Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
03-07-2018

Euro, In Rafforzamento Dopo l'Accordo Tedesco

Alla fine la Merkel presental'accordo con il leader bavarese come un successo ma di fatto sancisce il principio secondo cui coloro che arrivano nel paese di prima accoglienza lì rimangono: con tutto il fumo che ha fatto Salvini, che non serve nel concreto ma gli porta voti, le navi della marina mlitare italiana continueranno a sbarcare profughi in italia, che verranno accolti al massimo in "centri di transito" in Germania qualora vi arrivassero dall'Austria (che ha una certa propensione a chiudere il Brennero).
Con le mosse degli ultimi mesi l'Italia si troverà permanente più migranti di prima senza avere la capacità contrattuale per imporre una redistribuzone: i fondi che l'Unione, ma la Germania di fatto, ha sostanzialmente sottratto ad Orban per riallocarli a Italia e Grecia sono contro qualcosa: lo ha capito Tsipras, che collabora con la Germania grazie al recente "condono" sul debito greco, lo capirà Salvini quando proverà a imporrre la prima misura economica, tipo la flat tax che a costo zero non è.
Ma l'euro a nostro parere ora è pronto per decollare, i mercati non ragionano su logiche di lungo periodo (e la posizione tedesca oggi è un chiaro segno di un' area euro in disfacimento), ma, come da dieci anni a questa parte, sulla capacità dei politici di rimandare, almeno formalmente, i problemi. 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione
08-11-2018
Sterlina che si rafforza nell'aspettativa di un accordo già nella giornata d oggi. Crediamo nessuna delle parti abbia interesse a raggiungerlo
07-11-2018
I Repubblicani ora non possono proprio fare a meno del Presidente