Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
18-04-2017

Obbligazionario, Chiudiamo le Posizioni Sterline

Il cambio è un elemento fondamentale del rendimento di un portafoglio obbligazionario e da mesi puntavamo, non tra molti sulla rivlutazione della sterlina. Con la debole performance dell'amministrazione americana e i problemi politici europei la Gran Bretagna, contro tutte le scommesse, rschia di dventare un'isola felice, proprio grazie alla Brexit.
Crediamo che in un anno la sterlina sarà ancora parecchio più forte di così ma usiamo questa giornata di grande rimbalzo su una dimostrazione di forza politica della May per consolidare l'utile.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-05-2019
Molti articoli sulla stampa sul possibile disinvestimento dei Cinesi dal debito americano
05-03-2019
Sebbene l'Italia abbia ancora un merito creditizio molto più alto, la differenza di rendimento tra i due decennali è oramai un punto: o salgono i tassi in Grecia o salgono in Italia, la Bce non può abbassarli
28-02-2019
Abbiamo effettuato una analisi di alcuni dei fondi detenuti da investitori italiani, Spesso le prime voci all dei fondi sono emissioni altamente illiquide, che non troverebbero compratori nel caso di rimborsi. La recente caduta dei rendimenti su Bund e Treasury ha avuto effetto positivo recente su questi prodotti: che da qui in poi sono molto più rischiosi di titoli azionari solidi con buoni dividendi. Infine questi fondi detengono mediamente due terzi del patrimonio in liquidità su cui non vi è alcun rendimento
21-02-2019
Nei giorni scorsi il Pil della Corea del Sud supera quello dell'Italia, con dieci milioni in meno di abitanti. Chiudiamo le posizioni sul dollaro
05-02-2019
Un sacco di baccano sul ritiro del gestore obbligazionario più famoso al mondo, che ha cavalcato con intelligenza trent'anni di tassi in discesa: ma è finita un'era