Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
30-03-2018

Italia Verso una Discussione dei Parametri di Debito/Pil

Non vi sono dubbi che la linea al Movimento Cinque Stelle la detti ancora Grillo che qui, con argomentazioni anche di un certo interesse mette in discussione il parametro su cui si basa tutta la discussione in sede europea del rispetto da parte dell'Italia di certi criteri Pil-e-un-concetto-che-non-ha-piu-senso-guardare-oltre-e-poi-ricorda-15-anni-fa-chiamai-prodi/4260539/">https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/29/grillo-Pil-e-un-concetto-che-non-ha-piu-senso-guardare-oltre-e-poi-ricorda-15-anni-fa-chiamai-prodi/4260539/.
Come già è stato con la proposta sul reddito di cittadinanza da parte del candidato ministro del lavoro dei Cinque Stelle, ci si concentra più sul modo di misurare le grandezze che sul trovare le coperture.
Nel caso del reddito di cittadinanza, la tesi è che siccome coloro che si iscrivono alla popolazione attiva aumenterebbero, aumenterebbe anche il Pil teorico (la misura presa in considerazione da Bruxelles per fare quadrare i conti), dunque diventa più facile rispettare i parametri europei di rapporto debito/Pil: aumenta il numeratore (per diciassette miliardi secondo le stime del Movimento), ma il Pil teorico aumenta di più. Piccolo inghippo: i debiti sono veri e di oggi il Pil teorico è appunto teorico.
 
Lo stesso vale con il discorso di Grillo. E' verissimo che il Pil non misura cose che andrebbero misurate e ne misura altre (il contributo della economia criminale) che non andrebbero prese in considerazione. E che cosi' come è concepito tende a dare sempre più importanza all'economia di carta e a favorire la parte più ricca della popolazione (il settanta per cento del Pil nelle economie occidentale è finanza).
Ma qualche cosa a garanzia del debito , che abbia un valore economico scambiabile, bisognerà pure metterla e se non è il Pil saranno sicuramente altre cose (le opere d'arte?, gli immobili?): dire che il latte materno dovrebbe entrare nella misura di ricchezza di un paese è probablmente condivisibile, ma nessuno accetta a garanzia dei debiti delle amministrazioni pubbliche il latte materno.
In sintesi, siccome nessuno dei programmi elettorali, dalla estrema sinistra alla estrema destra, è sostenibile sul piano delle coperture, si cercano modi diversi di contabilizzare le grandezze per renderle sostenibili. Un po' come le banche fanno con le loro sofferenze.
 
Pur con alcuni elementi apprezzabili sul piano del pensiero, questa discussione non potrebbe che portare allo scontro frontale con Bruxelles. Siccome Grillo è intelligente, ci sembra probabile che si cerchi di formare un governo di breve durata basato su battaglie ideologiche che non sono percorribili se non fuori dall'euro e che questo porti a maggior insofferenza verso la burocrazie europea.
Sino a nuove elezioni e con una nuova legge elettorale, e una maggioranza molto più consolidata intorno a un crescente diasgio verso le norme europee: solo a quel punto chi governa metterà mano ai privilegi della macchina pubblica, ma ci vorranno mesi se non anni.
Nel frattempo non crediamo che investire sulla borsa italiana sia razionale.
 
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

18-12-2018
Forse i tassi verranno ancora alzati ma le previsioni saranno di forte rallentamento
17-12-2018
Macy's, L Brands, McKesson, nei settori più disparati della distribuzione i prezzi sono, come l'anno scorso prima di un forte rialzo, ridicolmente bassi. Oggi aggiornamenti ai portafogli mondale e America, per provare a sfruttare quello che immaginiamo possa essere un grosso rimbalzo
14-12-2018
Chi ha rapporti di stock di debito stabili o in diminuzione non subisce effetti negativi
13-12-2018
Impossibile abbassare il deficit di 0,4% e mantenere il contratto di governo
12-12-2018
Trump interviene nel caso Huawei (che ha creato) i Cinesi abbassano i dazi sulle auto americane