Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-12-2006

Alitalia, la decisione migliore

IL governo ha preso ieri una decisione in merito ad Alitalia che rappresenta probabilmente la migliore mossa di questa legislatura. La società verrà parzialmente ceduta in un primo tempo a privati, con il governo che manterrà una quota di maggioranza relativa (Golden share) del 30%. Successivamente anche questa quota verrà ceduta ai compratori, con l''obbligo di lanciare un''opa sul 1005 del capitale ed il conseguente probabile Delisting del titolo). Queste aziende, ma è vero per le Ferrovie, e per Rai, sono feudi politici presidiati da partiti diversi che piazzano storicamente al loro interno i propri vassalli.
Alitalia è tradizionalmente "terra" della destra. Speriamo che il governo abbia altrettanto coraggio almeno con Rai e Ferrovie, dove vice versa il presidio è prevalentemente di sinistra. Potremmo così iniziare a liberarci di uno dei manager pubblici più pagati per gestire un''azienda che perde più di un miliardo di euro all''anno.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Altri articoli da questa sezione

19-02-2021
Tra pochi titoli interessanti sul piano fondamentale del mercato americano, dopo risultati buoni e previsione di scenari non entusiastici. Mai come ora i portafogli di questo sito riflettono il poco valore fondamentale rimasto nei mercati; crediamo terrranno certamente molto meglio di quelli costruiti sulla base della moda delle nuove tecnologie.
09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni