Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
15-11-2018

Brexit, una Bozza di Accordo che di Fatto Nega la Brexit

Tutti contenti ieri compreso il Financial Times che anch'esso ahimè sta diventando il giornalino del quartiere per l'accordo preliminare (che è un ossimoro, un accordo o è definitivo o non è un accordo) che il governo della May e Bruxelles avrebbero raggiunto.
Se ieri il governo inglese faticosamente si è messo d'accordo (ma stamane arrivano dimissioni importanti) è solo per non andare a casa. L'accordo sul cosiddetto doppio "backstop" (talmente assurdo che non vale la pena d capirlo, ma che in sostanza rimette a Bruxelles la decisione sui confini di Irlanda), le richieste ambientali di Bruxelles, i(n area euro abbiamo l'Ilva, non siamo ridicoli), sostanzialmente svuotano Brexit di qualsiasi significato.
Se l'Accordo passerà al Parlamento inglese in questa forma (al Parlamento Europeo passa di sicuro), il referendum su Brexit sarà stato svuotato di ogni contenuto. In un modo o nell'altro la politica farà di tutto per fermare il processo, se questo non funziona si tenterà la via del secondo referendum. Segni di quanto sta per avvenire con l'eventuale processo sanzionatorio verso l'Italia.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

26-03-2019
A differenza di quanto scritto erroneamente la scorsa settimana da tutta la stampa, l'opzione per un secondo referendum, ora che il Parlamento ha il controllo informale sul voto, è più che mai attuale
25-03-2019
Tranne Ifis, dove Bossi presentando la sua lista mostra di essere un banchiere e non un bancario, settore sempre più da evitare
25-03-2019
Dovrebbe da oggi riprendere il percorso di miglioramento delle borse internazionali.
19-03-2019
Il no al terzo voto richiesto dalla May viene interpretato, giustamente , come un segnale che molto probabilmente di Brexit non si sentirà più parlare almeno sino a fien giugno
18-03-2019
Escono dall'indice principale tre delle società italiane più interessanti ed entra Hera