Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
20-06-2018

Politiche sulla Migrazione, il Grimaldello per Ottenere Consensi in Economia

Dazi e poltiche anti immigrazione vanno di pari passo ngli Stati Unit, con Trump in pina campagna elettorale per le elezioni di metà mandato a novembre.
Piano piano Salvini sugli stessi passi, ora spingendo su politiche protezionistiche in campo economico facendo Leva sul grande consenso che riceve in tema di flussi migratori: la settimana scorsa l'intenzione di bloccare le importazioni di grano canadese.
Come per tutti i fanatismi una base di verità a spingere queste esternazioni c'è: Farinetti ora il grano lo produce in Nord America, utilizzando molecole geneticamente modificate che portano a produzioni circa quadruple a quelle di un ettaro italiano: nessuno sa cosa succederà (o sta già succedendo data la crescente percentuale di tumori) mangiando cibo geneticamente modificato ma quello che è certo è che Eataly sta facendo quello che la Fiat ha fatto con le auto: la poltica ha ampiamente supportato entrambi e quando non è stato più possible ricevere aiuti ci si sposta all'estero.
Ma l'Italia non è in grado di imporre politiche protezionistiche in materia economica, con l'enorme deficit energetico che sopporta: in economie interconnesse risulterebbe in ulteriori aggravi sull esportazioni italiane.
Trump può portare avanti di pari passo politiche anti immigrazione e di protezionismo economico perché non ha una Unione cui rispondere.
Le conseguneze sono per la borsa che le aziende che dipendono da una presenza diffusa soffrono pesantemente, ieri General Electric esce dall'indice di borsa più antico ed entra Walgreens, azienda farmaceutica il cui mentore è un imprenditore italiano, Pessina con una quantità pregressa di problemi con la giustizia. E che quelle che non possono essere soggette a dazi, prevalentemente aziende della tecnologia, trattano a prezzi folli.
Questo atteggiamento acritico durerà ancora per qualche mese e potrà solo scemare se le elezioni di metà mandato non saranno favorevoli ai Repubblicani.
Sulla borsa italiana, probabiel si estenda un rimbalzo ad altre banche italiane, dopo Ifis e Banco-Bpm: la BCE sarebbe orientata a torvare l'ennesimo cmpromesso sulle banche con la contabilizzazione delle sofferenze: tutte le volte che succede la borsa festeggia, non si capisce che così l'economia reale può solo peggiorare perché le banche non imprestano. 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

15-11-2018
I media riportano generalmente senza leggere o documentarsi: molto difficile che il testo di Barnier passi al Parlamento inglese
15-11-2018
Passa alla fine il condono per Ischia, quando gli interessi sono grandi la politica si ricompatta. Bruxelles reagirà probabilmente in modo duro e non rispettare le sanzioni porterebbe a fallimenti a catena nel sistema bancario
13-11-2018
Nella proposta di Barnier alla Gran Bretagna c'è di tutto, comprese richieste ambientali. Per l'Italia da oggi, giorno della risposta avvolta nel mistero, al ventuno per sapere se verrà attivata la procedura di infrazione. Che sarebbe a questo punto un bene
12-11-2018
Contributo "volontario" delle banche per una obbligazione che dovrebbe essere rimborsata a breve. Unicredit fece lo stesso con Popolare Vicentina, tranne poi ritirarsi. Una ragione in più per uscire con una proposta sensata entro domani nei confronti della UE
09-11-2018
La durezza dei giudizi espressi dalla Commissione sulle prospettive di crescita dell'Italia e della Gran Bretagna totalmente ignorata dai mercati, nell'era della manipolazione. Se le intenzioni di Bruxelles sono serie saranno le grandi banche italiane, da Intesa a Unicredit ad andare sotto pressione