Cerca:
File Icon Versione per stampa
Segnala un amico




Lavoro nel mondo
Lavoro in Italia
15-09-2017

Sociedad Quimica y Minera de Chile (ADR)

Ci sforziamo da un po' di tempo di capire se l'esplosione dei prezzi di Tesla e del litio utilizzato per fare le batterie abbia qualche spiegazione razionale: basta guardare questo ETF sul litio https://www.milanofinanza.it/quotazioni/dettaglio/global-x-lithium-etf-2960027?refresh_cens per domandarsi se sono diventati tutti matti.

Questo è uno dei migliori studi divulgativi che abbiamo trovato http://www.mining.com/web/lithium-supply-demand-story/.

Ci sembra di capire in sintesi che ci sono circa tredici milioni di riserve di litio al mondo, che oggi ne vengono estratte tra le cento e le centocinquantamila all'anno di cui circa il 10/15% vanno oggi per batterie di auto elettriche (che non arrivano a mezzo milione complessivamente). Se in una batteria vanno circa dieci chili di litio, la quota di litio stimata per le auto nel 2025 dall'allegato grafico di Deutsche Bank implica una produzione di cinque/dieci milioni di auto elettriche per quell'anno, una follia.

La conclusione, sulla base della domanda i prezzi del litio sono molto, molto gonfiati. Se si scommette sulla rivalutazione del litio, tuttavia è meglio farlo con dei titoli azionari.

Come indica il grafico, questo produttore controlla l 26% della produzione industriale mondiale e non si trova certo in un'area a grande stabilità politica: userà senz'altro tutto il suo potere contrattuale. Il titolo seppure molto salito, vende a quarantadue volte gli utili.

Se tornasse indietro, diciamo a multipli di trenta volte lo inseriremmo senz'altro nei nostri portafogli. E' comunque il modo migliore per giocare questa scommessa se lo si vuole fare. Noi attendiamo prezzi più bassi.


Segnala un amico

Your email address *
Inserisci l'indirizzo email a cui vuoi segnalare *
 


Commenta (0 commenti)

Devi effettuare l'accesso per vedere i commenti

Altri articoli da questa sezione

17-01-2018
L'azienda annuncia svalutazioni nell'area finanziaria, che probabilmente verrà dismessa. Raro esempio di un amministratore delegato che affronta i problemi
04-01-2018
Ottimo andamentO del titolo alla nostra selezione Gran Bretagna (inclusa nel portafoglio mondiale). il mercato inglese di gran lunga il più interessante in Europa, sino a che l'euro rimane a questi livelli insostenibili per l'industria esportatrice di area euro
03-01-2018
Il sette febbraio l'azienda comunica i risultati per il 2017. Possibili sorprese positive
02-01-2018
Su eventuali correzioni il titolo rimane molto interessante
29-12-2017
La febbre di acquisizioni che contagia il settore media negli Stati Uniti (vedere il nostro pezzo su Discovery) presumibilmente contagerà anche il Regno Unito