Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
25-03-2008

Aeffe

Aeffe è una holding del settore moda che si occupa di design, distribuzione al dettaglio e all'ingrosso e produzione. Ha una capacità produttiva di circa 800.000 capi all'anno. Ha circa 150 negozi mono marca e vende attraverso 2000 punti vendita multimarca.I due marchi più noti di cui il gruppo detiene la maggioranza sono Moschino e Pollini, che produce circa 700.000 articoli di pelletteria e calzature all'anno. Aeffe ha inoltre licenze per la produzione ed accordi di distribuzione tra gli altri con gli stilisti Jean Paul Gaultier e Narciso Rodriguez. A Gennaio scorso un accordo di licenza anche con il gruppo Elizabeth Arden ad indicare una politica di diversificazione in settori affini (recente anche l'ingresso con il marchio Pollini nell'occhialeria). La sede è a San Giovanni in Marignano, Dopo i recenti ribassi l'azienda, che è controllata dalla famiglia Ferretti, ha deciso di avviare un programma di riacquisto delle proprie azioni, un fattore che consideriamo spesso nel selezionare titoli in questa sezione quale garanzia di fiducia della proprietà. Il Dividendo non è alto ma di questi tempi è meglio rimettere soldi in azienda in settori come questi. La struttura Finanziaria è molto equilibrata, con un tasso di indebitamento molto basso.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

17-05-2021
Non ancora chiari i termini dell'offerta ma i media tradizionali fanno meglio di Netflix da parecchio. Alle newsletter scorse una analisi di questo e altri titoli del settore
11-05-2021
Acquisto di titoli propri sul mercato a 51 centesimi, fuori Buzzi dal nostro portafoglio italiano, sul forte rialzo (potafoglio Italia +21% da inizio anno)
05-05-2021
Finito il duello con Vivendi, Titolo Interessante
26-04-2021
Ottimo valore, dopo il crollo del sessanta per cento seguito al fallimento Archegos
21-04-2021
I multipli sono alti ma non drammatici se visti nel contesto di quanto è successo al settore