Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
26-12-2006

2007, l'anno del Giappone

I dati diffusi stanotte sui prezzi al consumo per Novembre in Giappone (che non chiude per il Natale), +0,2% su base annua ma con il mese stagionalmente peggiore dell''anno, indicano a nostro parere che il paese è definitivamente fuori dalla deflazione e che nonostante i consumi siano ancora ridotti, la Banca del Giappone avrà buoni argomenti per aumentare diverese volte i tassi nel 2007.
Da un lato i sindacati, giustamente, rivendicano aumenti salariali in un contesto in cui soprattutto le aziende esportatrici hanno fatto, a cuasa del cambio dello yen incredibilmente basso, profitti stellari che ad oggi non si sono riflessi in maggior potere d''acquisto per i lavoratori. Dall''altro il mercato immobiliare, spinto dal forte indebitamento a tassi vicino allo zero, sta oramai a livelli di soglia. Ci aspettiamo quindi utili straordinari per gli esportatori (Sony, Toyota, che ha dichiarato che prevede di sorpassare General Motors per vendite negli Stati Uniti nel corso del 2007) e succesivamente per le aziende legate al consumo (Seven & I, ma anche Mitsubishi corp.).
Nel corso del 2007 ci aspettiamo quindi forte rivalutazione della divisa (oggi compressa da operazioni speculative di Carry trade, si veda il glossario) unita ad un mercato azionario brillante. Storicamente, rivalutazione della divisa e crescita del mercato azionario sono fortemente correlati in quel paese. La combinazione dei due effetti porterà a nostro parere profitti per gli investitori ampiamente nell''ambito delle due cifre percentuali.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

23-07-2021
Con la Fed titolare di un doppio mandato e la banca centrale cinese sempre più vicina per strumentazione a quella americana, la crescita economica deve rientrare tra gli obiettivi della Bce. Se l'Europa non vuole rimanere un cuscino tra le due grandi potenze.
21-07-2021
Venderemo prudenzialmente l'Italia
16-07-2021
La stretta cinese sulle qotazioni americane di aziende di casa, dopo il caso Didi, ha cancellato molte ADR quotate sul mercato americano. Ora da comprare solo aziende che hanno accordi con società staunitensi o hanno modelli di distibuzione globale. Più diciotto per cento il nostro portafoglio emergenti da inizio anno.
15-07-2021
Powell ribadisce di ritenere temporaneo il rialzo dell'inflazione. Forse non è così ma la borsa ora brinderà di nuovo. Modifiche al portafoglio globale dove inseriamo titoli asiatici e americano
13-07-2021
In anticipo segnala che non tutti saranno d'accodo sugli stimoli. Se così sarà Italia primo mercato da evitare