ed è quello l'unico modo per trovare le coperture. Da quanto si capsce il reddito di cittadinanza verrebbe rimandato al 2020, rimarrebbero quindi riforma della fORNERO e flat tax a creare un ammanco di un po' più di venti miliardi che sono quelli che Roma manda oggi a Bruxelles. Dunque il programma di governo favorirebbe prima i ricchi, con la flat tax, poi eventualmente i poveri, a partire dal 2020. Di queste cose dovrebbe preoccuparsi il Presidente, non della reazione dei mercati finanziari. Se la borsa dovesse crollare è perché, in particolare le banche, sono valutate in borsa a prezzi di fantasia, che prima o poi emergeranno. E' come con l'Ilva: ieri il Sole titola ieri che chiuderla costerebbe più di tre miliardi. Ma chiuderla tra un anno costerà più di quattro mliardi e così con il MPS. Che poi a Bruxelles ci vada Conte a spiegare l'inspiegabile o chiunque altro davvero conta poco.         http://www.finanze.net/news-I_Programmi_Economici_Non_i_Mercati_Dovrebbero_Essere_Discussi-5241.html Tue, 22 May 2018 07:53:00 GMT Merkel e Putin, Attenti a Quei Due Può non piacere ma certamente la Merkel è una dei pochi leader politici ad avere una visione. Nell'incontro d oggi il nuovo viadotto che porterebbe petrolio in Germania e che come spiega l'articolo non piacerebbe a Trump https://www.bloomberg.com/news/articles/2018-05-17/trump-s-global-disruption-pushes-merkel-closer-to-putin-s-orbit. La Germnia ha un quantità di azinde quotate a buon mercato, soprattutto nellameccanica che se, come sembra la Merkel ha oramai perso fiducia in una politica meno aggressiva da parte dell'amministrazione americana, vedrebbero nella Russia un importante mercato di sbocco. http://www.finanze.net/news-Merkel_e_Putin_Attenti_a_Quei_Due-5239.html Fri, 18 May 2018 08:34:00 GMT Ma Non Si Stava Meglio Quando Si Stava Peggio La scelta non è banale perchè oggi l'Italia si trova a scegliere tra raffinati bizantini e meno raffinati schiacciasassi, ma la tentazione di molti, il vantaggio di parlare con molte persone è ottenere un campione del generale sentire, è di pensare "quanto mai ci siamo imbarcati nel cambiamento". Per anni si è nascosto sotto le coperte, ora però far emergere tutto insieme non è possibile, bisogna trovare un equilibrio. Un punto molto interessante del contratto d governo è l'analisi  sul Monte dei Paschi che oggi soffre in borsa sulla richiesta lecita del formando governo di non tirare ancora alla lunga. Altro punto interessante è quello di domandarsi seriamente se fare acciaio sia logico in Italia. A fine giugno scade l'impegno all'investimento di Arcelor-Mittal, operazione pessima, voluta dall'attuale governo per fare un favore a Banca Intesa. Fare acciaio in Italia non ha nessun senso, mentre i soldi sequestrati a Riva potrebbero essere usati per essere riconvertiti ad attività più sostenibili. Almeno nel contratto di governo se ne parla, mentre oggi muore un operaio sugli impianti. Poi le promesse elettorali, quelle delle due forze politiche che potrebbero andare al governo non erano sostenibili, ma neanche quelle di tutte le altre forze politiche. Mettere pressione in ambto europeo ha senso perché se l'Italia si mette di traverso su alcuni meccanismi inaccettabili può accelerare un processo per il futuro di maggiore riflessione. Ma quello che chiede oggi il governo che si forma è di cancellare centinaia di miliardi di debiti dell'Italia e quello la Germania non lo accetterà mai. E non è neanche giusto. Ora occorreebbe che il Presidente della Repubblica vagliasse davvero il programma di governo per salvare alcuni punti buoni, ma non fare promesse irrealizzabili; nel frattempo lavorando alla legge elettorale, se si vuole che la gente non pensi che si stava meglio quando si stava peggio. Conflitto di interese, giustizia, Ilva, Mps, sono cose concrete, le altre sono cose che forse si potranno fare quando l'Italia avrà dimostrato per anni di tagliare la spesa.       http://www.finanze.net/news-Ma_Non_Si_Stava_Meglio_Quando_Si_Stava_Peggio-5237.html Thu, 17 May 2018 14:28:00 GMT Nvdia, Previsto Crollo nelle Vendite di Schede per il "Bitcoin Mining" 'E una delle storie di più grande sopravvalutazione della borsa, perché un'azienda che vendeva le schede per i videogame di colpo da due nni vende le stesse cose ai "bitcoin miner" a quattro volte il prezzo. Da mesi diciamo che a questo livello di prezzi del bitcoin (comunque ancora troppo alti) chi fa quest'attività perde per forza soldi. Arriva la conferma dell'azienda,  https://www.milanofinanza.it/news/nvidia-prevede-un-crollo-dei-chip-per-il-mining-crollo-in-vista-per-il-bitcoin-201805110841081914 vediamo come reagirà il titolo nelle prossime settimane, perché queste aziende della tecnologia sono puntellate in borsa dalle case di investimento.   http://www.finanze.net/news-Nvdia_Previsto_Crollo_nelle_Vendite_di_Schede_per_il_Bitcoin_Mining_-5232.html Fri, 11 May 2018 10:16:00 GMT Accordo Tim Mediaset, Non un Buon Viatico per il Nuovo Governo Poche ore sono passate da quando Berlusconii ha aperto un nuovo governo e subto arrivano riconosciment per il suo gruppo. Manca ora la parte di scorporo della rete pr farla confluire insieme a quella di Enel, perché possano essere aumentate le tariffe sulal telefona. Possiamo senz'altro sbaglIarcci e speriamo sia così ma questo nuovo governo nasce lasciando intatti i grandi interessi corporativi.     http://www.finanze.net/news-Accordo_Tim_Mediaset_Non_un_Buon_Viatico_per_il_Nuovo_Governo-5228.html Thu, 10 May 2018 18:11:00 GMT Trump, Ora Più Vicine le Accuse Trump avrebbe rimborsato il suo avvocato per i soldi dati allla porno star, ma secondo Giuliani, uno dei piùaccesi sostenitori dell'amministrazione non si tratterebbe di violazione sulle leggi relative ai fondi distribuiti in campagna elettorale https://www.politico.com/story/2018/05/02/giuliani-trump-cohen-stormy-daniels-566029. Mossa che sembra davvero imprudente, ma probabilmente Guliani sa che si era a un passo da dimostrarlo pubblicamente. Si può discuter sui sofismmi, ma è certo che Trump ha sempre negato di saperne qualcosa e l'avvocato ha sempre detto che i soldi li aveva messi a titolo personale. Possiamo sicuramente sbagliarci ma diremmo sia scontato che qusta cosa monti verso le elezioni di metà mandato, e che i Democratci provino a cavalcarla. I due procedimenti previsti e possibli, di cui all'anteprima implicano il primo un giudizio sostanzialmente politico sull'operato del Presidente il secondo un giudizio diretto, con conseguenze penali.         