Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
22-06-2018

Grecia, Di Nuovo Sul Mercato, un Segnale Per l'Italia

Si approssimava la scadenza finale del programma e dall'inizio era evidente che non sarebbe mai stato possibile per la Grecia conseguire il rimborso. Tuttavia con sacrifici enormi della popolazione oggi i numeri della Grecia sono di tutto rispetto, con un avanzo primario e un Pil che cresce all'1,8%, ben più che in Italia.
L'austerità quindi non è la causa della mancata crescita in Italia, semmai si può discutere su come si compone. In Grecia hanno pagato troppo i poveri e poco i riccchi cui si sarebbero potute applicare maggiori imposizioni fiscali, ma il controllo della spesa pubblica è stato rigido.
In Italia stamattina un articolo bizzarro del Sole dove in sostanza si suggerisce possibile che la Bce continui a rinvestire a scadenza nel debito pubblico italiano gli oltre trecento miliardi che ne detiene,  tirando un parallelo con il Giappone http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2018-06-21/monetizzare-e-cancellare-debito-paesi-che-fanno-e-come-funziona-172411.shtml?uuid=AE5ZfLAF.
Vi è da auspicare che il giornalista dia fiato alle sue esternazioni e non già agendo su un input dell'attule governo che la proposta di cancellare il debito detenuto dalla Bce la aveva inserita nel contratto di governo iniziale.
Innanzitutto la combinazione di politiche monetarie e fiscali funziona dove vi è una sola fiscalità a fianco all'autrità monetaria. Noi vorrremmo andare verso la flat tax che è il contrario del resto dell'eurogruppo e dunque non è nenache immaginabile che la Bce continui all'inifinito ad investire nel debito italiano, nel contesto dell'attuale contratto di governo.
In secondo luogo non vi è alcun programma di contenimento severo della spesa pubblica a giustificare aiuti europei. Nssuno accorderà mai all'Italia, ad esempio, un piano di rientro dilazionato sul debito detenuto dslla Bce, se dall'altra parte non vi è un severo taglio alla macchina statale.
Infine, la discussione sui migranti si arena sostanzialmente non già sulla distribuzione de migranti fra i vari paesi europei ma su come difendere i confini esterni all'Unione. Dunque o l'Italia se ne prende una quota maggiore o alla fine l'Europa taglierà i fondi che sono stati sottratti all'Ungheria e ora reindirizzati in area mediterranea.
E' imbarazzante che il primo quotidiano economico italiano si presti ad alimentare aspettative impossibili 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-11-2018
I media riportano generalmente senza leggere o documentarsi: molto difficile che il testo di Barnier passi al Parlamento inglese
15-11-2018
Passa alla fine il condono per Ischia, quando gli interessi sono grandi la politica si ricompatta. Bruxelles reagirà probabilmente in modo duro e non rispettare le sanzioni porterebbe a fallimenti a catena nel sistema bancario
13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione