Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
27-09-2018

Legge di Bilancio, Verso un Pessimo Epilogo

Hanno sicuramente impatto positivo sugli elettori, per oltre il sessanta per cento trascinati in questo autarchsmo di altri tempi, gli strill dei due vice premier sulla sovranità dell'Italia ma i paragoni con la Francia, per quanto la politica di Macron in campo economico stia dando pessimi risultati, sono del tutto impropri: il rapporto tra stock di debto e Pil in Francia è di circa trentacinque punti percentuali più basso che in Italia e non richia la traiettoria esplosiva del nostro GDP">https://tradingeconomics.com/france/government-debt-to-GDP. C'è probabilmente calcolo politico ma estrema ignoranza: l'italia non può che trovare opposizione in ambito UE a una finanzaria scellerata: il governo può vincere il consenso degli elettori soprattutto in caso di rifiuto di Bruxelles ma sta portando l'Italia su una strada di non ritorno. Nel programma economico di governo vi erano alcuni elementi difendibili ma il modo in cui la manovra economica si sta declinando la rende la peggiore dai lontani anni settanta, quando i tassi viaggiavano a due cifre.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

12-12-2018
Trump interviene nel caso Huawei (che ha creato) i Cinesi abbassano i dazi sulle auto americane
10-12-2018
Mentre Bruxelles "decide" che la Gran Bretagna può decidere di rimanere, la May rinivia il voto
07-12-2018
Siamo stati pessimisti sulle borse per anni ma sia dal fronte Italia che di quello sulla lotta per i dazi le notizie brutte sono tutte conosciute
06-12-2018
L'arresto della figlia del fondatore in Canada su domanda di estradizione da parte degli Stati Uniti, su accuse non specificate: nessuno si sogna di bloccare Facebook per le medesime ragioni
05-12-2018
Davvero non giustificato lo scetticismo sull'accordo tra le due grandi potenze, dove la stessa Cina mostra fiducia nell'accordo