http://www.finanze.net/news-Trump_Ora_Pi_Vicine_le_Accuse-5216.html Thu, 3 May 2018 12:33:00 GMT Bollorè, Ora Governo Più Facile Posizione molto indebolita in vista dell'assemblea di maggio dove continuiamo a credere che questo di Telecom sia lo snodo crttico per la formazione di un governo. Il risorgere del Pd nelle consultazioni non può che danneggiare i Cinque Stelle che sui dieci punti di incontro del programma di Di Maio negano sotanzialmente il punto principale del loro programma. L'Italia non cambia mai, ma qui il tempismo nell'incastrare Bollorè che certo non è meglio nè peggio di quelli di Elliott, è fenomenale. http://www.finanze.net/news-Bollor_Ora_Governo_Pi_Facile-5205.html Tue, 24 Apr 2018 16:44:00 GMT Niente Governo, Sin Che Non Si Sblocca il Nodo Telecom (e Forse Mps) Ci sembrava scontato che la Lega avrebbe ricompattato i ranghi con Forza Italia, non va dimenticato che comunque il governo di Gentiloni l'amministrazione ordinaria continua a farla e i dossier spinosi sul tavolo, da Telecom a Monte dei Paschi, nessun nuovo governo li vuole ereditare rischiando di essere dichiarato colpevole di soluzioni impopolari. Ieri il Monte dei Paschi lancia  l'idea di quotare i suoi NPL, segno che la soluzione del conferimento a un veicolo è preclusa, chi rileverebbe non potrebbe farsi pagare commissioni sufficienti a coprire il buco. Quella della quotazione degl NPL è l'ultima dell fantasie dopo qualcosa dovrà succedere. Su Telecom, se Berlusconi non ottiene una soluzione soddisfacente (per lui) che non preveda la separazione della rete, contempli invece gli accordi tra Mediaset Premiun e Tim e non metta in discussione gli accordi con Murdoch su cui obettivamente l'Antitrust qualcosa da dire potrebbe avere, ci sembra molto improbabil si formi un governo. Su Tim la quadra si trova se lo stato entra nella torta delle tariffe, che era il vecchio progetto del governo ancora in carica.  http://www.finanze.net/news-Niente_Governo_Sin_Che_Non_Si_Sblocca_il_Nodo_Telecom_e_Forse_Mps_-5196.html Fri, 13 Apr 2018 08:58:00 GMT Trump, Possibile Reintroduzione della "Trans Pacific Partnership" Quando si guarda ai continui cambi di fronte dell'amminsitrazione americana vanno dimenticati gli interessi del paese, bisogna solo concentrarsi su come Trump pensa di ottenere più voti alle elezioni di metà mandato, al netto dell'intervento dei social network, che non potrà che essere più blando. L 'accordo commerciale con alcuni grandi partner orientali, "TPP", non comprendeva la Cina, ma nel negoziare accordi bilaterali con Corea, il primo e Giappone, l'amministrazione ha pensato di diminuire il potere contrattuale dei Cinesi e quindi di passare all'attacco sui dazi. Oggi la Cina impone dazi medi dell'otto per cento contro il cinque per cento degli Americani. Da qui la posizione di Trump che chiede accordi commerciali alla pari. La Cina ha un reddito medio per abitante di meno di diecimila dollari, circa un quarto di quello statunitense (dove però trenta milioni di persone sono considerate sotto la soglia di povertà, ai margini della quale si muovono molti lavoratori del comparto agricolo) dunque i Cinesi dicono che il lvello di dazi più alto è giustificato ed è comunque più basso d quello che l'America imponeva quando aveva il medesimo reddito procapite. La discussione è senza esito ma il potere contrattuale è dalla parte dei Cinesi perché rispondono ai dazi di Trump con misure nei settori che più colpiscono la sua base elettorale. In più il governo Cinese ha promesso ai cittadinii di sussidiare l'aumento dei prezzi agricoli di importazione americana per un periodo di tempo, guadagnando ulteriori consensi dalla base. A termine c'è da scommettere che i massicci investimenti cinesi in Africa, che superano quelli effettuati congiuntamente in Europa e in America, svilupperanno molto il mercato agricolo africano. Per ora investono pesantemente in infastruttre, per preparare l'esodo controllato di parte della popolazione cinese. Tra vent'anni la Cina sarà molto meno dipendnete dalle impotazioni alimentari dagli Stati Uniti. La sintesi, ci sono senz'altro titoli di produttori agrcoli interessanti sul mercato americano, che potrebbero ricevere un forte impulso nel caso, del tutto probabile in cui Trump facesse l'ennesima marcia indietro. http://www.finanze.net/news-Trump_Possibile_Reintroduzione_della_Trans_Pacific_Partnership_-5195.html Fri, 13 Apr 2018 08:07:00 GMT Facebook, Tutto Come Prima Emerge dalla audizione di Zuckerberg, evidente, un coacervo di interessi della politica nei social network che probabilmente va ben oltre a quello che viene dischiuso in questi giorni. Il numero uno di Facebook esce senza conseguenze e con affermazioni inquietanti ma tant'è, questi sono centri di potere e senza una visione politica che incida sui monopoli, si veda l'articolo di ieri su Monsanto-Bayer, andiamo decisamente verso una società sempre meno democratica. Nei giorni scorsi di colpo ci si accorge che Youtube (ma Instagram, Snap, Spotify) può lasciare che minori sotto i tredici anni si iscrivano e vedano magari i video diffusi dall'Isis. Le conseguenze sui piccoli sono devastanti, mia figlia di quindici anni crede a tutto quello che le arriva dai social. I modi per bloccare l'iscrizione dei minorenni, almeno sotto i quattordici anni, ci sono, ma nessuno li vuole usare. L'unica spinta al cambiamento può come al solito venire solo dal basso, ovvero dagli utenti che decidano di abbandonare l'uso dei social. Ci sembra esattamente il contrario, quelli che si disiscrivono da Facebook si iscrivono a Instagam (che è di Facebook), se già non lo avevano fatto. La gente sceglie deliberatamente di essere manipolata, con la promessa di una vita sociale virtuale,  mentre i minorenni non ne hanno neppure il vago sospetto. http://www.finanze.net/news-Facebook_Tutto_Come_Prima-5191.html Wed, 11 Apr 2018 08:21:00 GMT Cina e Stati Uniti, ma Fanno Davvero sul Serio? I continui cambi di opinione sono davvero sospettii e provando a interpretare la strategia tipica di Trump, orientati ad aumentare il consenso elettorale in patria. L'apertura di Xi di stamattina fa fare una gran bella figura a Trump e non costa niente, di auto gli Stati Uniti ne venderanno sempre meno alla Cina, che si sta convertendo all'elettrico. E' facile immaginare che questi continui cambi di fronte da parte di Trump siano frutto di incoscienza, ma probabilmente c'è più programmazione, anche se perversa, di quanto sembri. Se arriva a metà mandato avendo dato l'impressione di avere ottenuto grosse concessioni dalla Cina, i Democratici avranno poca voce in capitolo.   http://www.finanze.net/news-Cina_e_Stati_Uniti_ma_Fanno_Davvero_sul_Serio_-5190.html Tue, 10 Apr 2018 10:50:00 GMT Italia, Tempi lunghi Per Una politica Economica Seria E' istinitivo bollare la incapacità delle forze politiche a formare un governocome il sintomo di uno scontro tra ego.Non è solo quello, alcune partite aperte,la più importante quella su Tim sono parto del governo ancora in carica e passano attraverso il rispetto di alleanze tra politica e impresa che certo non sono sane ma che consentono da sempre il mantenimento di equilibri di facciata e il saccheggio più o meno cosciente delle tasche dei risparmiatori.   