Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
05-12-2017

Mercati, Qualcosa E' Cambiato

Dura un giorno scarso l'euforia sul piano fiscale di Trump, che si può fermare solo con un aggravamento delle indagini sui legami con la Russia che da ieri è arrivato ai piani più alti dell'amministrazione americana https://www.politico.com/story/2017/12/04/pence-russia-probe-flynn-mueller-27878.
Questa settimana negli Stati Uniti c'è anche l'approvazione della Finanziaria, con la solita mincaccia di sospendere i pagamenti da parte del Tesoro americano che poi non si avvera mai.

L'elemento certo è che di denaro ne sta uscendo molto dai titoli che pù hanno corso, Facebook, Amazon, Alphabet, Tesla, Netflix, Qualcomm per indirizzarsi in particolare sulla grande dstribuzione tradizionale e sul settore sanitario.

Parte finisce forse sulle criptovalute, che come indicavamo la scorsa settimana e in newsletter, sono però più spinte da flussi di denaro illecito che da veri investitori. E se il tema non è ancora stato affrontato, è impossibile sttoporre le cripto-valute al controllo delle banche centrali ma è sicuramente possibile imporre controlli sull'antiriciclaggio vuol dire che va bene a molti, probabilmente a partire dalla politica.
Se così è, la settimana scorsa sono stati accertati movimenti significativi di denaro su Bitcoin per fini illeciti http://www.finanze.net/news-cripto-divise-ora-chiaro-come-bloccarne-la-diffusione-5025-c-vale-un-minuto-202.html, il suo prezzo può continuare a salire, perché di denaro sporco da sistemare ne gira sempre di più.

Grande cautela sull'Italia dove nonostante la commissione sulle banche abbia in sostanza affossato tutte le indagini su casi passati,  Carige e Credito Valtellinese sono a nostro parere più che sufficienti per tenersi lontano dal settore.

La chiusura dell'aumento di Carige è passata sotto silenzio e domani finisce la negoziazione dei diritti: nonostante le dichiarazioni da stadio dell'amministratore delegato (non a caso trattandosi di un ex calciatore) l'aumento non è andato al Riparto e a ieri gli impegni delle banche si aggirano sui quaranta milioni https://www.milanofinanza.it/news/carige-da-esclusiva-a-chenavari-per-creditis-201712050749332825. Magari l'operazione si chiude con successo ma con l'inzio dell'anno e le nuove regole di contabilizzazione delle sofferenze, gli aumenti di MPS, Creval, Carige, evaporeranno velocemente, ammesso che i due rimanenti  siano conclusi con successo.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

24-09-2018
Proposta di fusione tra la canadese Barrick Gold e la britannica Randgold in un settore che non vede più investitori
20-09-2018
La Bce rigetta il piano industriale e chiede la fusione. Le cartolarizzazione delle sofferenze non risulta spesso nelle banche in vero sgravio per i bilanci.
19-09-2018
La pressione politica perché l'azienda non riceva particolari sanzioni sarà alta; ma qualche investitore inizierà a chiedersi se le valutazioni delle società high tech sono davvero sensate
13-09-2018
Probabile forte rimbalzo dei mercati asiatici e del comparto di valore della borsa americana, mentre crediamo finita la discesa dei tassi in Italia, dopo una settimana in cui quasi tutti nel governo hanno provato ad abbassare ton delle dispute europee
11-09-2018
Probabile rialzo significativo delle borse e corsa del dollaro australiano nel giorno in cui Trump annuncia un secondo incontro coi Nord Coreani