Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
08-03-2017

Btp 2028. Ultimo Colpo d'Ala per Polizze e Piani di Risparmio Individuale

Il nuovo BTP a dieci anni indicizzato è un chiaro segno di difficoltà da parte del Tesoro: le polizze assicurative e quelle a gestione separata che vogliono rendimento facciale debbono sempre di più allungare le scadenze per consentire di pagare una Cedola ai risparmiatori e rimandare il più possibile il momento in cui questi si accorgeranno delle perdite sottostanti: in un ambiente di tassi di interesse crescenti qualsiasi polizza che "garantisca" un rendimento avrà un portafoglio sottostante verosimilmente più lungo della scadenza desiderata dal cliente per la polizza, producendo una perdita certa al rimborso.
Qualcuno inizia ad accorgersene e con l'ndicizzazione si cerca di rassicurare l'investitore istituzionale sulla potenziale perdita di valore del titolo: ma è un ragionamento sbagliato: l'Inflazione tornerà a scendere molto presto perchè non è spinta dalla domanda ma bensì dal prezzo dei prodotti energetici e dei prodotti alimentari non lavorati che dall'inizio dell'anno mettono a segno rialzi sino al dieci per cento. E' dunque molto probabile che un BTP indicizzato veda cedole decrescenti e prezzi in discesa perchè ne lfrattempo gl Spread sul debito italiano sono destinati a salire.
L'emissione è anche una grossa furbata perchè consentirà di uscire a prezzi relativamente bassi visto che l'Inflazione ha temporaneamente sforato il tasso del due per cento.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

31-05-2018
Ieri piazzato in asta il Btp quinquennale al 2,32%. Sintanto che i rendimenti sono superiori a quelli dei titoli di stato americani, può essere occasione di acquisto. L'elemento di rischio maggiore ora un governo che con l'appoggio della Meloni diventerebbe molto più reazionario di quanto i risultati elettorali avevano fatto immaginare.
04-05-2018
Tassi alzati una seconda volta (al trentatré per cento) e divisa quasi dimezzata in un anno. Rischi di contagio non trascurabili, la Fed sarà molto prudente
26-03-2018
Passeremo sul portafoglio obbligazionario da emittenti sovranazionali a titoli di stato americani, dove vi è più liquidità e si può facilmente muoversi tra varie scadenze, aumentando il peso del dollaro. Interessante il messicano, questo su sovranazionali perché il rischio del debito domestico è alto.
22-11-2017
La differenza tra tassi a dieci anni e a due anni la più bassa dal 2007 ma probabilmente la prossima recessione è ancora lontana. Sembra piuttosto un modo per tenere il tasso di cambio del dollaro basso
15-11-2017
Oggi il Sole titola dei rischi di investire in obbligazioni dei mercati emergenti, un assist al "Btp italia" e alle obbligazioni di Astaldi (che non è l'unico emittente italiano di cui preoccuparsi)