10-07-2018

Borsa Inglese, Ora Non Più Interessante

E' oramai consuetuidine, come si legge nella scorsa newsletter, che le decisioni degli elettori vengano completamnte stravolte da una politica sempre più l servizio delle lobby: è vero in Italia, dove del contratto d governo non è stata attuata una singola cosa rilevante (ammesso che il contratto di governo esprimesse il voto popolare) è vero nwl Regno Unito dove in questa versione di Brexit non rimane più neanche l'ombra.
Le limitazioni alla libera circolazioni di capitali e persone saranno con ogni probabilità accettate dalla Unione Europea contro promesse di continui trasferimenti, senza i quali le già malridotte casse non consentiranno l'attuazione del bilancio comunitario.
I settori interessanti erano pochi, soprattutto la chimica, l'editoria, il trasporto aereo. Adesso staremmo lontani dalla borsa inglese, che in qusto scenario sconta il peggio delle soluzioni possibili.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-09-2018
La Bce rigetta il piano industriale e chiede la fusione. Le cartolarizzazione delle sofferenze non risulta spesso nelle banche in vero sgravio per i bilanci.
19-09-2018
La pressione politica perché l'azienda non riceva particolari sanzioni sarà alta; ma qualche investitore inizierà a chiedersi se le valutazioni delle società high tech sono davvero sensate
13-09-2018
Probabile forte rimbalzo dei mercati asiatici e del comparto di valore della borsa americana, mentre crediamo finita la discesa dei tassi in Italia, dopo una settimana in cui quasi tutti nel governo hanno provato ad abbassare ton delle dispute europee
11-09-2018
Probabile rialzo significativo delle borse e corsa del dollaro australiano nel giorno in cui Trump annuncia un secondo incontro coi Nord Coreani
07-09-2018
Attacchi prima al Nord Corea poi al Giappone da parte dell'amministrazione americana; lo scopo è quello di estendere gli accordi multilaterali, gli investitori lo percepiscono come l'inizio di una crisi sui mercati asiatici