12-01-2018

Facebook, più lobby, meno pubblicità

I cambiamenti a Facebook sono sempre presentati in nome di "un modno migliore", ma bisogna sempre leggere tra le righe. Con il nuovo indirizzo è molto più facile indirizzare l'attenzione dell'utente sui contenuti che si vuole legga e fornisce un assist alle ambizioni politche del fondatore.
La pubblicità non ha l'impatto sperato sui conti economici dei social network e continua ad essere dominata da Google. Ci aspetteremmo che la prossima mossa sia quella di puntare fortemente sui sistemi di pagamento, dove Amazon e Google sono più radicati. Ci sembra probabile che il social network stia pensando a come utilizzare la tecnologia delle cripto valute: se Facebook facesse la propria e la gente, come è successo a Kodak la scorsa settimana, ci credesse.... la questione è politicamente sensibile e sarà probabilmente oggetto di negoziazioni anche con esponenti dell'ammnistrazione americana.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

14-12-2018
Chi ha rapporti di stock di debito stabili o in diminuzione non subisce effetti negativi
13-12-2018
Impossibile abbassare il deficit di 0,4% e mantenere il contratto di governo
12-12-2018
Trump interviene nel caso Huawei (che ha creato) i Cinesi abbassano i dazi sulle auto americane
10-12-2018
Mentre Bruxelles "decide" che la Gran Bretagna può decidere di rimanere, la May rinivia il voto
07-12-2018
Siamo stati pessimisti sulle borse per anni ma sia dal fronte Italia che di quello sulla lotta per i dazi le notizie brutte sono tutte conosciute