Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
11-12-2017

Gilead, prezzo 74,22

Un paio di mesi fa accennavamo alla autorizzazione data a Gilead per un trattamento oncologico http://www.finanze.net/news-gilead-science-potenziale-enorme-4930.html che per aver seguito alcuni progetti nel campo ci pare avere il potenziale per rvoluzionare l'industria. Da allora il titolo di Gilead è solo sceso senza che riuscissimo a spiegarci perché. Ieri arriva la conferma che il trattamento è efficace nella maggioranza dei casi, sino alla remissione totale del tumore www.reuters.com/article/us-cancer-gilead-sciences-cart/gileads-new-drug-keeps-56-percent-of-lymphoma-trial-patients-alive-idUSKBN1E40N4
Certo si tratta di un trattamento molto costoso e riservato a forme rare: in questo l'industria farmaceutica è spietata perché la tecnologia è probabilmente applicabile ad altre forme più comuni ma in queste forme rare si impongono prezzi da capogiro: insieme alla difesa e alla finanza la farmaceutica è l'industria con gli standard etici più bassi, tanto che in America i prezzi delle vitamine sono aumentati come titola nel fine settimana il Financial Times, dell'800% https://www.ft.com/content/477521fa-dc34-11e7-a039-c64b1c09b482.
Ma è forse peggio quando è il pubblico a farsi gioco del cittadino, come nel caso della cessione a IBM dei dati sensibili dei Lombardi per l'utilizzo all'interno di Human Technopole, un progetto passato come frontiera della ricerca scientifica e invece orribile sfruttamento inconsapevole http://www.giannibarbacetto.it/2017/02/15/a-ibm-tutti-i-nostri-dati-sanitari-in-cambio-della-nuova-sede-sullarea-expo/
Le forme rare hanno processi autorizzativi più veloci, ciò che non giustifica il prezzo del trattamento ma senz'altro fa intendere che per applicazioni su larga scala ci potrebbero volere ancora anni.
Ma Gilead è sciuramente molto pù avanti di chiunque altro in un percorso che potrebbe davvero rivoluzionare il campo oncologico su vasta scala.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
L'azienda annuncia svalutazioni nell'area finanziaria, che probabilmente verrà dismessa. Raro esempio di un amministratore delegato che affronta i problemi
04-01-2018
Ottimo andamentO del titolo alla nostra selezione Gran Bretagna (inclusa nel portafoglio mondiale). il mercato inglese di gran lunga il più interessante in Europa, sino a che l'euro rimane a questi livelli insostenibili per l'industria esportatrice di area euro
03-01-2018
Il sette febbraio l'azienda comunica i risultati per il 2017. Possibili sorprese positive
02-01-2018
Su eventuali correzioni il titolo rimane molto interessante
29-12-2017
La febbre di acquisizioni che contagia il settore media negli Stati Uniti (vedere il nostro pezzo su Discovery) presumibilmente contagerà anche il Regno Unito