Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
27-07-2018

Peso Messicano, Vendiamo l'Obbligazionario

Usciamo dallle Bei in Peso quotate al Mot in cui eravamo investiti, avendo incassato cedole lorde del 7% e testimoni nelle ultime settimane da un forte apprezzamento della divisa.
Rimaniamo convinti che in ambito obbligazionario siano alcune divise ad alto rendimento ad offrire valore, e rientreremo col nostro portafoglio obbligazionario tra oggi e la prossima settimana sul Reais.
Senza grandi probabilità di inversione la situazione sulla lira turca, da cui continuiamo a rimanere distanti.
Stiamo pensando anche di uscire dalle obbligazioni in dollaro, che riteniamo abbia grosso spazio di svalutazione e di rientrare sulla sterlina, che non rimarrà per sempre a questi livelli minimi.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

02-11-2018
Non pensiamo sia probabile l'accordo di cui parla in questi giorni la stampa
30-10-2018
Poco più di venti centesimi di differenziale di rendimento tra i due e i dieci anni, la Fed dovrà alzare il piede
14-09-2018
Moderato rialzo della lira turca a un aumento dei tassi doppio di quello previsto Senza interventi esterni la situazione è irrisolvibile, a meno di un grande indebolimento del dollaro. Sino ad allora divise degli emergenti ancora sotto pressione, ritardiamo gli acquisti di messicano e reais
30-08-2018
Ieri l'Argentina pressa per l'intervento del Fondo Monetario Internazionale (ottanta miliardi di dollari su seicentocinquanta di dotazione). Ma la preoccupazione del Fondo è per la Turchia, il cui salvataggio stimiamo ammonterebbe ad almeno duecento miliardi. Non vi sono d'altra parte ragioni se non psicologiche. per il forte indebolimento del reais
03-08-2018
Sterlina ai minimi , con segnali di rialzo dei tassi dalla banca d'Inghilterra e maggiore flessibiltà dell'Unione nei rapporti con la Gran Bretagna