Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
13-04-2017

Posco (ADR), prezzo 58,15

Punte di quasi delirio nell'intervista di ieri al Wall Street Journal d Trump: ll dollaro è troppo forte ma non è colpa dei cinesi (di cui vi è assoluto bisogno), anzi forse è colpa sua perchè " troppo credibile"; la Yellen non è"bollita" ("toast" la parola usata inglese) e anzi gli piace.

In tutte le scorribande dei primi mesi di questa amministrazione sono state messe in campo tutte le armi, un po' infantili, prima del protezionismo, poi del taglio delle tasse (ora non finanziabile perchè è caduta la controriforma sanitaria); ancora, gli attacchi militari in politica estera e la pronta smentita di volersi occupare di guerra civile in Siria. Infine le uscite di ieri sul dollaro.

Se vi è una cosa che invece sembra avere senso (idea di Wilbur Ross, segretario del commercio) è quella di sostituire accordi multilaterali, a partire da quello con i paesi asiatici, con accordi bilaterali su industrie specifiche. Quando ci si siede a un tavolo in tanti con un unico obiettivo da negoziare si litiga per forza.

Gli Americani che hanno votato Trump vengono in parte significativa da industrie punite dalla globalizzazione, come l'automobilistico. Su questo settore in particolare crediamo l'amministrazione si concentrerà perchè il possible rilancio dell'industria automobilistica americana (da qui il flirt con Musk di Tesla)  farebbe passare indenne le elezioni di "mid term" e forse far vincere un secondo mandato al presidente.

Però gli Stati Uniti hanno capacità produttva ridotta nei prodotti "piatti" dell'acciaio che serve per fare le automobili. A parte Nucor e Us Steel è rimasto quasi niente negli Stati Uniti mentre Posco è uno dei più grandi produttori di lamiera al mondo, con conti molto in ordine: riteniamo quindi possibile che rappresenti una delle controparti privilegiate per questi accordi blaterali.

I multipli sono interessanti e il livello di debito molto contenuto, soprattutto se confrontati con giganti come Arcelor-Mittal che a forza di acquisizioni si è inguaiata davvero a livello patrimoniale.


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

09-07-2020
In cerca di possibili idee di investimento in un mercato dove non toccheremmo quasi nulla, ci sembra una delle poche cose guardabili
17-04-2020
Sulla possibile scoperta di un farmaco
14-04-2020
Ora i mercati sono più cari di prima del virus, considerando quelli che saranno i risultati delle aziende. La liquidità come sempre invece che finire sulla economia reale finisce in borsa. Ci attendiamo una altra pesantissima correzione
06-04-2020
La attività creditizia prevista dal piano da duecento miliardi è a garanzia statale e non creerà NPL, almeno per i prossimi cinque anni
05-04-2020
Venerdì scorso cento milioni di titoli venduti in asta. Più che imporre il golden power bisognerebbe regolare il cosiddetto shadow banking