Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
15-12-2016

Reais, al Massimo da Molti Anni

Quasi impossibile farsi venire buone idde sull'obbligazionario, specie dopo la mossa Fed, che non sembra coordinata nè con le altre banche centrali nè con la futura amministrazione americana.
Il risultato di ieri è che la divisa brasiliana vola a un lvello mai visto da diversi anni e che quinidi ora comprare obbligazoni diventa difficile.
Da un mese siamo liquidi sul portafoglio obbligazionario ma davvero in questo contesto non vi è valore. Riconsidereremo obbligazioni di emittenti AAA in divise ad alto rendimento se torna un po'di razionalità sui mercati.

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-07-2018
Dai due anni ai dieci pochi centesimi di differenza. Mentre Bernanke dice che una eventuale inversione della curva non prevede recessione
31-05-2018
Ieri piazzato in asta il Btp quinquennale al 2,32%. Sintanto che i rendimenti sono superiori a quelli dei titoli di stato americani, può essere occasione di acquisto. L'elemento di rischio maggiore ora un governo che con l'appoggio della Meloni diventerebbe molto più reazionario di quanto i risultati elettorali avevano fatto immaginare.
04-05-2018
Tassi alzati una seconda volta (al trentatré per cento) e divisa quasi dimezzata in un anno. Rischi di contagio non trascurabili, la Fed sarà molto prudente
26-03-2018
Passeremo sul portafoglio obbligazionario da emittenti sovranazionali a titoli di stato americani, dove vi è più liquidità e si può facilmente muoversi tra varie scadenze, aumentando il peso del dollaro. Interessante il messicano, questo su sovranazionali perché il rischio del debito domestico è alto.
22-11-2017
La differenza tra tassi a dieci anni e a due anni la più bassa dal 2007 ma probabilmente la prossima recessione è ancora lontana. Sembra piuttosto un modo per tenere il tasso di cambio del dollaro basso