Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-08-2018

Argentina e Turchia, Due Casi Collegati

Sono diversi i fronti su cui il Fondo Montario Internazionale potrebbe bruciare più di metà dei suoi mezzi in poco tempo. Di qui il ritardo, nononstante gli annunci della Lagarde di qualche mese fa, nel concedere fondi all'Argentina.
Il fronte turco è molto più grave per le conseguenze geopolitiche e con un Pil di circa ottocento miliardi e metà dell'esposizione delle banche a divise estere stimiamo che un salvataggio ammonterebbe almeno a duecento miliardi. 
Naturalmente Erdogan lo rifiuta sdegnosamente ma tanti altri aiuti dai nuovi alleati Oman, Russia e Iran non ne possono arrivare.
Rimarrebbe la unica soluzione possibile, ma questo implicherebbe la rimozione di Erdogan e probabli disordini civili.
Vi è poi il Venezuela, con milioni di persona in fuga, sempre più rigettate dalle autortà di frontiera.
Il Brasle ha senz'altro una situazione politica incerta e un alto tasso di corruzione ma l'economia è molto più solida di quella di qualsiasi altro di questi paese. In settimana aggiugneremo obbligazioni in Reais al portafoglio obbligazionario
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

02-11-2018
Non pensiamo sia probabile l'accordo di cui parla in questi giorni la stampa
30-10-2018
Poco più di venti centesimi di differenziale di rendimento tra i due e i dieci anni, la Fed dovrà alzare il piede
14-09-2018
Moderato rialzo della lira turca a un aumento dei tassi doppio di quello previsto Senza interventi esterni la situazione è irrisolvibile, a meno di un grande indebolimento del dollaro. Sino ad allora divise degli emergenti ancora sotto pressione, ritardiamo gli acquisti di messicano e reais
03-08-2018
Sterlina ai minimi , con segnali di rialzo dei tassi dalla banca d'Inghilterra e maggiore flessibiltà dell'Unione nei rapporti con la Gran Bretagna
27-07-2018
Enorme rimbalzo del cambio, soprattutto negli ultimi giorni