Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
13-05-2013

Dollaro australiano, Interessante l'Obbligazionario

Nessuna dichiarazione esplicita dal G7 sulle politiche di cambio dei principali blocchi, in particolare il Giappone, perchè questi erano gli accordi presi a febbraio, ma evidenti le tensioni soprattutto con Germania e Stati Uniti, per alcune dichiarazioni rese da Scheuble e dal Tesoro statunitense. Il Giappone sta di fatto esportando deflazione, invece che creare Inflazione, deprimendo il costo delle materie prime e spingendo al rialzo il corso delle valute asiatiche. Non difficile trarre un parallelo con la crisi asiatica di metà anni 90, per questo motivo la larga parte dei paesi del bacino ha annunciato misure di riduzione dei tassi. Ad essi si aggiungono Australia e Nuova Zelanda. Sulla scorta della nuova caduta dell'oro il dollaro australiano è ora molto sottovalutato particolarmente contro euro. I rendimenti di obbligazioni di buona qualità stanno ancora poco sotto al 4%. Probabilmente il mercato obbligazionario più attraente, un'idea al nostro portafoglio obbligazionario.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

07-01-2019
Il bund decennale è tornato quasi a zero, nonostante l Bce non compri più titoli tedeschi. Se passano i decreti su Fornero e reddito di cittadinanza (speriamo di no) si torna con ogni probabilità sopra il tre per cento
02-11-2018
Non pensiamo sia probabile l'accordo di cui parla in questi giorni la stampa
30-10-2018
Poco più di venti centesimi di differenziale di rendimento tra i due e i dieci anni, la Fed dovrà alzare il piede
14-09-2018
Moderato rialzo della lira turca a un aumento dei tassi doppio di quello previsto Senza interventi esterni la situazione è irrisolvibile, a meno di un grande indebolimento del dollaro. Sino ad allora divise degli emergenti ancora sotto pressione, ritardiamo gli acquisti di messicano e reais
30-08-2018
Ieri l'Argentina pressa per l'intervento del Fondo Monetario Internazionale (ottanta miliardi di dollari su seicentocinquanta di dotazione). Ma la preoccupazione del Fondo è per la Turchia, il cui salvataggio stimiamo ammonterebbe ad almeno duecento miliardi. Non vi sono d'altra parte ragioni se non psicologiche. per il forte indebolimento del reais