Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
28-09-2018

Deficit al 2,4%, Fiato all'Irresponsabilità

Sui primi venti miliardi lo stato negozierebbe con Bruxelles (impossibile con il nostro livello di stock di debito su Pil) tra l'altro sulla base di un rapporto calcolato su un Pil tendenziale, appena rialzato nelle previsioni da Istat, sempre meno al servizio dei numeri e sempre più della politica (solo due giorni dopo le stime al rialzo di Istat al 1,6% sono arrivate le stime al ribasso di Confcommercio al 1,1%, almeno uno dei due non sa fare dunque i calcoli oppure li trucca).

Sugli altri venti miliardi, caccia all'untore, generalmente le Partite Iva che sicuramente riceveranno montagne di cartelle sulla base degl spesometri, procedue demenziali impossibili da compilare costruite alternativamente o da incompetenti o per indurre volutamente in errore.

La cosa più tragica è che però questo atteggiamento irresponsabile cui ha provato a opporsi Tria, che francamente non capiamo perché rimanga al suo posto, speriamo per non trasmettere all'esterno il senso di totale sfascio, scatena il plauso degli elettori perché evoca un orgoglio nazionale malrisposto, cui la politica fece già ricorso nel Ventennio invocando una impossibile autarchia.

 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

26-06-2019
La Fed riconosce la debolezza dei dati recenti ma sottolinea quanto Giappone ed Europa abbiano agito troppo presto
24-06-2019
La decisione non è corretta sul piano dei conti ma aiuterà la borsa
21-06-2019
Non si possono discutere le stime, che si sono sempre rivelate più positive di quello che poi accade. La borsa italiana rimane molto richiosa, nonostante qualche buon segnale dall'Europa
20-06-2019
Powell ha fatto del suo meglio per non concedere troppo a Trump, ma l'ammissione è chiara. Ora le borse possono fare molto
19-06-2019
Posizione di Draghi quella espressa ieri che può scatenare una guerra acerrima sulle valute