03-05-2018

Fed, in Pochi Hanno Capito, Ora Pensiamo Riparta la Corsa dell'Euro

E' davvero triste vedere come i mercati finanziari siano oramai guidati da un manipolo di automi che si muovono in massa a destra e a sinistra a seconda di come tira il vento.

Il messaggio di Powell http://www.calculatedriskblog.com/2018/05/the-fomcs-symmetric-2-percent-inflation.html come notato qui da uno dei pochi che ragionano con la loro testa è che il fatto che si sia vicino al due per cento di Inflazione non implica che sei dati superano temporaneamente questo livello la Fed corra ad alzare i tassi.
Quello che i trader invece hanno capito, la prima reazione quella di indebolire il dollaro poi di rafforzarlo è che la velocità a cui i tassi saranno innalzati ora aumenta.

Powell è davvero una ottima presenza, non a caso da un po' in rotta di collisione con l'amministrazione americana, ed è cosciente del fatto che alcune recessioni in passato sono state causate da interventi restrittivi troppo marcati da parte dell'organismo che guida.

Crediamo che l lvello di 1,2 sia ora la base per un rialzo dell'euro: dopo i dati di Inflazione di stamane in area euro (che probabilmente saranno ancora deboli) pensiamo assiteremo ad un rialzo di un paio di punti percentuali della divisa unica contro dollaro.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-06-2018
Come previsto da alcune settimane l'Arabia propone un incremento della produzione. Conseguenze significative sui mercati di borsa con probabile forte rotazione tra settori. Ora le stime di inflazione si abbasseranno un po' da per tutto. Ragionevole attendersi una caduta del dollaro
15-06-2018
Riapriamo stamane posizioni lunghe in euro, ignorati gli effetti sul costo di finanziamento delle imprese della fine del QE
12-06-2018
Tra accordo bilaterale con gli Stati Uniti e la fanfara con cui Trump annuncia l'esito dell'incontro con il leader Nord Coreano, davvero pochi spunti sull'Europa
11-06-2018
Nessuna delle misure economiche che impattano sul deficit nel documento programmatico che sarà discusso con la UE. Scadenze sui titoli di stato tra i due e i cinque anni decisamente interessanti
08-06-2018
Cinquanta miliardi la linea di credito erogata all'Argentina mentre soprattutto la Francia cercherà di far revocare le tariffe sull'acciaio a Trump, verosimilmente poco ricettivo