Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
28-08-2018

Accordi Bilaterali, Ottimo Per il Messico

E' la cosa più intelligente in materia economica che l'amministrazione americana ha concepito: la fine degl accordi multilaterali, dove tutti litigano con tutti e l'nizio delle contrattazioni bilaterali.
In pochi hanno realizzato che questo sancisce, almeno fintanto che dura questa amministrazione, la fine delle organizzazioni sovranazionali. Certo solo grandi potenze come gli Stati Uniti o la Cina si possono permettere di superare gli accordi multilaterali ma quanto succede in Europa, da Brexit alle inutili discussioni sul bilancio UE innescate da Di Maio, dimostra che anche dove rimangono in vita si litiga e basta.
Il Messico ne esce sicuramente in una posizione migliore di quanto le discussioni sui muri della campagna pre elettorale avess fatto immaginare.
Grande perdente ci sembra il Canada che tradizionalmente esporta prodotti agricoli e petrolio verso gli Stati Uniti.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-09-2018
La Bce rigetta il piano industriale e chiede la fusione. Le cartolarizzazione delle sofferenze non risulta spesso nelle banche in vero sgravio per i bilanci.
19-09-2018
La pressione politica perché l'azienda non riceva particolari sanzioni sarà alta; ma qualche investitore inizierà a chiedersi se le valutazioni delle società high tech sono davvero sensate
13-09-2018
Probabile forte rimbalzo dei mercati asiatici e del comparto di valore della borsa americana, mentre crediamo finita la discesa dei tassi in Italia, dopo una settimana in cui quasi tutti nel governo hanno provato ad abbassare ton delle dispute europee
11-09-2018
Probabile rialzo significativo delle borse e corsa del dollaro australiano nel giorno in cui Trump annuncia un secondo incontro coi Nord Coreani
07-09-2018
Attacchi prima al Nord Corea poi al Giappone da parte dell'amministrazione americana; lo scopo è quello di estendere gli accordi multilaterali, gli investitori lo percepiscono come l'inizio di una crisi sui mercati asiatici