Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
05-03-2009

Adobe System

La società di software, il cui prodotto più conosciuto è Acrobat, per costruire file in PDF, appare da qualche giorno nella nostra lista Top 100. Ieri, anticipando la trimestrale che sarà comunicata in via ufficiale il 17 marzo, Adobe ha comunicato utili superiori alle aspettative del mercato su vendite in diminuzione ma corredate da un più che proporzionale contenimento dei costi. La società ha una posizione Finanziaria netta positiva di circa un quarto della sua attuale Capitalizzazione ed un valore di libro pari a metà del suo valore di borsa. Oltre ai criteri indicati dalla formula vincente, gli avventurosi che decidono di ritornare sul mercato - sono in molti gli operatori che ritengono che le lavate di questi giorni siano segno di un fondo oramai vicino - faranno bene a selezionare società con pochi o nessun debito, vista la difficoltà delle aziende ad ottenere credito dal sistema.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

19-02-2021
Tra pochi titoli interessanti sul piano fondamentale del mercato americano, dopo risultati buoni e previsione di scenari non entusiastici. Mai come ora i portafogli di questo sito riflettono il poco valore fondamentale rimasto nei mercati; crediamo terrranno certamente molto meglio di quelli costruiti sulla base della moda delle nuove tecnologie.
09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni