Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
04-09-2010

Agfa

Partire dal settore della fotografia su pellicola per riqualificarsi non è come nel caso di Kodak un compito facile ma sembra che l'azienda belga ci sia riuscita.
Oggi è organizzata nei tre settori del medicale (mezzi di contrasto), dei materiali (carte sintetiche per stampa e film per usi industriali), della prestampa (processi industriali per la preparazione dello stampaggio).
L'azienda è tornata all'utile, seppur modesto, nel corso dei primi sei mesi del 2010, dopo avere sopportato pesanti costi di ristrutturazione.
Nei primi sei mesi il fatturato è aumentato del 5% e, sulla base delle previsioni della stessa azienda, il titolo vende a meno di nove volte l'utile 2010. L'azienda ha ora un livello di indebitamento molto basso, a circa mezza volta i Mezzi propri.
Come sempre, il rimbalzo di questa settimana non ci convince, metteremmo limiti di prezzi iun po'più bassi, intorno ai 5,20 euro.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

19-02-2021
Tra pochi titoli interessanti sul piano fondamentale del mercato americano, dopo risultati buoni e previsione di scenari non entusiastici. Mai come ora i portafogli di questo sito riflettono il poco valore fondamentale rimasto nei mercati; crediamo terrranno certamente molto meglio di quelli costruiti sulla base della moda delle nuove tecnologie.
09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni