23-01-2018

Germania, Indice Zew a Massimi Storici

Va tutto bene in Germana (mai così ben da quando non c'è un governo, oramai sono molti gli economisti a sostenere che le economie vanno meglio senza un indirizzo politico, ma è vero solo sei accetta una enorme diseguaglianza). L'ndice sulle aspettative mostra grande ottimismo per il futuro e chiaramente la Germania si sta avvantaggiando enrmemente dell'euro forte, perché spiazza la concorrenza mediterranea e si finanzia a tassi negativi sulla parte breve della curva.
Richiederebbe davvero un'atto di corraggio da parte della Bce la situazione: l'Europa che si sta delnenando non vede spazio alcuno per l'Italia. Ancora in Germania le migliori opportunità d investmento sull'azionario in area euro.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-12-2018
Fineco e le altre principali piattaforme addebitano costi altissimi soprattutto sulle operazioni in marginazione, anche se i soldi sono vostri. A gennaio terremo un webinar per spiegare come difendersi da questo crescente fenomeno e comprendere la vera struttura di costi dei prodotti di risparmio gestito e assicurativo, chi fosse interessato ci scriva per informazioni
17-12-2018
Tagli alle due riforme più dannose, ma ancora non basta, nonostante il tentativo di inganno sui numeri
11-12-2018
Siamo alla commedia dell'assurdo: Qualcomm, californiana ma con due terzi delle vendite in Cina blocca le vendite di Apple sui modelli sino all'X. Apple fa il venti per cento del suo fatturato in Cina
14-11-2018
Saldi invariati, dismissioni immobiliari impossibili e clausole di garanzia inutili. Questa arroganza verrà pagata sui salvataggi bancari, a partire da Carige per salire su istituti più grandi
22-10-2018
Terza azienda di rilievo, dopo Guzzini e Versace che se ne va all'estero in poco tempo. In positivo nelle aziende non quotate vi è molto valore in Italia, in negativo lo sviluppo non si fa più in Italia