Cassa Depositi e Prestiti entra in Tim per non far saltare il banco, se la rete viene scorporata le banche non hanno niente contro cui formalmente garantire i loro crediti con l'azienda.   D'altra parte il Tesoro ha interesse ha entrare nella gestione della rete perché da lì passa l'innalzamento delle tariffe sull'ultimo miglio.   L'Italia ha bisogno di disinnescare le clausole di salvaguardia per il 2019 e non può chiedere altre tasse ai contribuenti. Gli unici due modi per raccogliere soldi senza sollevare troppe proteste sono "la lotta all'evasione" che nel mucchio colpisce molti contribuenti onesti che semplicemente non riescono a stare al passo con adempimenti, come lo spesometro,fatto apposta per raccogliere sanzioni (impossibile non sbaglare) e partecipare al ricco piatto delle tariffe, che sono già di competenza dello stato per gas e elettricità e quest'anno hanno già fruttato qualche miliardo (abbiamo l'energia elettrica più cara dell'area euro, per le imprese, d'Europa http://www.repubblica.it/economia/2017/07/08/news/energia_per_le_imprese_la_bolletta_piu_cara_d_europa-170275968/. Per continuare su questa strada però ci vuole l'accordo delle parti che siedono intorno a questo tavolo, qundi non solo Vivendi ma anche Berlusconi. Ci pare impossibile che la lega si possa staccare da Forza talia nè che il Movmento Cinque Stelle possa accettare questo inciucio, perché perderebbe metà dei suoi elettori. L'ipotesi di un governo di centrodestra appoggiato dal Pd sembra possibile tranne che escluderebbe il primo partito italiano. La sintesi, molti mesi crediamo di incertezze davanti, sino a una legge elettorale nuova che però non può che essere riscritta da chi ha raccolto i consensi. Un rebus difficile da sciogliere: a meno di iniziare a dire la verità agli Italiani sui giochi di salotto, a partire dalla situazione delle banche italiane che si troverebbero, anche le grandi, in serissima difficoltà se la rete fosse scorporata da Telecom.     http://www.finanze.net/news-Italia_Tempi_lunghi_Per_Una_politica_Economica_Seria-5188.html Tue, 10 Apr 2018 09:14:00 GMT Spesometro, una Porcheria per Spillare Ingiustamente Soldi ai Contribuenti Ho provato a raccogliere le mie fatture nel modo più dligente possibile e chiedendo dopo lunghe attese al telefono assistenza al personale dell'Agenzia delle Entrate, quasi sempre scortese, che alla richesta, alla ennesima scortesia, di identificarsi, rifiuta dcendo che non è suo obbligo. La possibilità di reclamare è azzerata. O si compra un costoso programma per elaborare i dati, ma molti commercialisti non sono capaci di usarli perché fatti malissimo o si pagano multe salate (più probable che accadano le due cose contemporaneamente). I file multicliente predisposti con la procedura della Agenzia non vengono inviati dal servizio di comunicazione fatture, il sistema li scarta per definizione, perché troppo pesanti. La medesima procedura esclude la possibilità di mandare file cumulativi per le fatture sotto un certo importo. Risultato, chi come me  compila queste cose autonomamente sarà certamente multato per una evasione che non ha commesso. Si tratta semplicemente di capire come lo sceriffo di Sherwood ci può spllare meno soldi. Vi sono solo due ipotesi o coloro che hanno preparato i programmi sono degli incapaci o la procedura è fatta con l'intento specifico di multare i contribuenti incolpevoli, per raccogliere soldi (anche qui, probabilmente una combinazione dei due fattori). Da queste cose si giudica il livello di democrazia di un paese. Qui è bassissimo.   http://www.finanze.net/news-Spesometro_una_Porcheria_per_Spillare_Ingiustamente_Soldi_ai_Contribuenti-5181.html Wed, 4 Apr 2018 14:14:00 GMT Spotify "Andrà Bene o Sarà Facebook" Non si sente più parlare di Paradise Papers per Bono (presunta evasione fiscale di proporzioni gigantesche) ma nella rock star, celebrata in passato per il suo attivismo nel sociale, qualcosa deve essere cambiato, oltre al colore dei capelli, a coprire l'età che avanza. Domani nella quotazione diretta di Spotify https://www.ft.com/content/ab43f772-332a-11e8-b5bf-23cb17fd1498, dove la fissazione di un prezzo iniziale di incontro tra la domanda e l'offerta viene lasciata al pubblco e non già ad una banca di investmento, il riconoscimento che il ruolo delle banche di investimento nel supporto a queste operazioni a prezzi di fantasia non è più sostenbile.  Si ricorre dunque, con intelligenza, ad altri meccanismi mediatici, decisamente più di moda (sarebbe interessante conoscere il compenso dei due cantanti). Se l'operazione avrà successo, tutte le nuove quotazioni nel tecnologico seguiranno questo modello e il ruolo delle banche di investimento sarà definitivamente ridimensionato. Se non l'avrà il pssimismo sul settore tecnologico diventerà virale. Come dice il commentatore in calce all'articolo del FT.  Di valore fondamentale non è neanche il caso di parlare, i prezzi di quotazione presunti non hanno nessuna relazione con la realtà.     http://www.finanze.net/news-Spotify_Andr_Bene_o_Sar_Facebook_-5179.html Mon, 2 Apr 2018 10:43:00 GMT Tesla, Bocciata da Moody's, la Prossima Verosimilmente Netflix https://www.nasdaq.com/investing/glossary/c/caa1 è il singificato del merito di credito assegnato ora a Tesla. Netflix produce circa due dollari di nuovo debito per un dollaro di nuovo fatturato ed è probabile che riceva attenzione dalle stesse agenzie nei giorni a venire. Fino ad ora queste società si sono disinteressante della qualità del loro bilancio perché i prezzi di borsa gonfiati davano e forse ancora danno la possiblità di raccogliere denaro contro azioni, in sovrapprezzo. Il tonfo in borsa di questi titoli rende queste operazioni ora meno agevoli e quantomeno non imminenti. Arrivano nel frattempo studi dell'ente autmoblistico tedesco (forse interessati, la cancellazione del diesel avrebbe grosso impatto sull'industria automobilistica tedesca), secondo i quali i diesel di nuova generazione inquinerebbero meno di qualsiasi altro motore https://www.formulapassion.it/automoto/mondoauto/50-mila-km-diesel-inquina-meno-delle-elettriche-375525.htmlMa soprattutto che il motore elettrico diventa più"verde" dopo centocinquantamla chilometri, che nessuno oramia percorre più. Il mondo dei social ci ha riempito la testa di fumo in questi anni. http://www.finanze.net/news-Tesla_Bocciata_da_Moody_s_la_Prossima_Verosimilmente_Netflix-5174.html Thu, 29 Mar 2018 07:06:00 GMT Perché la Caduta di Facebook Coinvolge Tutti i Fang A differenza di qualche mese fa dove i titoli della tecnologia erano caduti per "colpa" di uno di quei programmi