Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-10-2017

Netflix e Tesla, Prima o Poi nel Dimenticatoio

Coperti entrambi ieri da uno dei blog americani seri www.seekingaplpha.com https://seekingalpha.com/article/4114256-netflix-dangerous-now?ifp=0,  https://seekingalpha.com/article/4114297-tesla-supercharger-advantage-evaporating?ifp=0 
Su Netflix, in breve, il debito contratto per acquisire nuove serie supera di gran lunga il nuovo fatturato. Quotare piccole percentuali del titolo come fanno in America per spuntare valutazioni favolose e far fare una quantità di commissioni alle banche di investimento ha però lo svantaggio che in Quotazione si incassa poco. In più Netflix sta iniziando a subire l'effetto di quello che è successo nella musica: chi ha un prodotto di successo lo distribuisce da solo.
Su Tesla, le megafattorie che sono presentate come il fiore all'occhiello del gruppo, rappresentano un livello intermedio di tecnologia: non consentiranno mai di servire un parco macchine di centiniaia di migliaia (semmai verrà prodotto) e rappresentano secondo diversi ingegneri una tecnologia intermedia. Apparentemente Toyota sta lavorando ad accumulatori molto più efficienti, alimentati a solido, che potrebbero ricaricare in un quarto d'ora.
Sono i due simboli estremi della moderna bolla, che quando scoppierà avra il suo nomignolo (Bolla New Tech?).
Quando motivi di tipo industriale  (non di borsa, con questa liquidità che circola si può sostenere qualsiasi cosa) renderanno chiaro che hanno modelli di sviluppo paradossalmente obsoleti, il loro imprroviso ritorno a valutazioni logiche rappresenterà il Rischio più significativo per l'intero mercato di borsa.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
L'azienda annuncia svalutazioni nell'area finanziaria, che probabilmente verrà dismessa. Raro esempio di un amministratore delegato che affronta i problemi
04-01-2018
Ottimo andamentO del titolo alla nostra selezione Gran Bretagna (inclusa nel portafoglio mondiale). il mercato inglese di gran lunga il più interessante in Europa, sino a che l'euro rimane a questi livelli insostenibili per l'industria esportatrice di area euro
03-01-2018
Il sette febbraio l'azienda comunica i risultati per il 2017. Possibili sorprese positive
02-01-2018
Su eventuali correzioni il titolo rimane molto interessante
29-12-2017
La febbre di acquisizioni che contagia il settore media negli Stati Uniti (vedere il nostro pezzo su Discovery) presumibilmente contagerà anche il Regno Unito