Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
26-03-2018

Obbligazionario, Interessanti i Governativi Americani

E' possibile che in settimana s assista a un moderato rimbalzo delle borse, il fine settimana scorso è pieno di articoli sui principli siti finanziari per cui la Fed sovrastimerebbe l'Inflazione e di dichiarazioni di Mnuchin, secondo il quale le mosse di Trump sono un modo per convincere i Cinesi al libero scambio.
La realtà crediamo sia più vicina a quello che descriviamo nella newsletter di sabato scorso e che dunque le borse entrino in una fase protratta di difficoltà, pur con qualche rimbalzo temporaneo.
In questo contesto a meno che si possano aprire posizioni lunghe e corte contemporaneamente sull'azionario ci sposteremmo sull'obbligazionario.
Il dollaro è incrediblmente sottovalutato, nonostante le banche di affari insistano sul fatto che sia nell'interesse dell'Europa avere un euro forte per evitare che la Bce alzi i tassi, l'ultima di queste uscite è di JP Morgan: tutte al servizio di una amministrazione americana che vede negli strumenti della svalutazione competitiva e del protezionismo mezzi ancora applicabili in queste economie connesse.
Crediamo dunque che si farà di tutto per evitare che il decennale americano superi il tre per cento di rendimento. A nostro parere su varie scadenze il debito americnao è ora interessante, con limitate possibilità che il dollaro torni verso i suoi minimi. Anche ipotizzando picchi a 1,25 il differenziale di rendimento con il BTP consente ancora di investire con vantaggio nei titoli di stato americani il cui rendimento è di circa uno per cento superiore sulle scadenze decennali a quello del nostro debito.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (2 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

13-05-2019
Molti articoli sulla stampa sul possibile disinvestimento dei Cinesi dal debito americano
05-03-2019
Sebbene l'Italia abbia ancora un merito creditizio molto più alto, la differenza di rendimento tra i due decennali è oramai un punto: o salgono i tassi in Grecia o salgono in Italia, la Bce non può abbassarli
28-02-2019
Abbiamo effettuato una analisi di alcuni dei fondi detenuti da investitori italiani, Spesso le prime voci all dei fondi sono emissioni altamente illiquide, che non troverebbero compratori nel caso di rimborsi. La recente caduta dei rendimenti su Bund e Treasury ha avuto effetto positivo recente su questi prodotti: che da qui in poi sono molto più rischiosi di titoli azionari solidi con buoni dividendi. Infine questi fondi detengono mediamente due terzi del patrimonio in liquidità su cui non vi è alcun rendimento
21-02-2019
Nei giorni scorsi il Pil della Corea del Sud supera quello dell'Italia, con dieci milioni in meno di abitanti. Chiudiamo le posizioni sul dollaro
05-02-2019
Un sacco di baccano sul ritiro del gestore obbligazionario più famoso al mondo, che ha cavalcato con intelligenza trent'anni di tassi in discesa: ma è finita un'era