28-06-2018

Dazi. Gli Stati uniti Dovranno Cedere alla Cina

Meno cinque per cento contro dlollaro da aprle per lo yuan contro dollaro e la banca centrale cinese può operare ulteriori svalutazioni n questa guerra stupida che alla fine porterà l'amministrazion americana a dver cedere. Una svalutazione del cinque per cento equivale a dazi del cinque per cento e se le merci cinesi erano già sostanzialmente più a buon mercato d quelle americani anche dazi del 20% possono non bastare ad annullare il differenziale competittivo.
Questa pagliacciata durerà con ogni probabilità al massimo sino all elezioni di metà mandato, poi che i Repubblicani perdano o mantengano la maggioranza alle due camere, si  smetterà con questo gioco al massacro, dove gli Americani comunque perdono.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione
08-11-2018
Sterlina che si rafforza nell'aspettativa di un accordo già nella giornata d oggi. Crediamo nessuna delle parti abbia interesse a raggiungerlo
07-11-2018
I Repubblicani ora non possono proprio fare a meno del Presidente