computerizzati, la caduta di ieri ha a che fare con l'improvvisa presa di coscienza  che il commercio di dati personali potrebbe riguardare non solo i social network ma anche una quantità di altre aziende che hanno una forte base di sottoscrittori. Come dice questo articolo http://www.iflscience.com/technology/its-not-just-facebook-that-knows-a-horrifying-amount-of-stuff-about-you/page-2/, molte altre aziende come Apple, Twitter, Amazon, Tom Tom, Twitter (aggiungeremmo Netflix, Nvidia.....) sanno un sacco di cose su di noi e pare ora la maggioranza creda che di questi dati si facciano usi illeciti. Vi sono due aspetti che non rendono scontato che il ritorno alla realtà avvenga proprio ora ( ma prima o poi è inevitabile). Il primo, che una quantità di persone fanno fatica a rinuncirae alla loro "vita" sui social network. Ci attenderemmo che molti dei delusi di Facebook si muovano su Instagram (che è di Facebook e certo non usa tecniche dfferenti). Il secondo, che il peso politico di aziende come Google è enorme: Il suo amministratore delegato fu nella commissione economica di Obama, segno che l'utlizzo di questi mezzi a fini manipolatori è "bipartisan": la campagna elettorale di Obama fu vinta coi social network. Musk furbescamente sembra volersi smarcare da Facebook levando le pagine di Tesla e di SpaceX dal social network ma rimane ipocritmente su Instagram, che di nuovo è di Facebook. Senza i social network le valutazioni folli di Tesla e l'aura di santità che circonda l'imprenditore non sarebbero possibili.  In Spagna Medaset cerca di contrastare l'avanzata di Netflix e se si farà il polo Vivendi Telecom Netflix avremo anche noi il nostro "Grande Fartello" in Italia, solo non americano. Il modello sarebbe graditissimo alla larga parte della politica italiana. Se invece cresce nell'opinione pubblica la consapevolezza che avere i propri dati manipolati non appartiene più a una democrazia e che siamo oramai schiavi di un sistema che indiirizza i nostri comportamenti sociali, politici e di acquisto il crollo dei "Fang" è solo iniziato. E forse il ritorno di interesse verso aziende che esistono davvero.    http://www.finanze.net/news-Perch_la_Caduta_di_Facebook_Coinvolge_Tutti_i_Fang-5172.html Wed, 28 Mar 2018 08:05:00 GMT Possibile che le Borse Inizino a Ragionare? La borsa americana è sostenuta da anni da pochi titoli tecnologici quelli su cui le banche di investimento fanno un sacco di soldi portando i loro titoli in borsa. Le tre che citiamo hanno tutte modelli di business insostenibili e si aggiungono a Facebooka lla lista di aziende sopravvaluate di cui qualcuno, o qualcosa, probabilmente un algoritmo di colpo si accorge. Netflix, dopo gli Obama deve avere deciso che le serie sui politici portano bene ma qui incontra le accuse di diffamazione da parte della Roussef https://seekingalpha.com/news/3341966-netflix-pressure-brazil?uprof=38 E' davvero presto per dire che forse si torni a ragionar , oggi General Electric su nell'ipotesi che a questi livelli Berkshire intervenga, il che ci sembrerebbe molto sensato. Speriamo,ne gioverebbe non solo la borsa ma l'intera economia reale. http://www.finanze.net/news-Possibile_che_le_Borse_Inizino_a_Ragionare_-5170.html Tue, 27 Mar 2018 20:54:00 GMT Weidmann, Fiato ai Polmoni Vede sfumare sia il ministero delle finanze che la poltrona di Draghi Wiedmann e reagisce con poca intelligenza, in un momnto n cui nenache la Germaina ha bisogno di un euro ancora più forte. L'inflazione continuerà a scendere in Europa e probabilmente la carriera di Wiedmann è agli sgoccioli, ma questo non impedisce che contribusca a fare dei danni http://www.finanze.net/news-Weidmann_Fiato_ai_Polmoni-5167.html Mon, 26 Mar 2018 16:10:00 GMT Cina, Risposta Molto Misurata Probable rimbalzo significativo oggi per i mercati sull'atteggiamento propositivo dei Cinesi.  A breve i settori che ne beneficieranno saranno quelli dei semiconduttori (Qualcomm) e delle banche.  E' evidente che in cambio i Cinesi si aspettano che Trump non applichi i dazi annunciati. Se così finisce assisteremo ad un altro rimbalzo delle borse. Dalle parole di Mnuchin appare evidente che la Fed lavora in modo insolitamente autonomo (le proiezioni di crescita di Pil del governo americano sono più alte di circa mezzo punto rispetto a quelle della banca centrale). se la guerra commerciale finisce qui, il prossimo ribasso sulle borse arriverà probabilmnte su una Fed più aggressiva di quanto, da una settimana, gli analisti prevedono. Su Facebook,i critici più severi sono coloro che hanno piùinteresse ad accaparrarsi pezzi di fatturato di Facebook. Sospettele dichiarazioni dlefondatore di Whatsapp ora di Facebook e di Tim Cook, ad Apple. Sembra un modo per smarcarsi da un problema quello dei monopoli e della tassazione in Europa, che non riguarda solo Facebook ma tutto il settore tecnologco. I giganti tecnologici pagano in Italia , a parità di fatturato, un sesto di quello che paga Barilla.   http://www.finanze.net/news-Cina_Risposta_Molto_Misurata-5166.html Mon, 26 Mar 2018 10:31:00 GMT Dazi, Coi Cinesi Non si Scherza Prima Trump ha provato a chiedere ai Cinesi una proposta per ridurre il deficit commerciale con la Cina, solo una mossa politica perché il deficit è strutturale, oggi sembra possa annunciare cinquanta miliardi di tariffe contro i Cinesi. E' in questo caso solo campagna elettorale in vista delle elezioni di metà mandato, la Cina regirebbe con il blocco all'import di prodotti agricoli (dove Trump si troverà contro anche i Tedeschi ora che la commissione antitrust europea ha dato la sua autorizzazione alla fusione con Monsanto) e all'ingresso delle istituzioni finanzirie americane nel paese, dopo che Pechino aveva recentemente annunciato impotanti aperture sul mercato dei capitali. Facebook e Trump la possono fare franca sul Russiagate perché nel congrsso americano gli interessi sono egualmente distribuiti tra Repubblicani e Democratici: ma qui il tentativo è destinato a fallire prima ancora di iniziare.  