Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
27-07-2017

Euro, Sempre Più Vicino alle Due Velocità, e Bisogna Tenerne Conto

Certo la Fed fa di tutto per non dare risposte chiare, sulla consapevolezza che fare le cose giuste per l'economia reale significa far crollare i mercati finanziari: ieri sera il comunicato è stato di una vaghezza tale da far capire agli speculatori sulle divise che nessuno si deciderà mai a prendere decisioni.
Ma l'euro è fortissimo anche contro franco svizzero, contro yen e contro sterlina, dunque non è solo il dollaro a indebolirsi.
 
Ora non ci vuole un economista per capire, che quali che siano le proiezioni sul Pil di governo, FMI e UE, un euro più forte contro tutte le aree verso cui l'Italia esporta leverà diversi decimali di crescita.
 
Nessun ne parla chiaramente, assurdo che la Grecia sia tornata sul mercato con emissioni sotto il cinque per cento che certamente comprerà la Bce pur di convincere i risparmiatori a sottoscriverle: ma questo euro rende irreversibile il processo di continuo peggioramento dello stock di debito pubblico italiano e greco.
 
E' lecito pensare che i Tedeschi favoriscano questo rafforzamento della divisa  oltre che per riaggiustare il proprio surplus commerciale al fine di forzare la mano al governo italiano sui necessari riaggiustamenti di spesa.
 
In assenza dei quali, dopo le elezioni tedesche e con un Draghi oramai impossibilitato a prolungare oltre gli acquisti titoli, la strada di due euro, uno forse a 1,3 contro dollaro per la Germania e uno intorno alla parità per Italia e Grecia è l'unica strada percorrribile.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-12-2017
Le nuove incertezze sul passaggio della riforma fiscale oramai pilotate a creare un effetto sorpresa positivo per questo scorcio d'anno che rimane
14-12-2017
Nei prossimi mesi da preferire le società industriali come Gilead, che detengono grosse liquidità all'estero, mentre lo stesso non vale per i giganti della tecnologia e dei social network. La Fed ieri ne minimizza i possibili effetti sulla crescita, mentre l'inflazione non arriverà mai. Il probabile passaggio della riforma fiscale pur nella sua forma edulcorata elemento di frattura definitiva con la classe media
13-12-2017
Dopo la "cessione" del pacchetto di Unicredit, contestata dalla BCE lo stesso schema non è disponibile a altre banche come mostra stamane il rinvio di Banco-Bpm, tra le grandi la messa peggio insieme a MPS
13-12-2017
Oggi decisione sui tassi in America, Facebook decide di pagare le tasse nei paesi dove viene erogato il servizio, e i Democratici mettono il primo tassello per riconquistare la maggioranza. Tre cose tutte collegate con la probabilità che passi o meno la riforma fiscale. Ci attendiamo di nuovo un dollaro in indebolimento e una borsa molto selettiva sui titoli: i tempi dei grandi rialzi sono probabilmente finiti
12-12-2017
Secondo quanto riporta confusamente la stampa finanziaria, Unicredit dovrebbe scendere al 20% di partecipazione nei diciassette miliardi di sofferenze