09-01-2018

Germania, Piccole Capitalizzazioni le Più Interessanti in Europa

Impressionanti i dati di produzione industriale della Germania, i più forti da otto anni, nonostante manchi un governo da oltre cento giorni, il periodo più lungo dal 1949.
I mercati sono tutti saliti in modo non selettivo l'anno scorso ma già nella ultima parte dell'anno si è assistito a un interesse nuovo in titoli di minore Capitalizzazione in Germania, in settori quali la meccanica di precisione e la componentistica auto.
Il governo che nascerà probabilmente nasce molto debole in Germania ma se il quadro istituzionale è corretto, non vi è corruzione e le tasse sono a livelli accettabili di politici si può fare a meno, come accadde in Belgio qualche anno fa.
Al portafoglio ExtrAdvice Europa e Europa alcune idee.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

22-08-2018
Condannato il primo per frode fiscale, il secondo si affretta a dichiararsi colpevole sul caso di Stormy Daniels. Non ininfluente sulle prospettive di borsa, anche se oramai delle questioni morali non interessa più molto a nessuno
21-08-2018
Dollaro che si indebolisce sulle lamentele di Trump per l'azione della Fed. Quando l politica cerca di influenzare i mercati fa sempre danni. In Italia, Giorgetti conferma ieri le impressioni espresse in questa sede, non ci sono i termini per una revoca delle concessioni. Probabile balzo, a breve, di Atlantia anche perché spuntano le responsabilità del Commissario
20-08-2018
In previsione della settimana in cui si dovrebbero definire i dazi tra Cina e Stati Uniti
16-08-2018
Su richiesta di alcuni sottoscrittori estendiamo per oggi sedici agosto e domani diciassette agosto la offerta di acquisto di tutti i portafogli a quaranta euro, gli interessati possono scrivere a info@finanze.net; poi da settembre il prezzo dei portafogli sarà elevato a ottanta euro
10-08-2018
Unicredit la banca italiana più esposta. Qualche anno fa la politica europea fece finta di non capire se si fosse trattato o meno di un colpo di stato. Ieri la Bce, tardivamente allarma sulla esposizione delle banche europee alla Turchia. I detentori di obbligazioni in lira turca e sono molti in Italia dovrebbero prudentemente vendere anche con minusvalenze del sessanta per cento, se non in ossesso di titoli Bei o altre sovranazionali.