Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-05-2019

Borse, Tempo di Correzione Profonda

Sei per cento la caduta del mercato cinese alla riapertura delle contrattazioni sulle nuove minacce di Trump; è probabile che la correzione si rigiri velocemente sul mercato cinese perché di fatto Cina e Stati Uiniti sono alla vigila di un accordo e questa è  l'eterna tattica di Trump spaventare molto per poi offrire sollievo.

Il piano di infrastrutture su cui gli stessi democratici sono d'accordo di fatto attinge agli stessi fondi federali che dovevano esssere usati per costruire il muro quindi effettivamente ne nega la fattiibiltà ed è una buona notizia.
Come dalla nostra Newsletter di ieri siamo ora neutrali sulle posizioni azionartie attraverso l'apertura di vendite allo Scoperto, su alcuni titoli italiani in particolare del risparmio gestito e sui tenologici americani e posizioni lunghe in particolare sul farmaceutico.

L'impatto di questi nuovi sviluppi sarà ragionevolmente limitato nel tempo ma con il listino americano ai nuovi massimi è ragionevole ipotizzare una correzione breve ma profonda.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

21-05-2019
Per Huawei è un grosso danno ma la sospensione per tre mesi indica che Trump non ha grande potere contrattuali. Intanto i titoli cinesi del trasporto hanno raggiunto valutazioni ridicole
09-05-2019
Blackrock dice di no
09-05-2019
Probabile rinvio delle nuove minacce di dazi americani, che decuplicherebbero quelli esistenti
08-05-2019
Non serviva arrivare a maggio per bocciare definitivamente il piano italiano, evidente paura delle conseguenze delle europee
07-05-2019
Non vi sono segnali di recessione in America ma di rallentamento e questa barzelletta con la Cina prima o poi finirà. Turchia in dittatura dopo la cancellazione dei risultati delle elezioni e Lira Turca di nuovo verso i minimi. La Turchia non è il Venezuela; senza un dollaro a meno venti da qui nessuna possibilità che la crisi non esploda.