Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
28-02-2018

Politiche Monetarie, Bce Nullificata, Conta Solo la Fed

La stampa Finanziaria dà per scontato un risultato elettorale gradito alla borsa italiana. Nè in quel caso nè in altri scenari esiste un solo programma economico tra quelli presentati da tutte le forze politiche nessuna esclusa, da Potere al Popolo a Casa Pound (passando da Liberi e Uguali, Pd, Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, Cinque Stelle)  che è percorribile. Incredibile che forze politiche che commettono chiarmente il reato di apologia di fascismo siano tollerate, ma in Italia funziona che piuttosto che il nemico è meglio che il voto lo prendano i fanatici, che poi, si pensa, non disturbano tanto. Il risultato è che i cittadini alla Costituzione non credono più. L'unica cosa che fa veramente paura a tutte le forze politiche è l'astensionismo, perché quello bisogna affrontarlo. 
Nel frattempo l'Inflazione non arriverà mai ma Draghi continuerà a raccontare che la politica economica deve rimanere espansiva. L'Inflazione in Europa non arriverà mai perché la disoccupazione vera è salita, non scesa http://www.economiaepolitica.it/lavoro-e-diritti/lavoro-e-sindacato/disoccupazione-in-europa-una-misura-piu-completa/, dal tempo della grande recessione. L'unico paese in cui l'occupazione è salita non vedrà mai un incremento sostanziale dei consumi, perché i Tedeschi non spendono. Senza una redistribuzione del reddito l'Inflazione non può arrivare e quella richiede che Draghi smetta di stampare denaro che usano solo pochi eletti.

Le sorti del dollaro sono totalmente legate a quello che decide di fare Powell (Trump). Il messaggio ieri è stato letto come Powell non voleva che fosse letto, perché nello stesso tempo si è preoccupato di minimizzare la recente caduta di borsa. Ai Cinesi un dollaro debole ora piace perché stanno chiaramente cercando di sostituirlo con lo yuan come valuta di riserva (la Bundesbank già lo usa in parte): sarà notato da molti come oramai da due anni non cercano più di indebolire la loro divisa. E' un gioco pericoloso per gli Americani perché perdere il ruolo di moneta di riserva per gli scambi internazionali (già alcune materie prime si possono regolare in yuan) leverebbe per sempre un ruolo centrale agli Stati Uniti, ma certo nessuno nell'amministrazione americana pensa oltre i limiti del proprio mandato. Ross in particolare, che è al commercio internazionale ha oltre ottant'anni, l'importante è fare più soldi possibili fino a che campa.

Sebbene contrario a qualsiasi logica macro crediamo dunque che non vedremo un ulteriore rafforzamento del dollaro, ragione per cui abbiamo chiuso la nostra posizione corta euro contro dollaro stamane al portafoglo cambi. La unica ragione che potrebbe portare a un euro molto debole, cosa che per l'Italia sarebbe un toccasana, sarebbero risultati politici incerti alle elezioni di domenica prossima e la richiesta del SPD, nell'ipotesi quasi scontatata che domenica i suoi elettori dicano si al nuovo governo con la Merkel, per alcuni ministeri chiave spostando fortemente a sinistra la politica economica tedesca. Prima sembrava che Weidmann sarebbe finito al governo ma ora sarebbe lui a non accettare, si sta di fatto facendo un sacco di pubblicità come successore di Draghi. Paradossalmente per noi Italiani la impossibilità di formare un governo farebeb certamente cadere la borsa ma porterebbe a dover considerare decisioni drastiche (tagli della spesa pubblica giganteschi), di cui vi è tanto bisogno ma che nessun politico professionista avvallerà mai.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-09-2018
La Bce rigetta il piano industriale e chiede la fusione. Le cartolarizzazione delle sofferenze non risulta spesso nelle banche in vero sgravio per i bilanci.
19-09-2018
La pressione politica perché l'azienda non riceva particolari sanzioni sarà alta; ma qualche investitore inizierà a chiedersi se le valutazioni delle società high tech sono davvero sensate
13-09-2018
Probabile forte rimbalzo dei mercati asiatici e del comparto di valore della borsa americana, mentre crediamo finita la discesa dei tassi in Italia, dopo una settimana in cui quasi tutti nel governo hanno provato ad abbassare ton delle dispute europee
11-09-2018
Probabile rialzo significativo delle borse e corsa del dollaro australiano nel giorno in cui Trump annuncia un secondo incontro coi Nord Coreani
07-09-2018
Attacchi prima al Nord Corea poi al Giappone da parte dell'amministrazione americana; lo scopo è quello di estendere gli accordi multilaterali, gli investitori lo percepiscono come l'inizio di una crisi sui mercati asiatici