Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
13-12-2016

Salvatore Ferragamo, Recente Avvicendamento al Vertice

Ha da poco lasciato la guida di Salvatore Ferragamo Michele Norsa. L'amministratore delegato, nel gruppo dal 2006 e convinto promotore della Quotazione, avvenuta nel 2011, continuerà a collaborare con la maison fiorentina in veste di direttore non esecutivo.
Michel Norsa fu voluto in Ferragamo proprio per la sua esperienza di mercati azionari: nel 2002  svolse un ruolo chiave nello spin-off di Valentino Fashion Group dalle attività di Marzotto.
Oggi il gruppo è in più di cento paesi, oltre sessanta con presenze dirette di negozi monomarca, con un fatturato superiore al miliardo di euro. Al suo posto Eraldo Poletto, già AD di Furla.
Il settore della moda vive un momento di grandi sfide dove la scelta è tra un contenimento quasi esasperato dei costi, come nel caso di Burberry  e una ricerca ancora più maniacale del prodotto. Su questa strada sembra orientatata Salvatore Ferragamo.
 
Dalla sua Quotazione il titolo è raddoppiato di valore in cinque anni, tra i più faticosi per la borsa italiana.
Per un investitore prudente rappresenta senz'altro buon valore: il titolo paga un Dividendo del due per cento e vende a multipli degli utili molto contenuti rispetto alla media di settore, intorno alle venti volte.
Ancora più importante, per risparmiatori sempre più attenti alla situazione delle banche italiane, la società ha un indebitamento quasi nullo: garanzia che in qualsiasi contesto finanziario un gruppo che si autofinanzia e vende in tutto il mondo continuerà a fare bene. 

 


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

20-07-2018
Dai due anni ai dieci pochi centesimi di differenza. Mentre Bernanke dice che una eventuale inversione della curva non prevede recessione
31-05-2018
Ieri piazzato in asta il Btp quinquennale al 2,32%. Sintanto che i rendimenti sono superiori a quelli dei titoli di stato americani, può essere occasione di acquisto. L'elemento di rischio maggiore ora un governo che con l'appoggio della Meloni diventerebbe molto più reazionario di quanto i risultati elettorali avevano fatto immaginare.
04-05-2018
Tassi alzati una seconda volta (al trentatré per cento) e divisa quasi dimezzata in un anno. Rischi di contagio non trascurabili, la Fed sarà molto prudente
26-03-2018
Passeremo sul portafoglio obbligazionario da emittenti sovranazionali a titoli di stato americani, dove vi è più liquidità e si può facilmente muoversi tra varie scadenze, aumentando il peso del dollaro. Interessante il messicano, questo su sovranazionali perché il rischio del debito domestico è alto.
22-11-2017
La differenza tra tassi a dieci anni e a due anni la più bassa dal 2007 ma probabilmente la prossima recessione è ancora lontana. Sembra piuttosto un modo per tenere il tasso di cambio del dollaro basso