http://www.finanze.net/news-Dazi_Coi_Cinesi_Non_si_Scherza-5160.html Thu, 22 Mar 2018 06:49:00 GMT O Facebook O Trump Orribile la posizione di Facebook che scarica platealmente la società che si è occupata di diverse campagne politiche e che a sentire la "talpa" interna al gruppo dispone ancora dei dati di decine di milioni di utenti che arrivano proprio dal social network. Ora si assisterà al fuoco incrociato tra la amministrazione americana, ansiosa di bloccare l'inchiesta di Mueller e i vertici di Facebook, che qualche responsabilità devono ammetterla se il presidente deve uscirne indenne. Aggiungiamo Facebook alla lista dei titoli da vendere allo scoperto. http://www.finanze.net/news-O_Facebook_O_Trump-5156.html Mon, 19 Mar 2018 09:49:00 GMT Ora Davvero a Rischio le Partecipate Il gioco dei conferimenti di società partecipate a CdP è sempre stato un modo per fare apparire inferiore il debito dello stato. Le partecipate che escono dal perimetro di consolidamento per entare in CdP non pesano più con il loro indebitamento sul rapporto ufficiale di stock di debito pubblico perché per una falsificazione contabile che se fosse fatta da una azienda privata sarebbe nel penale, le aziende che entrano in Cdp smettono di essere consolidate nel bilancio dello stato. Così per Saipem che però sembrerebbe che per essere "acquisita" da CdP si sia sottoposta a una cura di bellezza. In effetti motivi per cui CdP si prenda in carico Poste o Saipem non ce ne sono se non quelli di rispettare falsamente le regole imposte dalla UE anche in materia di privatizzazioni (queste appaiono come privatizazioni, perchè appunto CdP non è consolidata). E' chiaro che nelle more di un nuovo esecutivo questi giochetti diventano sempre più difficili mentre  vertici di tutte le partecipate sono controllati da uomini di marca PD. La posizione di Renzi di eri sera aggrava di molto l'impasse, oltre a non mostrare alcun senso dello stato. Se come titola il Sole stamane il Pd potrebbe essere di appoggio, magari esterno, a un governo bisogna che l'uomo sia messo da parte velocemente, a iniziativa del suo stesso partito. Le conseguenze in borsa per la galassia delle partecipate saranno altrimenti molto pesanti, la falsa calma di ieri non durerà a lungo. Giovedì Draghi, il cui futuro, se mai lo avesse voluto, non sarà oramai certo più in Italia, potrà forse rischiare qualcosa di suo ora che la Germania ha un governo. E smettere di ripetere la solita cantilena per provare, incisivamente, a indebolire l'euro. Dopotutto non vi sono altri modi perché l'inflazione possa ripartire.   http://www.finanze.net/news-Ora_Davvero_a_Rischio_le_Partecipate-5141.html Tue, 6 Mar 2018 07:37:00 GMT Borse, Come Se Niente Fosse Accaduto Nuovi eventi ma la risposta è sempre la stessa, garantista: una stampa che si affretta a sancire l'ingovernabilità del paese, l'Europa che esprime fiducia a Gentiloni. E'un po' come in Gran Bretagna, la gente esprime delle preferenze che non fanno comodo alla classe politica la quale fa di tutto per ignorarle. Qui, è impossibile, la larga delle cariche in società quotate (En, Enel, Leonardo, Terna...) da cui passano i grandi contratti con l'estero (e da cui si controllano le tariffe)  sono occupate da uomini voluti dal precedente governo e quale che sia l'esito delle consultazioni, certamente lo scontro frontale con la gestione delle partecipate e di quelle problematiche (Ilva, Alitalia, Rai..) non può essere evitato. Non siamo in Belgio, dove il paese è andato avanti benissimo senza un governo perchè il pubblico pesa pochissimo sulla borsa, o in Germania, dove le regole istituzionali sono chiare e dunque si può andare avanti senza un governo . E' questione di pochi giorni ma quando sarà chiaro che in caso di impasse chi ha preso la maggioranza di voti dovrà chiedere per forza un governo di minoranza, la borsa scenderò di parecchio. Basta guardare a cosa sta succedendo su MPS per immaginare le prossime evoluzioni.   http://www.finanze.net/news-Borse_Come_Se_Niente_Fosse_Accaduto-5140.html Mon, 5 Mar 2018 18:07:00 GMT Powell, Più Coraggio del Previsto Saremmo molto contenti di esserci sbagliati su un giudizio sbrigativo del nuovo capo dlla Fed. Oggi durante la seconda audizione ha confermato di non essere turbato da eventuale volatilità sui mercati finanziari e di avere grosso interesse a mantenere un freno regolatore sulla attività speculativa delle banche. Se è così allora la correzione può essere piuttosto profonda (e salutare) sull borse. Non dire le cose chiare per non far scendere i mercati aggrava da anni la situazione dell'economia reale soprattutto nelle classi deboli, quelle che hanno bsogno di rqualificazione professionale per sperare di rientrare nel mercato del lavoro. Sarebbe davvero una bella sorpresa, perché vorrebbe dire che l'uomo ha la statura per opporsi ai voleri dell'amministrazione americana, quando li ritiene inappropriati. http://www.finanze.net/news-Powell_Pi_Coraggio_del_Previsto-5136.html Thu, 1 Mar 2018 19:41:00 GMT L'Ora Più Buia Tra gruppi di propaganda finanziati da Soros per scongiurare Brexit e decisioni strampalate di Bruxelles sembra proprio che la UE abbia realizzato il danno economico che la separazione dalla Gran Bretagna causerebbe (più all'area euro che alla Gran Bretagna, che versa dieci miliardi di contributi all'anno alla UE). La diplomazia europea è quindi all'opera per complicare il più possibile le cose, la proposta sui dazi doganali al confine dell'Irlanda del nord evidentemente non può essere accettata da Londra. Mai forse dai tempi di Churchill i rapporti con il continente erano stati così tesi. Se ne è accorto il relatore della proposta Barnier, che scusa non richiesta, ha detto che non sta cercando di provocare http://www.bbc.com/news/uk-politics-43224785  Lunedì sarà noto l'esito delle elezioni italiane e il probabile assenso del SPD alla nuova coalizione con la Merkel provocherà quasi certamente uno spostamento a sinistra della Germania che non sarà particolarmente gradito ai mercati finanziari. Guarderemmo di nuovo alle emissioni obbligazionarie in sterline di emittenti sovranazonali.     http://www.finanze.net/news-L_Ora_Pi_Buia-5135.html Thu, 1 Mar 2018 08:49:00 GMT Manca Moratti, Saras Sale, Ma Cosa Festeggia la Borsa? Sentii parlare una volta Moratti in un circolo di cui ero suo  consocio su un argomento che non aveva risvolti economici, in una difesa affettuosa dell'operato della moglie a quel tempo sindaco di Milano. Moratti utilzzò senz'altro a suo favore  meccanismi di una borsa bisca, quotando Saras diversi anni fa a un prezzo quasi doppio a quello attuale e ricomprandosi poi parte delle azioni a circa un euro pochi anni dopo. Ma come imprenditore era senz'altro abile: negli anni mandò avanti con successo l'eredità del padre, fu decisivo, sebbene silenzioso, nella elezione di sua moglie a sindaco (che sia o meno piaciuta) e tenne sempre fuori l'azienda dalle ambizioni calcistiche del fratello che prevedevano investimenti faraonici, non più quelli dell'epoca del loro padre all'Inter. Saras, poi rientrata in serata, "vola" ieri mattina  in borsa spinta dalla speculazione, come il giornalista senza grandi scrupoli riporta https://www.milanofinanza.it/news/addio-a-gian-marco-moratti-201802260926281097 Il settore della raffineria non è particolarmente interessante se non per prezzi del petrolio elevati ma a dieci volte gli utili Saras non è cara in borsa. Perché dovrebbe andare meglio sotto una nuova compagine societaria mi è del tutto oscuro. Certo mercati finanziari dove storie come quella di Tesla che riportiamo