Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
12-06-2018

Migranti, Politica del Governo Involontariamente ad Aumentarli, non Diminuirli

Nella legge di bilancio dell'anno scorso si ipotizzava un costo per i migranti di circa cinque miliardi http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-04-17/migranti-def-2017-costi-fino-46-mld-salvini-denunceremo-governo-204702.shtml?uuid=AEtTRj6. L'anno scorso ne sono arrivati centomila mentre nella prima parte dell'anno ne sono arrivati diciassette mila, un calo di circa il settanta per cento.
Il precedente governo ha avuto buoni, fuori dal deficit strutturale, cinque miliardi dall'Unione europea. A  seconda da chi fa le stime, il numero di migranti irregoalri in Italia si pone intorno a cinquecentomila http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-02-05/migranti-54-milioni-residenti-e-500mila-irregolari-detenuto-tre-e-straniero-150359.shtml?uuid=

Secondo le stime del governo precedente dunque ogni clandestino  (non quelli arrivati nell'anno quelli stanziali) costerebbe circa mille euro al mese, cioè più di quanto si ipotizzi per il reddito di cittadinanza.

La cifra è chiaramente di fantasia e ha consentito all'Italia di giocare con le precedenti finanziarie.

Chiudendo i porti, il governo dovrà presentare un legge di bilancio senza questa voce di costo gonfiata, anche perché il numero di nuovi arrivi è enormemente sceso. Ma siccome oggi va a coprire altri ammanchi, bisognerà trovare altri due o tre miliardi di spesa strutturale a compensare.

A meno che l'Italia non apra come fa la Turchia, a farsi pagare per fermare ai confini nord i clandestini sbarcati in Italia.
Al di fuori di ogni considerazione di tipo umanitario, la questione è simile a quella dei provvedimenti in materia economica. Certo che l'Europa deve fare di più però noi dobbiamo dare qualcosa in cambio. Quei due o tre miliardi che devono immediatamente sparire dalla legge di bilancio non risultano in analoghi tagli di spesa. In assenza di questi tagli di migranti, con le politiche di Salvini, ne avremo di più, non di meno.
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-09-2018
Nessun dazio sui prodotti elettronici, in un gran favore ad Apple, dazi al 10% e non al 25% e porta aperta al presidente cinese per un accordo questo fine settimana al G20
17-09-2018
Anche contro il volere degli azionisti, chi lascia Londra lo fa sotto pressioni dei regolatori. Tentativo di mettere il più possibile in forse la trattativa
06-09-2018
L'ilva non assumerebbe come invece dicono i giornali ma manterrebbe i livelli di occupazione. Scherno sugli obiettivi ambientali, Mittal si impegna non a diminuire ma a non aumentare le emissioni iinquinanti
21-08-2018
Il dibattito tra statalizzazione e "laissez faire" è impossibile in un paese con l centoquaranta per cento (includendo CdP) di rapporto tra stock di debito e Pil. Bisognerebbe caso mai vigilare sul fatto che quando colossi tipo Telecom vengono privatizzati non vi sia un sistema di corruzione che alimenta la politica
15-08-2018
Responsabilità condivisa l’organo amministrativo dovrebbe vigilare sui concessionari sul cui processo di assegnazione vige in Italia la completa oscurità