17-08-2006

Agilent technologies

Ci piace, in attesa di proporre per il ritorno delle vacanze una veste completamente rinnovata del sito (con qualche ritardo rispetto alle nostre previsioni), di fornire indicazioni su titoli che anche se non appartengono al nostro universo investibile ci colpiscono per la qualità dei loro dati finanziari.
Con circa 5 Milardi di euro di fatturato, Agilent Technologies, azienda californiana, è leader di mercato per gli strumenti di misurazione utilizzati in biotecnologia, ottica, nell''industria dei semiconduttori ed in vari settori industriali. Il 14 Agosto l''azienda ha riportato ottimi risultati, con utili per Azione a 55 centesimi di dollaro per il trimestre.
Agilent ha inoltre completato a Giugno un programma di riacquisto delle proprie azioni a prezzi superiori agli attuali 32 dollari. A 15 volte gli utili e senza alcuna implicazione in vicende contabili realtive alla contabilizzazione delle opzioni che hanno invece coinvolto società come APPLE (si vedano con il motore di ricerca gli articoli a riguardo), l''azienda ci sembra molto attraente.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

19-02-2021
Tra pochi titoli interessanti sul piano fondamentale del mercato americano, dopo risultati buoni e previsione di scenari non entusiastici. Mai come ora i portafogli di questo sito riflettono il poco valore fondamentale rimasto nei mercati; crediamo terrranno certamente molto meglio di quelli costruiti sulla base della moda delle nuove tecnologie.
09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni