Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
14-06-2017

Fed, una Ragione in Più per Guardare a Oriente

Stasera la Fed sarebbe imprudente a non mandare un chiaro segnale di aumento sui tassi almeno per la prossima riunione di luglio: se si vuole porre una linea di saggezza all'amministrazione Trump è probabilmente la ultima occasione per il presidente uscente (in molti indicano già un successore tra i fidati di Trump).

Il livello di occupazione è ai massimi dalla grande crisi, il mercato obbligazionario già sconta un rialzo dei tassi e non esistono possibili ulteriori stimoli che la politica monetaria possa imporre. Probabile un aumento di venticinque centesimi già stasera, ma sarà piuttosto la proiezione dei tassi di sconto e quella delle variabili economiche trimestrali ad influenzare borsa e andamento del dollaro.

Siamo al tiro alla fune tra una amministrazione indebolita che fa promesse che non può mantenere e volontà condivisa di affossare il dollaro; non è da escludere una correzione significativa sulla borsa americana mentre l'Asia, in particolare Corea e Cina sembrano relativamente immuni da possibili conseguenze. Aumenteremo al portafoglio emergenti il peso del settore tecnologico tra oggi e domani.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-12-2017
Le nuove incertezze sul passaggio della riforma fiscale oramai pilotate a creare un effetto sorpresa positivo per questo scorcio d'anno che rimane
14-12-2017
Nei prossimi mesi da preferire le società industriali come Gilead, che detengono grosse liquidità all'estero, mentre lo stesso non vale per i giganti della tecnologia e dei social network. La Fed ieri ne minimizza i possibili effetti sulla crescita, mentre l'inflazione non arriverà mai. Il probabile passaggio della riforma fiscale pur nella sua forma edulcorata elemento di frattura definitiva con la classe media
13-12-2017
Dopo la "cessione" del pacchetto di Unicredit, contestata dalla BCE lo stesso schema non è disponibile a altre banche come mostra stamane il rinvio di Banco-Bpm, tra le grandi la messa peggio insieme a MPS
13-12-2017
Oggi decisione sui tassi in America, Facebook decide di pagare le tasse nei paesi dove viene erogato il servizio, e i Democratici mettono il primo tassello per riconquistare la maggioranza. Tre cose tutte collegate con la probabilità che passi o meno la riforma fiscale. Ci attendiamo di nuovo un dollaro in indebolimento e una borsa molto selettiva sui titoli: i tempi dei grandi rialzi sono probabilmente finiti
12-12-2017
Secondo quanto riporta confusamente la stampa finanziaria, Unicredit dovrebbe scendere al 20% di partecipazione nei diciassette miliardi di sofferenze