11-05-2018

Prima Industrie, Prezzo 38,5

Reazione negativa del titolo, negli scorsi giorni, ai risultati che pure mettono l'azienda, specializzata in tecnologie per taglio a laser e in veloce evoluzione nella stampa 3d, soprattutto sui metalli, tra quelle più profittevoli al mondo del settore.

Recentemente abbiamo avuto modo di conoscere da vicino il mondo della stampa 3D e la sensazione è che spesso le aziende che si stabilizzerà in una fascia piuttosto stretta, tra 1,23 e 1,18. producono per terzi oggetti stampati con tecnologie additive siano ancora limitate a lavorazioni piuttosto semplici (è facile farsi trascinare dall'entusiasmo quando si vedono ad esempio case stampate in 3D, ma siamo ancora lontani da lavorazioni su vasta scala).

Prima Industrie affianca alle tecnologie da taglio (laser) quelle additive (3D) e ha un brevetto avanzato per la stampa su metallo, che oggi è ancora molto difficile. In pochi anni potrebbe arrivar a stampare le carrozzerie delle auto.

L'azienda vende, dopo la discesa del titolo, successiva alla comuncazione dei risultati avvenuta il sette maggio, a circa venti volte gli utili, ha un rapporto di indebitamento di circa mezza volta rispetto ai Mezzi propri e un portafoglio di ordini in continua crescita, ora a centoventimilioni per l'ultimo trimestre. L'euro forte non ha aiutato le vendite americane, ma ora riteniamo che il cambio con il dollaro tenderà a stabilizzarsi in una fascai stretta, tra 1,23 e 1,18.

I segnali che arrivano per la formazione del nuovo governo possono ancora portar a cadute pesanti nella borsa italiana ma intorno a questi prezzi il titolo è sicuramente buon valore

Visualizza il grafico dal 1 gennaio


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

05-09-2018
Caduta irragionevole del titolo, complice il solito giudizio superficiale di un broker
22-08-2018
Nell'allegato report di Gabbanelli del 2004 si spiega bene l conflitto di interesse tra Anas, Autostrade e organi preposti alla vigilanza. Ma se il privato ha potuto forzare regolamenti ad hoc è perché dall'altra parte esiste un meccanismo di corruzione nel pubblico che senz'altro non consiglia il ritorno di di Autostrade in ambito statale
17-08-2018
Come immaginavamo la vendita di schede grafiche ai miner crolla; pensiamo sia davvero iniziato un fenomeno di rivalutazione delle azioni con buoni fondamentali. Ancora oggi ch vuole può sottoscrivere nostri portafogli a quaranta euro
16-08-2018
Siamo agli espropri di stato, vi è differenza tra manutenzione ordinaria e straordinaria e l'idea di togliere le concessioni ad Atlantia senza rimborso è un tentativo di arraffare soldi dove si può
13-08-2018
Il manager esce oggi con una spiegazione tirata per i capelli: non vi è niente di assicurato da parte del fondo saudta