Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
25-10-2010

Agfa, buona opportunità di acquisto

Annnuncio di un aumento di capitale che prevede l'emissione di un diritto ogni tre azioni per un ammontare totale di 140 milioni di euro circa su oltre 800 milioni di Mezzi propri della società. Anche dopo l'aumento di capitale il rapporto tra debiti e Mezzi propri della società resterà ampiamente sotto l'unità. Considerando l'effetto di diluizione che l'aumento di capitale comporta, la società venderà a circa nove volte gli utili storici. L'aumento andrà ad essere utilizzato per acquisizioni in due dei mercati che oggi costituscono le aree di sviluppo principalii del gruppo, ovvero i sistemi di contrasto nel medicale e la stampa di alta qualità. Il mercato si muove in modo del tutto irrazionale: premia le società che si indebitano per fare maxi acquisizioni (la scalata, nel lusso di LVMH in Hermes) e penalizza quelle che crescono rafforzando la propria struttura patrimoniale.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

19-02-2021
Tra pochi titoli interessanti sul piano fondamentale del mercato americano, dopo risultati buoni e previsione di scenari non entusiastici. Mai come ora i portafogli di questo sito riflettono il poco valore fondamentale rimasto nei mercati; crediamo terrranno certamente molto meglio di quelli costruiti sulla base della moda delle nuove tecnologie.
09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni