Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
26-12-2017

Bitcoin Mining, la Nuova Trappola per Polli

il quaranta pr cento delle trattazioni sui Bitcoin è controllato da qualche centinaia di operatori della prima ora https://www.bloomberg.com/news/articles/2017-12-08/the-bitcoin-whales-1-000-people-who-own-40-percent-of-the-market ma i produttori di software e di hardware vendono complicati aggeggi, che costano mediamente più di mille euro a una pletora di ingenui che dovrebbero risolvere equazioni matematiche che in teoria aumentano la sicurezza del sistema e la moneta virtuale in circolazione. I pretendenti programmatori verrebbero compensati con nuova moneta virtuale per il loro sforzo.

Non vi è alcuna regola che disciplini il fatto che queste poche centinaia di operatori si mettano d'accordo per spingere il prezzo in una direzione o nell'altra per cui davvero il tema della sicurezza è ridicolo, perché questi operatori possono fare quello che vogliono.

Le equazioni che vengono proposte agli aspranti milionari sono talmente complicate (forse inutilmente) che i dispositivi che dovrebbero risolverle si scaldano enormemente, i produttori consigliano di non usarli sopra gli ottanta gradi di temperatura.

Oltre a rischiare di incendiarsi la casa questi soggetti consumano una quantità di energia incredibile http://www.newsweek.com/bitcoin-mining-track-consume-worlds-energy-2020-744036 in un tentativo che è evidentemente disperato, se appunto è vero che il quaranta per cento del mercato è controllato da una manciata di operatori.
Basterebbe vietare la vendita di questi dispositivi per riportare Bitcoin alla sua vera funzione: una moneta alternativa a quella emessa dalle banche centrali. Ma qui le grandi case stanno facendo un mucchio di soldi.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

12-12-2018
Trump interviene nel caso Huawei (che ha creato) i Cinesi abbassano i dazi sulle auto americane
10-12-2018
Mentre Bruxelles "decide" che la Gran Bretagna può decidere di rimanere, la May rinivia il voto
07-12-2018
Siamo stati pessimisti sulle borse per anni ma sia dal fronte Italia che di quello sulla lotta per i dazi le notizie brutte sono tutte conosciute
06-12-2018
L'arresto della figlia del fondatore in Canada su domanda di estradizione da parte degli Stati Uniti, su accuse non specificate: nessuno si sogna di bloccare Facebook per le medesime ragioni
05-12-2018
Davvero non giustificato lo scetticismo sull'accordo tra le due grandi potenze, dove la stessa Cina mostra fiducia nell'accordo