12-01-2018

Fed, in Soccorso al Dollaro

Meno male che arriva un esponente di spicco della Fed a ribadire che gli effetti della riforma fiscale sono di supporto al dollaro nel breve termine perché possono richiedere aumenti dei tassi più veloci (mentre affossano l'economia a medio termine https://www.cnbc.com/2018/01/11/dudley-warns-that-tax-cuts-putting-economy-on-an-unsustainable-path.html): in una giornata in cui la Bce ha fatto del suo meglio per creare confusione, almeno nella Fed rimane qualcuno che pensa con la propria testa, fuori dai diktat politici.
Dudley, crediamo correttamente prevede una spinta iniziale sulla economia prodotta dalla riforma fiscale e un' evidente domanda di dollari nel corso del 2018, mentre ritiene deleteri gl effetti della riforma fiscale nel medio termine.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-07-2018
Opa di Mediaset e di un fondo per le infrastrutture pubbliche. Con le torri Mediaset controlla 5g, senza neanche bisogno di Telecom, che potrebbe "salvare" per un tozzo di pane
14-06-2018
Ieri la raccomandazione di Goldman a far volare Netflix, nei giorni scorsi le esternazioni di Musk su Tesla, che nonostante le promesse mirabolanti licenzia il nove per cento dgli impiegati: il debito di entrambe le società è insostenibile
14-06-2018
Come diceva ieri Prodi, la guerra di Libia la provocarono i Francesi ma mettersi a litigare non può che irrigidire le posizioni della Bce
13-06-2018
Sul probabile aumento dei tassi oggi, già scontato. Rientra il rischio percepito Italia ( quello vero è sempre lo stesso da prima del governo) e deve diminuire la tensione sulle divise degli emergenti
12-06-2018
La cifra portata nelle leggi finanziarie come costo per l'accoglienza è molto, molto superiore alla realtà: e obbligherà il governo a trovare altri soldi per negoziare in Europa