Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
26-12-2006

2007, l'anno del Giappone

I dati diffusi stanotte sui prezzi al consumo per Novembre in Giappone (che non chiude per il Natale), +0,2% su base annua ma con il mese stagionalmente peggiore dell''anno, indicano a nostro parere che il paese è definitivamente fuori dalla deflazione e che nonostante i consumi siano ancora ridotti, la Banca del Giappone avrà buoni argomenti per aumentare diverese volte i tassi nel 2007.
Da un lato i sindacati, giustamente, rivendicano aumenti salariali in un contesto in cui soprattutto le aziende esportatrici hanno fatto, a cuasa del cambio dello yen incredibilmente basso, profitti stellari che ad oggi non si sono riflessi in maggior potere d''acquisto per i lavoratori. Dall''altro il mercato immobiliare, spinto dal forte indebitamento a tassi vicino allo zero, sta oramai a livelli di soglia. Ci aspettiamo quindi utili straordinari per gli esportatori (Sony, Toyota, che ha dichiarato che prevede di sorpassare General Motors per vendite negli Stati Uniti nel corso del 2007) e succesivamente per le aziende legate al consumo (Seven & I, ma anche Mitsubishi corp.).
Nel corso del 2007 ci aspettiamo quindi forte rivalutazione della divisa (oggi compressa da operazioni speculative di Carry trade, si veda il glossario) unita ad un mercato azionario brillante. Storicamente, rivalutazione della divisa e crescita del mercato azionario sono fortemente correlati in quel paese. La combinazione dei due effetti porterà a nostro parere profitti per gli investitori ampiamente nell''ambito delle due cifre percentuali.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

03-12-2021
La più popolare piattaforma per la comunicazione a distanza tornerà verosimilmente nell'interesse degli investitori con la ripresa della pandemia
19-11-2021
Maggiore concentrazione che sul portafoglio Italia che comunque fa il 34%. Su extradvice ricordiamo la differenza è che è previsto contatto con noi
04-11-2021
La considereremo per il nostro portafoglio transizione energetica, mentre è calato il silenzio assoulto sui risultati di Glasgow
03-11-2021
Nessun risultato concreto da Glasgow, ora la palla passa all'iniziativa privata. Stasera quasi certo l'annuncio del rallentamento sugli acquisti da parte della Fed. Titolo nel nucleare al nostro portafoglio transizione energetica decisamente in acquisto dopo i risultati
02-11-2021
I tassi salgono subito dopo l'annuncio della emissione solo a privati, a commissioni rialzate (0,95% pe la banca dopo il collocamento), del Btp Futura