Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
31-05-2017

Salvataggi Bancari, i Clienti di Poste Vita Vittime Designate

Anticipavamo nei giorni scorsi che l'esclusione dal bail-in di operatori del risparmio previdenziale avesse un fine strumentale ad utilizzare altro denaro di cittadini inconsapevoli per salvare le banche.

Ne arriva conferma con le dichiarazioni della presidentessa di Poste Italiane e il possibile interessamento di Poste Vita alla ricapitalizzazione di Atlante.

Nelle assicurazioni come Poste Vita il denaro di chi versa viene ribaltato sui libri dell'istituto quindi  è formalmente della compagnia, non dei clienti. Che già hanno perso duecentocinquanta milioni con il primo contributo ad Atlante.
E' incredibile che con queste manovre si preservino i voti di elettori che saranno quasi tutti colpiti direttamente dal raggiro, ma che nel risparmio previdenziale se ne accorgeranno solo dopo molti anni.
 

Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

25-05-2018
Le affermazioni dell'incaricato Presidente del Consiglio e i vincoli (morbidi) di aggiustamento della UE per il 2019 indicano con necessità che nè reddito di cittadinanza, nè flat tax, nè riforma Fornero avranno attuazione almeno sino al 2020. L'Unione passerà alcuni trasferimenti all'Italia come cane da guardia sull'immigrazione, come già fa con la Turchia
24-05-2018
Da verbali della Fed considerazioni molto meno aggressive del previsto. Tassi sul decennale che scendono e dollaro a nostro parere verso indeboilmento
23-05-2018
Dopo le dichiarazioni di Conte c'è da attendersi un governo che non farà nulla ,sul piano economico, di quanto scritto nel contratto di governo
23-05-2018
Imbarazzante mancanza di assunzione di responsabilità da parte del Presidente della Repubblica, non una parola sui programmi
18-05-2018
Il petrolio ha raggiunto prezzi non giustificati dalla domanda, sulle sanzioni all'Irane e quelle possibili che gli Stati Uniti imporrebbero al nuovo governo di Maduro dopo le elzioni di domenica prossima