Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
22-11-2017

Curva dei Tassi Americani, Mai così Piatta

Grande risalto negli ultimi giorni viene dato all'appiattimento della curva dei tassi americana come sintomo di una prossima recessione. Il differenziale tra tassi a dieci anni e tassi a due è di meno di ottanta centesmi di punto. La misura è molto seguita anche dalla Fed i cui esponenti la interpretano come una reazione al rientro dai programmi di stimolo monetario https://www.ft.com/content/70cebf20-7098-327c-8487-b21f7c90c69f.

Gli ultimi dati provenienti dall'economia americana indicano esattamente il contrario in particolare il dato sulle nuove costruzioni residenziali, in deciso aumento e storicamente la migliore misura dello stato di salute dell'economia. Come indica con la solita chiarezza McBride http://www.calculatedriskblog.com/2017/11/update-for-fun-stock-market-as.html l'economia americana dovrebbe avere ancora almeno un anno di crescita davanti, se Trump continua a non ottenere sostanzialmente nulla da tutti i suoi programmi di controriforma. L'economista indica nella reazione irrazionale del presidente americano a un possibile evento inaspettato, ad esempio una caduta dei corsi di borsa (cui l'amministrazione lega la misura del suo successo), il maggior Rischio per l'economia
Non è un caso che lo yen abbia iniziato a rafforzarsi negli ultimi giorni pur in presenza di mercati di nuovo al rialzo. Tutto il mercato dei cambi si basa sul differenziale dei tassi con gli Stati Uniti.
L'appiattimento della curva rende molto attraenti (anche per un investitore europeo che ha un rendimento migliore di un "Bond.html" class="glossary">Junk Bond" nostrano) le scadenze a due anni: l'amministrazione americana, se passasse la riforma fiscale avrebbe un buco nei conti che dovrebbe finanziare con emissioni a breve. Sintanto che la "riforma fiscale" non passa, grandi rischi per la borsa americana non ci sono.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-05-2019
Molti articoli sulla stampa sul possibile disinvestimento dei Cinesi dal debito americano
05-03-2019
Sebbene l'Italia abbia ancora un merito creditizio molto più alto, la differenza di rendimento tra i due decennali è oramai un punto: o salgono i tassi in Grecia o salgono in Italia, la Bce non può abbassarli
28-02-2019
Abbiamo effettuato una analisi di alcuni dei fondi detenuti da investitori italiani, Spesso le prime voci all dei fondi sono emissioni altamente illiquide, che non troverebbero compratori nel caso di rimborsi. La recente caduta dei rendimenti su Bund e Treasury ha avuto effetto positivo recente su questi prodotti: che da qui in poi sono molto più rischiosi di titoli azionari solidi con buoni dividendi. Infine questi fondi detengono mediamente due terzi del patrimonio in liquidità su cui non vi è alcun rendimento
21-02-2019
Nei giorni scorsi il Pil della Corea del Sud supera quello dell'Italia, con dieci milioni in meno di abitanti. Chiudiamo le posizioni sul dollaro
05-02-2019
Un sacco di baccano sul ritiro del gestore obbligazionario più famoso al mondo, che ha cavalcato con intelligenza trent'anni di tassi in discesa: ma è finita un'era