nella newsletter di sabato spingono ad un apprezzamento del titolo hanno evidentemente perso qualsiasi senso dell'etica ma qui la storia è ancora pù triste. Molte case finanziarie, spesso spinte dalle grandi aziende, danno per certa una vittoria di una coalizione di centro sinistra e centro destra domenica, alcune in previsione consigliano l'acquisto di titoli di stato italiani. E' del tutto possibile, anzi probabile che con questa legge elettorale lunedì vedremo allearsi politici che sino al giorno prima si giurano opposizione, crediamo che sull'asse Telecom-Mediaset-Vivendi si consumi un possibile alleanza Renzi e Berlusconi. Come anche questo sarebbe da festeggiare è difficile da capire. La vera disocccupazione in Italia è molto salita, come spiega questo studio che corregge gli effetti di dati ufficiali che considerano occupata una persona che lavora un'ora alla settimana http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/lavoro-e-sindacato/disoccupazione-in-europa-una-misura-piu-completa/ Ma in economie dove la finanza conta il settanta per cento e l'economia di chi lavora il trenta interessa a pochi. Rimaniamo dunque convinti che qualsiasi risparmiatore italiano non dovrebbe avere più del dieci per cento del suo portafoglio investito in Italia: speculare sulla Saras alla morte del suo azionista di riferimento o su un risultato di continuità alle elezioni, in un paese allo stremo tra le classi più deboli, è sintomo di un sistema molto malato.       http://www.finanze.net/news-Manca_Moratti_Saras_Sale_Ma_Cosa_Festeggia_la_Borsa_-5133.html Tue, 27 Feb 2018 05:34:00 GMT Credito Valtellinese, un Altro Falso Consorzio di Garanzia Si parla molto di "fake news", ma le prime "fake news" arrivano dagli organi di comunicazione principali, non da internet https://www.milanofinanza.it/news/creval-e-garanzia-azioni-a-0-1-euro-titolo-sotto-stress-201802150738143897 Nel titolo si parla di garanzia ma poi viene spiegato nel testo che le banche si possono ritirare a loro piacimento, dunque non è una garanzia Siamo in situazioni di mercato completamente manipolate ma quello che è successo a Carige e ora a Creval, i titoli scendono ben sotto un valore di aumento che già sostanzialmente cancella i vecchi azionisti v tenuto presente per quando altre banche più grosse dovranno tornare sul mercato.       http://www.finanze.net/news-Credito_Valtellinese_un_Altro_Falso_Consorzio_di_Garanzia-5124.html Thu, 15 Feb 2018 09:48:00 GMT Ma Quanto E' Stupida l'Intelligenza Artificiale La diffusione degli Etf, che oramai rappresentano il sei per cento delle masse gestite a lvello mondiale si giustifica pienamente se si analizzano i risultati dei gestori cosiddetti attivi. Che fanno per il novantanove per cento peggio di mercati. Non perché non sappiano scegliere i titoli ma proprio perché non li scelgono: la larghissima parte dei prodotti che si definiscono attivi non lo sono per niente.  Se una società di gestione gestisce un fondo da qualche miliardo sul mercato italiano ad esempio, per forza avrà una composizione del portafoglio quasi identica all'indice perché fuori da essa non vi è la liquidità per fare altri investimenti. Dunque i  prodotti attivi fanno peggio degli Etf perché sono anch'essi Etf, solo che adddebitano commissioni del due o tre per cento. Allora la gente si sposta progressivamente sugli ETF, che prima di questo crollo di borsa hanno avuto a gennaio la maggior crescita nella storia https://www.ft.com/content/5cf7237e-0cdc-11e8-839d-41ca06376bf2#comments-anchor. Per le società di gestione è una pacchia, perché magari le commissioni sono due o tre volte più basse, ma per "gestire" basta una scimmia che schiaccia un bottone: i costi di personale sono praticamente nulla. Si fa molto parlare di intelligenza artificiale e nel settore degli armamenti è oramai abbastanza evidente che affidare a un computer certe decisioni porta a danni devastanti, come nel bombardamento arero in Sira che nelle scorse settimane ha ucciso duecento civil. Questo è il secondo posto dove l'intelligenza artificiale può fare più danni: con i flussi in entrata del mese scorso, solo perché sono nell'indice i programmi computerizzati comprano, Tesla, Nvidia e altre assurdità. Poi magari succede qualcosa, ad esempio venerdì scorso Nvdia ha comunicato i migliori risultati della storia (ma vende ancora a sessanta volte gli utili) perché vende le schede grafiche ai bitcoin miner, l stesse che vendeva prima ai video gamer, ma a tre o quattro volte il prezzo. Il fenomeno dei bitcoin miner è destinato a finire, la "produzione" di un bitcoin costa più del suo valore in energia ed è un processo altamente inquinante. Allora se la gente si accorge che Tesla e Nvidia sono delle bufale poi inizia a vendere ETF e la scimmia che sta al computer vende, sopratutto quello che è più salito perché il peso negli indici di borsa è salito. Naturalmente ci sono industrie come la robotica dove l'intelligenza artificiale ha applicazioni sane, come ad esempio nella stampa 3D. Ma ogni oggetto in mano alle mani sbagliate produce conseguenze devastanti e l'industria della gestione è popolata di gente molto sopravvalutata. L'intelligenza artificiale è di grande supporto ma in settori dove comunque l'uomo ha il tempo per ribaltare una decisione sbagliata. E non è il caso con gli ETF.     http://www.finanze.net/news-Ma_Quanto_E_Stupida_l_Intelligenza_Artificiale-5118.html Sun, 11 Feb 2018 17:52:00 GMT Per gli Analisti si Tratta di un Errore di Programma In qualsiasi industria che venda un prodotto la maggior parte dei venditori e degli analisti di borsa verrebbero cacciati a calci il primo giorno di lavoro. Coro unanime stamattina di voci secondo cui si tratta solo di un esasperazione dei programmi computerizzati, i  grandi di Davos hanno appena riferito che le cose non potrebbero andare meglio. Aspetteremmo qualche giorno prima di seguire il coro degli analisti, la larga parte dei quali, anche se lavorano in organizzazioni blasonate non sanno di cosa parlano.   http://www.finanze.net/news-Per_gli_Analisti_si_Tratta_di_un_Errore_di_Programma-5114.html Tue, 6 Feb 2018 13:28:00 GMT Bce. Sempre Peggio Le hanno provate tutte, tra quelle che consentono di non parlare delle proprie responsabilità, oggi alla Bce l'economia europea rallenterebbe per colpa degli americani; con questi metodi si perde solo credibilità senza ottenere alcun risultato sul cambio e soprattutto sui tassi.  