Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
21-09-2017

Produttori di Shale Oil Americani, da Vendere allo Scoperto

Ieri il presidente dell'istituto nazionale di geofisica e vulcanologia affermava che l'attività sismica recente è del tutto in linea con gli standard storici ma sono sempre di più gli scienziati a partire da esponenti dell'istituto di sismologia americano a sostenre la correlazione tra eventi naturali e fracking e soprattutto la concatenazione di eventi in aree geografiche prossime http://www.politico.com/magazine/story/2017/09/14/earthquakes-oil-us-economy-fracking-215602
Nell'articolo si evidenzia come i danni naturali che conseguono a questa attività potrebbero essere superiori ai benefici che gli Stati Uniti derivano dall'essere quaasi autosufficienti nella produzione di idrocarburi.
La pressione politica soprattutto di parte democratica potrebbe aumentare per regolamentare un'attività che in larga parte dei paesi europei è vietata.
Crediamo che sebbene i titoli del settore come Maratho Oil abbiano perso moltissimo vi sia più di una società da vendere aggressivamente: è tra i settori che aggiungiamo alla componente short del nostro portafoglio azionario.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
L'azienda annuncia svalutazioni nell'area finanziaria, che probabilmente verrà dismessa. Raro esempio di un amministratore delegato che affronta i problemi
04-01-2018
Ottimo andamentO del titolo alla nostra selezione Gran Bretagna (inclusa nel portafoglio mondiale). il mercato inglese di gran lunga il più interessante in Europa, sino a che l'euro rimane a questi livelli insostenibili per l'industria esportatrice di area euro
03-01-2018
Il sette febbraio l'azienda comunica i risultati per il 2017. Possibili sorprese positive
02-01-2018
Su eventuali correzioni il titolo rimane molto interessante
29-12-2017
La febbre di acquisizioni che contagia il settore media negli Stati Uniti (vedere il nostro pezzo su Discovery) presumibilmente contagerà anche il Regno Unito