Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico
INVESTI IN CONOSCENZA
giovedì 21 febbraio webinar su dieci aziende Borsa iItaliana e commento banche, gli interessati possono scriverci per acquistare il servizio (anche registrato)





Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
06-12-2018

Huawei, Armi di Distrazione di Massa

E' probabilmente su questa partita che si definirà o meno l'accordo tra Stati Uniti e Cina: precedenti sanzioni comminate a Huawei sono state poi cancellate; è facile che l'uso delle frequenze che fa l'operatore cinese abbia proflili sospetti ma con quello che sta succedendo a Facebook non si può dire che l'Occidente sia da meno.
L'arresto non ha accuse motivate e se non potranno dimostrarsi gravi responsablità non può che ritorcersi contro l'amministrazione americana
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

21-02-2019
Dal resoconto della Fed di ieri sera emerge la volontà di non contrarre ulteriormente il proprio bilancio per quest'anno: dovrebbe essere una ottima notizia per la borsa e pesare sul dollaro. nostro portafoglio Stati Uniti + 35% da inizio anno
19-02-2019
Anche a Ericsson fanno sapere che senza Huawei l'Europa rimane indietro sulle nuove frequenze. Cosa decisamente evitare in borsa in Europa e cosa guardare
15-02-2019
La lega sta smontando il reddito di cittadinanza ora sulla privacy per sostenere Tav e ennesimo salvataggio Alitalia. Molta sensibilità per le pulsioni elettorali, meno per gli interessi del paese. Borsa italiana che tranne poche eccezioni continuerà a fare peggio delle altre
14-02-2019
Ritorno negativo sul capitale, con il sistema tedesco di partecipazioni banche impresa, i guai di Bayer con Monsanto, la contrazione dell'industria automobilistica, le scorse vicende di Lufthansa, cadono alcune icone storiche dell'investimento "sicuro"
01-02-2019
oggi i dati di occupazione americana potrebbe confermare un marcato rallentamento