http://www.finanze.net/news-Bce_Sempre_Peggio-5112.html Mon, 5 Feb 2018 20:45:00 GMT Dollaro, Se non Sale Ora Non Sale Più Eliminato qualsiasi segno di dubbio sul percorso dell'inflazione  e sul livello dell'occupazione dal comunicato https://www.tradingfloor.com/posts/fomc-statement-a-comparision-of-the-january-31st-and-december-fomc-statements-9203956?int_cmpid=TF_email_trader_i_follow_squawks ; oggi dati di inflazion al ribasso in area euro e altri dati negativi da Italia e Germania, ora diffcili da ignorare, oltre ai decentodieci punti base di dfferenziale tra Trasury e Bund, che rendono molto difficile coprirsi per coloro che cercano operazioni di carry trade (finanziamento in euro piazzamento in dollari). http://www.finanze.net/news-Dollaro_Se_non_Sale_Ora_Non_Sale_Pi_-5109.html Wed, 31 Jan 2018 20:27:00 GMT Praet, Bce all'Acquisto Sino a Inflazione Senza QE L'affermazione è molto forte, secondo Praet la Bce comprerà titoli sin tanto che sarà certa che l'inflazione si stabilzzi intorno al due per cento anche senza acquistare titol. Si tratta di missione impossibile, a meno che l'euro perda il venti per cento, ed è solamente con riferimenti espliciti e costanti alla moneta che la Bce può invertire la situazione, ripetiamo drammatica per le econmie dell'area mediterranea: la cosa sorprendente è che il messaggio è il contrario di quello diffuso da Draghi, fors nel tentativo di correggere il tiro. Sui tassi non possono certo fare marcia indietro, anche se arriva nel fine settimana scorsa un allarme sul debito pubblico italiano, che anche quello sembra passare totalmente inascoltato http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-01-26/ue-debito-italiano-ad-alto-rischio-medio-termine-165847.shtml?uuid=AEnhEipD; le due cose insieme non si possono avere, anche se si cerca di convincere l'opinione pubblica del contrario.   http://www.finanze.net/news-Praet_Bce_all_Acquisto_Sino_a_Inflazione_Senza_QE-5105.html Mon, 29 Jan 2018 11:31:00 GMT Draghi, Alla Corte di Re Sole Gli Americani stanno distruggendo anni di cooperazione internazionale ma almeno sono coraggiosi. Stamattina vergognoso intervento di Draghi, che in un linguaggio da politico consumato dice che l'effetto desiderato del quantitative easing non era quello di rafforzare l'euro. In alre parole sostiene il contrario di ciò che vuole sostenere per timore di essere impallinato dai Tedeschi.Così prova a prepararsi la strada per domani dove verosimilmente dirà che il programma non scadrà a settembre. Il bizantinismo di questi burocrati europei oramai porta il pubblico a non capire più quello che dicono perché questo lascia sempre una strada aperta per dire che non lo avevano detto. L'effetto è come al solito contrario a quello desiderato perché l'affermazione è senza senso ma salva la sedia di Draghi agli occhi di Macron e della Merkel. Riteniamo che questa forza insensata delle divise europee, oramai contro dollaro la sterlina è molto più alta che nel pre Brexit, abbia larga probababiltà di costituire il fattore scatenante per una severa correzione dei mercati azionari.                       http://www.finanze.net/news-Draghi_Alla_Corte_di_Re_Sole-5101.html Wed, 24 Jan 2018 14:44:00 GMT Germania, Indice Zew a Massimi Storici Va tutto bene in Germana (mai così ben da quando non c'è un governo, oramai sono molti gli economisti a sostenere che le economie vanno meglio senza un indirizzo politico, ma è vero solo sei accetta una enorme diseguaglianza). L'ndice sulle aspettative mostra grande ottimismo per il futuro e chiaramente la Germania si sta avvantaggiando enrmemente dell'euro forte, perché spiazza la concorrenza mediterranea e si finanzia a tassi negativi sulla parte breve della curva. Richiederebbe davvero un'atto di corraggio da parte della Bce la situazione: l'Europa che si sta delnenando non vede spazio alcuno per l'Italia. Ancora in Germania le migliori opportunità d investmento sull'azionario in area euro.   http://www.finanze.net/news-Germania_Indice_Zew_a_Massimi_Storici-5099.html Tue, 23 Jan 2018 11:13:00 GMT Le Criptovalute non Sono Morte Ma Sarà (Forse) Facebook a Gestirle Allora non eravamo completamente fuori strada, quando nelle scorse newsletter immaginavamo che le criptodivise avrebbero avuto un futuro solo se a gestirle fosse stato un gigante di internet o dei social network https://futurism.com/mark-zuckerberg-officially-considering-cryptocurrency-facebook/. Facendo la propria Facebook garantirebbe senz'altro l'incrocio dei dati con le varie normative antiriciclaggio: consentirebbe dunque di rimuovere il principale ostacolo alla diffusione di Bitcoin o di qualsiasi altra divisa e sconfiggerebbe il fenomeno dei "bitcoin miners", quelli che consumano l'energia della Danimarca per sviluppare il sistema blockchain  sperando di essere rimunerati in criptodivse. Zuckerberg che nelle sue affermazioni assomiglia sempre più a Osho, presenta questi passi sempre "per il bene della comunità".  Gl ostacoli politici al piano possono essre significativi: l'amministrazione americana non ha alcuna intenzione di perdere controllo sul dollaro come divisa di rferimento. Goldman Sachs da parte sua esce in questi giorni con la prima perdita da tanti anni e se Facebook facesse questo passo uscirebbe ridimensionata in modo fenomenale. Sono le banche di investimento come Goldman Sachs a sostenere i prezzi ridicoli di aziende come Tesla: Wall Street ha poco interesse a vederle cancellate. Infine i Cinesi hanno a loro volta interesse a che lo yuan s diffonda come valuta di riserva, la Bundsbank lo ha ncluso in questi giorni nel suo paniere: non permetterebbero mai che ad esempio ALibaba rispondesse con la sua criptovaluta. Verosimilmente Alibaba prenderebbe dunque quote di mercat importanti ai grandi operatori del commercio elettronico. Non è detto che Facebook riesca in questo disegno, ma se ci riuscisse sarebbe la prima banca del mondo. L'alternativa è crediamo un lento declino e una graduale perdita di interesse da parte dei suoi utenti.   http://www.finanze.net/news-Le_Criptovalute_non_Sono_Morte_Ma_Sar_Forse_Facebook_a_Gestirle-5092.html Thu, 18 Jan 2018 09:59:00 GMT Ora Tutti Trumpiani Trenta mliardi di investimento e trentotto miliardi di future tasse per Apple, che così trova un compromesso tra la richiesta di rimpatriare i duecentocinquanta miliardi di lquidità detenuti in Irlanda (che con il dollaro che continuava ad indebolisi sarebbero costati molto) e le aspettative irlandesi per nuovi impianti, che cosi' vengono cancellate. Ora è probabile che l'amministrazione americana (e la Fed per essa) prema di meno su un dollaro debole, perché ad Apple probabilmente seguiranno altre aziende (lo stesso Marchionne ha promesso investimenti da un miliardo). La debolezza ridicola del dollaro delle ultime settimane prende ora logica: seppure con metodi ricattatori non si può dire che Trump non abbia mezzi di convincimento. A livello d economia mondiale non si tratta certo di segnali dstensivi ma è indubbio ch a Trump sta riuscendo molto più di quanto fosse immaginato. Se il rafforzamento del dollaro prende corpo qualcosa in Europa si potrà guardare in particolare su aziende esportatrici.   