Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
25-10-2018

Bce, Quali Opzioni

In questi giorni riceviamo alcuni post di lettori che sostengono che siccome l'Italia è il quarto contribuente netto al bilancio della UE dovrebbe avere libertà sulla manovra. Non è così per i patti di stabilità cui l'Italia ha aderito e l nostro paese è contribuente netto soprattutto perché Monti nel 2011 decise di essere tra coloro che salvavano le banche spagnole e portoghesi invece che preoccuparsi delle proprie.

Draghi parla sempre più di politiche monetarie che di supervisione ma i livelli a cui tratta MPS, e l'imminente secondo giudizio sull'Italia di una agenzia, domani S&P, non può non preoccupare la BCE.
Tria ammette ieri sera che questo livello di tassi non è sostenibile per le banche; solo qualche mese fa banche, anche molto ben gestite, come Ifis, offrivano vincolati a un anno e mezzo al due per cento, oggi il loro costo di finanziamento probabilmente si avvicina se non supera questi lvelli. Non pare sia ascoltato dall'esecutivo, ieri sera la reazione scomposta e volgare di Casalino, che se non fossimo nell'era dei social più che al Grande Fratello non potrebbe parlare.

Conclusione, Draghi dovrà lasciare aperta la porta per un eventuale estensione del QE, ma dovrà anche difendere il suo operato, dicendo che comunque le economie dell'area euro mostrano solide basi: tra poco avrà un nuovo incarico, quasi certamente privato e non è pensabile che si prenda rischi particolari.

Si soffermerà ancora sulla necessità di politiche fiscali pù stringenti da parte degli stati membri e darà indicazioni sui piani di reinvestimento, verosimilmente concentrati sulle scadenze più brevi ora che la curva dei tassi si sta irripidendo. Questo vorrebbe anche dire che la scadenza media del debito italiano tenderà ad accorciarsi sotto i sette anni di cui parla ieri Tria piuttosto velocemente, mentrei il Tesoro cerca dia llungare le scadenze.
Nella sezione delle domande dalla stampa arriverà probabilmente un quesito sui requisiti paatrimoniali delle banche, in verifica a breve, che verosimilmente Draghi passerà al suo secondo. Lì a parte qualche rassicurazione del caso dovrebbe emergere la ncessità di alcuni sitituti di ricapitalizzarsi a breve.
 
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione
08-11-2018
Sterlina che si rafforza nell'aspettativa di un accordo già nella giornata d oggi. Crediamo nessuna delle parti abbia interesse a raggiungerlo
07-11-2018
I Repubblicani ora non possono proprio fare a meno del Presidente