http://www.finanze.net/news-Ora_Tutti_Trumpiani-5091.html Thu, 18 Jan 2018 01:25:00 GMT Inflazione Area Euro, Ancora in Rallentamento Non arriveranno probabilmente dichiarazioni da esponenti della Bce prima dell'esito di domenica sulla adesione del SPD in Germania all'accordo con la Merkel. Se l'accordo non ci fosse allora forse i funzionari della Bce potrebbero trovare il coraggio di provare vie nuove,  ad esempio quella di abbandonare gli obiettivi temporanenamente di raggiungimento del'inflazione a favore della crescita (la crescita si accompagna a inflazione solo in piena occupazione, come mostrano gli Stati Uniti), anche se questo non rientra nei loro obiettivi istituzionali. Dalla forza dell'euro, senza ammissioni chiare che i classici strumenti di politica monetaria (curva di Philips) non funzionano più, si esce solo con eventi traumatici, di cui si potrebbe fare a meno. Le aspettative di aumento di prezzi si ottengono solo con interventi prima deflattivi (taglio della spesa pubblica) e solo successivamente espansivi. La unica possibiltà che questa via sia intrapresa è appunto che in Germania non si formi un governo.   http://www.finanze.net/news-Inflazione_Area_Euro_Ancora_in_Rallentamento-5089.html Wed, 17 Jan 2018 11:34:00 GMT Inflazione Euro, Dato Decisivo per la Direzione dell'Euro A giudicare dai dati diffusi ieri in Germania il dato non dovrebbe essere in forte salita, soprattutto se si esclude la componente energetica che quella si peserà al rialzo. Va ricordato che le previsioni della Bce per la sua politica nel 2018 sono sulla base di un euro a 1,17: a questi lvelli di euro attual crediamo possibile che la prossima settimana diminuisca le stime di crescita della regione di qualche decimo percentuale o quanto meno smentisca le voci di rialzo di tassi che il mercato oramai incorpora. Non crediamo sia la cosa giusta da fare ma sino a che la Bce si ancora a modelli macroeconomici che mettono in relazione disoccupazione con inflazione, non vi è da attendersi grandi cambiamenti nella retorica ufficiale. Rimaniamo convinti che per effetto delle dichiarazioni verbali e del real andamento dell'economia l'euro si debba svalutare parecchio, anche se il consenso degl analisti è esttamente il contrario; viceversa all'inizio dell'anno scorso la media delle previsioni per oggi si fissava intorno a 1,05 contro dollaro. http://www.finanze.net/news-Inflazione_Euro_Dato_Decisivo_per_la_Direzione_dell_Euro-5088.html Wed, 17 Jan 2018 09:05:00 GMT Valute, Lasciate Perdere l'Analisi Tecnica Che Arricchisce Solo i Broker Due regole fondamentali per trattare titoli ma ancora di più le divise: 1) con una serie di analisti che campano senza mai avere aperto un libro di economia e finanza è chiaro che l'analisi tecnica amplia i movimenti sulla base di idiozie quali le medie mobili o le resistenze, cose su cui il parere di un bambino delle elementari vale quello di un analista tecnico. La unica cosa che muove i mercati così da poterne approfittare sono i fondamentali:oggi l'euro è sopravvalutato su tutte le divise, il dollaro sottovalutato; 2) se aprite una posizione, soprattutto a leva, in cambi bisogna che possiate permettervi di tenerla aperta sintanto che  i fondamentali vengono notati (magari un anno).  Qui forse una delle migliori analisi macro dell'ultimo anno https://www.tradingfloor.com/posts/steens-chronicle-the-manipulation-game-saxostrats-9162545: la conclusione è che le economie non vanno dove vi dicono che vanno e soprattutto che le banche centrali non hanno nessuna capacità di influenzarne la direzione Quello che ora è certo è che l'area euro ha disperato bisogno di un euro debole: gli analisti tecnci non lo vedono, le banche centrali si; forse non in modo esplicito ma faranno di tutto per correggere gli eccessi, e oggi l'eccesso che più balza all'occhio è l'euro. Va tenuto presente che se oggi ancora resiste una normatva, il Dodd-Franck Act ch non consente alle banche americane (i broker di casa nosta invece fanno quello che gli pare, basta vedere i movimenti d Carige o di Fca degli ultimi giorni)  di avere una posizione contraria a quella che raccomandano ai clienti, nei cambi la regola non val. Quando un analista tecnico di una grande isttuzione consiglia di fare una cosa, quasi invariabilmente la sua istituzione fa il contrario con i suoi soldi.       http://www.finanze.net/news-Valute_Lasciate_Perdere_l_Analisi_Tecnica_Che_Arricchisce_Solo_i_Broker-5084.html Tue, 16 Jan 2018 15:09:00 GMT Germania, Governo Tutt'Altro che Vicino Non sembra che i giochi siano fatti in Germania, Schultz senz'altro no perché è all'ultima cartuccia ma il suo partito ha tutto da perdere da questa coalizione, dove si aumenterebbero i contributi a carico dei lavoratori, non si toccherebbero le tasse nelle fasce alte, in cambio la centralizzazione del Meccanismo Europeo di Stabilità che però oltre a vedere i contributi aggiuntivi della Germania vedrebbe quelli dell'Italia al secondo posto: con un budget comunitario che secondo quanto evidenziato nella scorsa newsletter sembra veda un ammanco di circa dodici miliardi all'anno con l'uscita della Gran Bretagna (che evidentemente i quaranta miliardi su cui sembrava fossero d'accordo le parti non li ha pagati). Le quote usgli immigrati sono la ultima componente, in un programma politico che assomiglierebbe sempre di più a quello della Francia di Macron o dell'America di Trump. Riteniamo che la forza dell'euro sia completamente ingiustificata e che la Bce nei prossimi giorni, oggi sarebbe un buon giorno perché i mercati americani sono chiusi, torni sul tema della bassa inflazione (che sarà ancora più bassa con questo cambio); potrebbe non bastare, ora il riferimento all'euro dovrebbe davvero essere esplicIto se si vuole salvare l'Unione. http://www.finanze.net/news-Germania_Governo_Tutt_Altro_che_Vicino-5081.html Mon, 15 Jan 2018 06:57:00 GMT Fed, in Soccorso al Dollaro Meno male che arriva un esponente di spicco della Fed a ribadire che gli effetti della riforma fiscale sono di supporto al dollaro nel breve termine perché possono richiedere aumenti dei tassi più veloci (mentre affossano l'economia a medio termine https://www.cnbc.com/2018/01/11/dudley-warns-that-tax-cuts-putting-economy-on-an-unsustainable-path.html): in una giornata in cui la Bce ha fatto del suo meglio per creare confusione, almeno nella Fed rimane qualcuno che pensa con la propria testa, fuori dai diktat politici. Dudley, crediamo correttamente prevede una spinta iniziale sulla economia prodotta dalla riforma fiscale e un' evidente domanda di dollari nel corso del 2018, mentre ritiene deleteri gl effetti della riforma fiscale nel medio termine.   http://www.finanze.net/news-Fed_in_Soccorso_al_Dollaro-5078.html Fri, 12 Jan 2018 07:35:00 GMT